Mercoledì 11 marzo – Fino in fondo

Mercoledì 11 marzo – Fino in fondoIn quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: « Non pensate che io sia venuto ad abolire la Legge o Profeti; non son venuto per abolire, ma per dare compimento. In verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà neppure un iota o un segno dalla legge, senza che tutto sia compiuto. Chi dunque trasgredirà uno solo di questi precetti, anche minimi, e insegnerà agli uomini a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà agli uomini, sarà considerato grande nel regno dei cieli.» Matteo 5,17-19

Amore mio.
Vorrei che tu abolissi tutto.
Vorrei ricominciare da zero.
Vorrei essere tutta nuova.
Vorrei avere un’altra vita.
Vorrei leggi nuove.
Vorrei parole nuove.
Vorrei abbattere tutto.
Vorrei.
Vorrei.
Vorrei fuggire.
Ecco cosa vorrei.
Vorrei qualsiasi cosa che non mi costringa a essere quella che sono.
Aiutami ad andare a fondo nella mia vita.
A scoprire chi sono veramente.
A portare a compimento i miei giorni.
Aiutami a vivere.
A vivere ogni iota, ogni più piccolo segno.
A vivermi.
Fammi crescere, amore mio.
Fammi diventare me stessa.
Fammi grande.
Solo con te posso.

Sei venuto.
Non aspettavo altro.
Sei venuto.
A compiere tutto.
Sono qui.
Ti amo.

Tutto ciò che è tuo.
Tutto ciò che viene da te.
Vive in te.
Ogni tua parola.
È carne tua.
Ogni tua legge.
È tua volontà.
Ogni iota.
Ogni trattino.
Sono parti di te.
Voglio viverli.
Tutti.
Voglio viverti.
Compierti.

Se è amore.
E tu lo sei.
Se è la tua parola.
E la legge lo è.
Se sono tuoi.
E i profeti lo erano.
Allora non voglio perdermi nulla.
Neanche una carezza.
Neanche una virgola.
Neanche una parola.
Voglio stare in te.
Fino in fondo.
Fino all’ultima carezza, virgola, parola.
Ti amo.

Voglio essere grande nella tua casa, nella tua vita.
Insegnami amore mio, le cose piccole, che fanno grande la mia vita.
Voglio costruire con te un regno bellissimo dove abitare.
Insegnami, amore mio, a compiere.
A compiere la mia vita, fino all’ultimo iota, all’ultimo segno.
Portami nel profondo delle cose.
Dammi la mano amore mio.

Di Don Mauro Leonardi

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome