Mercoledì 18 marzo – Padre e figlio, solo amore

Mercoledì 18  marzo – Padre e figlio, solo amoreIn quel tempo, Gesù rispose ai Giudei: «Il Padre mio opera sempre e anch’io opero». Proprio per questo i Giudei cercavano ancor più di ucciderlo: perché non soltanto violava il sabato, ma chiamava Dio suo Padre, facendosi uguale a Dio. Gesù riprese a parlare e disse: «In verità, in verità vi dico, il Figlio da sé non può fare nulla se non ciò che vede fare dal Padre; quello che egli fa, anche il Figlio lo fa. Il Padre infatti ama il Figlio, gli manifesta tutto quello che fa e gli manifesterà opere ancora più grandi di queste, e voi ne resterete meravigliati. Come il Padre risuscita i morti e dà la vita, così anche il Figlio dà la vita a chi vuole; il Padre infatti non giudica nessuno ma ha rimesso ogni giudizio al Figlio, perché tutti onorino il Figlio come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio, non onora il Padre che lo ha mandato. In verità, in verità vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha la vita eterna e non va incontro al giudizio, ma è passato dalla morte alla vita. In verità, in verità vi dico: è venuto il momento, ed è questo, in cui i morti udranno la voce del Figlio di Dio, e quelli che l’avranno ascoltata, vivranno. Come infatti il Padre ha la vita in se stesso, così ha concesso al Figlio di avere la vita in se stesso; e gli ha dato il potere di giudicare, perché è Figlio dell’uomo. Non vi meravigliate di questo, poiché verrà l’ora in cui tutti coloro che sono nei sepolcri udranno la sua voce e ne usciranno: quanti fecero il bene per una risurrezione di vita e quanti fecero il male per una risurrezione di condanna. Io non posso far nulla da me stesso; giudico secondo quello che ascolto e il mio giudizio è giusto, perché non cerco la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato. Giovanni 5,17-30

Non rispetti la legge perché sei tu la legge.
L’unica legge.
Tu sei l’amore.
Figlio di un padre che è Dio.
Che è amore.
Cercare di uccidere Dio, di uccidere.
È la storia di sempre.

L’amore obbedisce.
Perché l’amore è figlio.
L’amore fa le leggi.
Perché l’amore è padre.
L’amore fa grandi cose meravigliose.
Sempre più grandi.
Perché l’amore è Dio.

Padre e figlio.
Un solo vivere.
Un solo amore.
Un solo fare.
Un solo manifestarsi.
Un solo risorgere.
Un solo dare la vita.
Un solo giudizio.
Un solo onore.
Padre e figlio: uno in due, solo amore.

Voce che passa attraverso la morte.
La tua voce.
Voce amata mia.
Voce che mi ama.
Ti ascolto.
Ti credo.
Vivo.
Viva.

Arrivi.
E arriva la vita.
Parli
E arriva la vita eterna.
Arriva l’ora in cui arrivi tu.
E anche la morte si alza.
Si alza la morte.
Per vivere per sempre.
Per morire per sempre.

C’è una sola giustizia.
E tu la fai.
Fare la volontà del Padre.
C’è una sola giustizia.
E tu lo sei.
Non fare nulla da te ma unito a lui.
Sempre.
Per sempre.

Se è amore è in due.
Io e te che porti Dio.
Se è amore è in due che siamo tre.

Di Don Mauro Leonardi

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome