Mons. Auza: no a pressioni ideologiche nella lotta a povertà

Mons. Auza: no a pressioni ideologiche nella lotta a povertàLa lotta contro la povertà si basi su politiche che coinvolgano i Paesi interessati e non su soluzioni già pronte e imposte dall’esterno, valide per tutte le situazioni e magari non prive di pressioni ideologiche: è quanto ha affermato l’arcivescovo Bernardito Auza, osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite, alla 69.ma sessione dell’Assemblea Generale dell’Onu. Il servizio di Sergio Centofanti per la Radio Vaticana:

Dobbiamo mettere in discussione i modelli economici che aumentano l’esclusione e la disuguaglianza – è il monito del presule – in particolare quelli che causano un divario in crescita esponenziale tra i ricchi, che diventano sempre più ricchi, e le masse emarginate senza lavoro, senza prospettive e senza alcuna via di uscita dalla povertà.
Parlando dell’attuale modello di sviluppo, il rappresentante vaticano sottolinea, con un’immagine, che la marea non sempre solleva tutte le barche; spesso solleva solo gli yacht, mantiene poche barche a galla, mentre spazza via molti e affonda il resto. Questo – afferma con forza – non è il futuro che vogliamo.

Denuncia poi l’esclusione delle donne dalla partecipazione allo sviluppo: le donne e i bambini – osserva – costituiscono la maggioranza dei poveri e di quanti subiscono violenze nel mondo.

Quindi, ricorda la necessità di non equiparare la povertà alla sola povertà economica: occorre cogliere la complessità della realtà, resistendo alla tentazione di ridurre l’eliminazione della povertà al semplice aumento della quantità di denaro con cui una persona vive ogni giorno. Lo sviluppo comprende anche quegli elementi che, pure se a volte intangibili, contribuiscono realmente a una maggiore prosperità umana. Nella lotta alla povertà – conclude mons. Auza – dobbiamo promuovere l’autentico sviluppo di tutto l’uomo e di tutti i popoli: ognuno deve dare il suo contributo, ognuno di noi può trarne beneficio, questa è la solidarietà.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome