Molfetta, la giornata del Seminario

90 lev concorsoPUGLIA – MOLFETTA – “Mi piace pensare alla comunità ecclesiale come ad un grembo nel quale germinano le vocazioni; oppure ad un campo nel quale il seme della chiamata viene accolto per poi sbocciare e svilupparsi proprio nel Seminario”.

È quanto scrive sul settimanale diocesano “Luce e Vita” il vescovo di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi, Luigi Martella, in occasione della giornata del seminario diocesano – a 300 anni dalla sua istituzione – che si celebra domani. Per questa circostanza “Luce e Vita” dedica ampio spazio con il suo inserto “Kleopas.

News dal seminario”, con i messaggi del vescovo e del rettore, l‘omelia del vescovo per l‘apertura del anno giubilare, la testimonianza di un ex seminarista, ora ingegnere, e una nota storica di Corrado Pappagallo. Mons. Martella, che è anche Visitatore dei Seminari d‘Italia, chiede alla comunità diocesana “una maggiore partecipazione” e un “costante accompagnamento dei nostri ragazzi che sono in seminario”.

“L‘esperienza del Seminario forma ai valori che strutturano la personalità per tutta la vita – scrive il rettore don Michele Amorosini – non solo di chi è chiamato a diventare sacerdote”. Attualmente il seminario diocesano ospita 15 giovani, 2 di scuola secondaria di I grado e 13 di scuola superiore, provenienti dalle quattro città della diocesi. Fonte: Agensir

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome