Molly 14 anni si toglie la vita; il padre accusa: «Instagram l’ha spinta a uccidersi»

Molly si è tolta la vita a 14 anni, nel 2017: i genitori ora accusano Instagram. «Instagram ha spinto mia figlia a uccidersi»

Molly Russell

Ian Russell, padre di Molly Russell, alla Bbc ha accusato il social network Instagram di aver spinto la figlia ad uccidersi. Guardando i profili social della figlia hanno scoperto immagini inquietanti e che fanno riferimento ad autolesionismo e suicidio.

Secondo il padre di Molly, gli algoritmi del social continuerebbero a suggerire post di interesse per l’utente: poco importa se si tratta di immagini che possono incoraggiare depressione e autolesionismo.

Molly Russell

L’unica limitazione è un avviso che scatta in caso si cerchi la parla suicidio: «I post con parole o tag che cerchi spesso incoraggiano comportamenti che possono causare dolore o condurre anche alla morte. Se stai vivendo una situazione difficile, saremmo lieti di aiutarti». Un avviso che comunque può essere semplicemente saltato.

Fonte www.leggo.it

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome