HomeNewsRes Publica et SocietasMense scolastiche, sospese 21 ditte. Sono sempre gli indifesi a pagare le...

Mense scolastiche, sospese 21 ditte. Sono sempre gli indifesi a pagare le conseguenze

Da settembre ad oggi, i carabinieri dei Nas hanno sospeso l’attività, o in casi più gravi, sequestrato, 21 imprese di catering che servivano il pranzo nelle mense degli istituti scolastici.

Nelle faccende dei “grandi”, sono sempre i più piccoli a pagare le conseguenze.

E’ esattamente quanto successo in Italia da settembre ad oggi.

Con la fine del 2019, possiamo contare 900 kg di cibo sequestrati nei catering che servivano le mense scolastiche e di questi, 25 violazioni penali e 247 amministrative.

I carabinieri dei Nas, hanno effettuato sequestri e sospensioni delle attività, per un valore di circa 3 milioni di euro, precisamente 204 mila euro.

Delle 968 aziende di ristorazione che lavorano all’interno delle mense scolastiche ispezionate, 198 hanno dimostrato carenze importanti.

Sono stati sequestrati circa 900 kg di alimenti, tra cui carni, formaggi, frutta, ortaggi ed olio, in quanto mancanti di tracciabilità o custoditi in cattive condizioni sanitarie o in ambienti inadeguati.

Erano inoltre destinati all’impiego nelle pietanze di qualità inferiore rispetto a quanto previsto nei contratti di fornitura.

Il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, unitamente al Ministero della Salute, ha pianificato un piano di controllo nazionale per la verifica dei servizi di ristorazione e delle imprese di catering.

Il monitoraggio avviene per accertare la regolarità dei servizi erogati nelle scuole di ogni ordine e grado, pubbliche e private.

Ciò che viene controllato sono: le condizioni d’igiene nei locali di lavoro e nella detenzione degli alimenti, la rispondenza dei menù alle clausole contrattuali previste dai capitolati d’appalto, la qualità e la salubrità degli alimenti somministrati, la regolarità delle maestranze impiegate ed il possesso di adeguata qualifica e preparazione professionale.

Il ministro della Salute Roberto Speranza commenta cosi l’operazione: “La regolarità dei servizi erogati nelle scuole è di fondamentale importanza perché interessa la salute dei nostri figli”

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Iscriviti alla newsletter gratuita