E’ morto Don Ambrogio, 88 anni ed una vita passata tra gli ammalati. Riposa in pace

E’ in lutto la Chiesa reggiano-guastallese per la scomparsa di monsignor Ambrogio Morani, stroncato ieri sera da un malore nella sua abitazione, nella canonica della chiesa della Concezione, in centro a Guastalla. La coppia che lo assisteva ha subito dato l’allarme ai soccorsi. Ma non c’è stato nulla da fare.






Domenica scorsa aveva compiuto 88 anni. Don Ambrogio era stato ordinato sacerdote nel 1955. Era stato direttore del collegio San Giuseppe, docente di latino al seminario di Guastalla, assistente spirituale dei Naif della Bassa, cappellano dei Rom, cappellano delle carceri mandamentali di Guastalla dal 1958 al 1965.

Un prete sempre accanto a poveri e bisognosi. Poi il lungo servizio in ospedale. Era anche un apprezzato artista: almeno duemila le sue opere in giro in collezioni private. I suoi quadri erano firmati “Brommo”. Il corpo è stato composto stamattina nella cappellina dell’ospedale guastallese, dove dal 1985 fino a pochi anni fa era stato impegnato come cappellano e assistente spirituale. Domani alle 11 i funerali in duomo a Guastalla, poi la tumulazione accanto alla tomba della madre, nel cimitero di Paullo di Casina, suo paese d’origine.




Fonte: Il Resto del Carlino

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome