E’ morto Aldo Biscardi. Giornalista sportivo che si arrabbiò per le bestemmie in campo.

E’ morto stamane a Roma Aldo Biscardi, giornalista e conduttore televisivo noto per l’ideazione e la conduzione del programma televisivo “Il processo del Lunedì”. Ne dà notizia la famiglia all’Ansa. Nato a Larino (Campobasso), Biscardi avrebbe compiuto 87 anni tra poco più di un mese. Si arrabbio’ per le bestemmie dei giocatori in campo e disse in una trasmissione: ‘Se bestemmiano in campo, fategli 50 milioni di multa’.

Il presentatore televisivo Aldo Biscardi posa per una foto in occasione della conferenza stampa di presentazione della 22/ma edizione de “Il proceso di Biscardi”, in una immagine scattata a Milano datata 24 agosto 2001, Roma, 8 Ottobre 2017. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO





Biscardi era ricoverato da qualche settimana al Policlinico Gemelli, assistito dai figli, Antonella e Maurizio. Da tempo aveva lasciato il video, dove aveva debuttato nel 1979, alla Rai. E’ del 1980 l’ideazione del programma “Il processo del lunedì”, primo talk show sul mondo del pallone di cui divenne anche conduttore nel 1983, moltiplicandone il successo.

Dopo qualche anno, grandi successi e molte polemiche, il giornalista nel 1993 lasciò la Rai per passare a Tele+, dove esordì col nuovo programma “Il processo di Biscardi”, che trasferì poi, sempre con la stessa fortunata formula su altre emittenti, da Telemontecarlo a 7 Gold. Nel 2015 Biscardi aveva lasciato la sua ‘creatura’ – vanta il record di longevita’, certificata dal Guinness dei primati, che ne aveva riconosciuto già nel 2013 33 edizioni consecutive con lo stesso conduttore – ai figli, che hanno ereditato il marchio.

Biscardi viene a mancare nell’anno dell’esordio nel campionato di serie A della Var, quella ‘moviola in campo’ che lui aveva sempre sostenuto come sistema necessario per aiutare gli arbitri grazie alle tecnologie disponibili.
.

.




.
“Era molto legato al Molise e Larino (Campobasso) – racconta l’avvocato Giuseppe Biscardi, nipote di Aldo – è stato un giornalista che ha segnato un’epoca. Ero molto affezionato a lui. Ero andato a trovarlo recentemente, non stava molto bene, sono contento di averlo rivisto”. Poi, alcuni ricordi del passato. “Quando poteva, andava a Larino, dove le gente lo fermava per strada per parlare di calcio. Qualche volta ha seguito le partite del Campobasso, ai tempi della serie B e spesso lo accompagnavo allo stadio. Sono molto addolorato, al di là del rapporto di parentela che ci legava”.

di Redazione Papaboys – fonte: Ansa

 

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome