Home News Pax et Justitia Missili di Mosca a Teheran: da Usa preoccupazione per accordo

Missili di Mosca a Teheran: da Usa preoccupazione per accordo

Missili di Mosca a Teheran: da Usa preoccupazione per accordoDopo la decisione di Mosca di fornire sistemi anti-aerei S-300 all’Iran, Teheran fa sapere che ritirera’ la sua richiesta di risarcimento danni di 4 miliardi di dollari, presentata ad una Corte di arbitrato internazionale contro la Russia. E arriva una prima reazione dagli Stati Uniti: un portavoce della Casa Bianca parla di possibili difficoltà sulle previste cancellazioni di sanzioni per Teheran nell’ambito dell’accordo finale. Di rapporti e equilibri dell’Iran in questa particolare fase di accordo con il gruppo dei 5+1, Fausta Speranzaha parlato con Alessandro Colombo, docente di relazioni internazionali all’Università di Milano:

R. – La scelta di Mosca – dal punto di vista russo naturalmente –  mira a liberare la Russia dal timore di un isolamento internazionale: la Russia sta cercando in questo momento tutte le sponde possibile di carattere diplomatico e militare sia in Europa che fuori. Dal punto di vista dell’Iran, piuttosto potremmo dire che questo è il suggello di un rovesciamento della posizione diplomatica dell’Iran avvenuta negli ultimi mesi: l’Iran è passato dal massimo dell’isolamento internazionale degli anni scorsi, ad essere probabilmente il Paese più corteggiato oggi dal punto di vista diplomatico dello scacchiere internazionale. Questo è un clamoroso successo naturalmente per l’Iran ed è anche la dimostrazione di tutti i fallimenti delle politiche degli Stati Uniti soprattutto, ma anche di altri Paesi nell’area mediorientale.

D. – In questa fase c’entra anche il coinvolgimento dell’Iran in Yemen?

R. – L’Iran naturalmente sta approfittando di questo insperato, fino a qualche anno fa, recupero di influenza di potere; ne sta approfittando per conservare il proprio peso nella partita siriana e più recentemente naturalmente nel caso dello Yemen. È una doppia partita potremmo dire: una partita regionale che vede l’Iran nel ruolo di protagonista e una partita globale che vede in questo momento l’Iran nel ruolo del soggetto più appetito da parte delle grandi potenze esterne.

D. – Da qui a giugno, alla fase finale dell’accordo, che mosse ipotizzare?

R. – Da parte dell’Iran credo che da qui a giugno è ipotizzabile una sorta di fuoco di sbarramento da parte di tutti coloro che non vogliono questo accordo. E sono moltissimi, sia all’interno dell’Iran che nel mondo politico americano, per restare nelle relazioni internazionali nella regione mediorientale; naturalmente non c’è soltanto Israele ad opporsi al riavvicinamento tra Stati Uniti ed Iran, ma ci sono anche tutti i Paesi arabi tradizionali alleati degli Stati Uniti, a cominciare dall’Arabia saudita. Quindi, quello che c’è da attendersi nei prossimi mesi è il moltiplicarsi delle iniziative da parte di questi attori per far deragliare il negoziato.

D. – E tra Stati Uniti e Russia, vista la presa di posizione da parte della Casa Bianca su questa decisione di Mosca di fornire missili, che cosa possiamo pensare? Sarà un braccio di ferro?

R. – Il braccio di ferro continuerà perché gli Stati Uniti non possono pensare di avere a che fare soltanto con dei competitori che – diciamo così – le prendono senza darle. Quindi, in questo momento la Federazione Russa è inevitabilmente orientata a creare problemi agli Stati Uniti in quanto subisce una serie di problemi maggiori per effetto dell’embargo e per effetto di quello che è seguito all’iniziativa militare russa in Ucraina. Quindi, è immaginabile un’ulteriore tornata di tensioni tra Stati Uniti e Russia, senza dimenticare che in realtà tutte le tensioni  – anche se in questo momento sono relative all’Iran – sono ancora le stesse della crisi ucraina. Nei confronti della Russia, il problema resta quello e la Russia fa sostanzialmente un’incursione in Medio Oriente in modo di rafforzare la propria posizione in Europa.

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,924FansLike
17,749FollowersFollow
9,726FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Il numero di casi di coronavirus nel mondo ha superato la soglia dei 6,5 milioni: è quanto emerge dal conteggio aggiornato

Coronavirus: terribile piaga in America Latina. Oltre 6,5 milioni di casi...

Il numero di casi di coronavirus nel mondo ha superato la soglia dei 6,5 milioni: è quanto emerge dal conteggio aggiornato dell'università americana Johns Hopkins....