Meglio per quell’uomo se non fosse mai nato!

tn.gesusiudaRIFLESSIONE SUL VANGELO DI QUESTO MERCOLEDI’ – Giuda è persona avida di denaro. La sua sete insaziabile lo spinge a vendersi dietro compenso il suo Maestro. “Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?”. Non vi sono nobili ideali in quest’azione, né politici, né sociali, né religiosi. Vi è solo bramosia, concupiscienza, desideri cattivi e disonesti. La sete del denaro si estingue solo bevendo il sangue dei fratelli. La Scrittura su questo argomento ha parole di fuoco.

Ascoltate questo, voi che calpestate il povero e sterminate gli umili del paese, voi che dite: “Quando sarà passato il novilunio e si potrà vendere il grano? E il sabato, perché si possa smerciare il frumento, diminuendo l’efa e aumentando il siclo e usando bilance false, per comprare con denaro gli indigenti e il povero per un paio di sandali? Venderemo anche lo scarto del grano”». Il Signore lo giura per il vanto di Giacobbe: «Certo, non dimenticherò mai tutte le loro opere. (Am 8,4-7).

E ora a voi, ricchi: piangete e gridate per le sciagure che cadranno su di voi! Le vostre ricchezze sono marce, i vostri vestiti sono mangiati dalle tarme. Il vostro oro e il vostro argento sono consumati dalla ruggine, la loro ruggine si alzerà ad accusarvi e divorerà le vostre carni come un fuoco. Avete accumulato tesori per gli ultimi giorni! Ecco, il salario dei lavoratori che hanno mietuto sulle vostre terre, e che voi non avete pagato, grida, e le proteste dei mietitori sono giunte agli orecchi del Signore onnipotente. Sulla terra avete vissuto in mezzo a piaceri e delizie, e vi siete ingrassati per il giorno della strage. Avete condannato e ucciso il giusto ed egli non vi ha opposto resistenza. (Gc 5,1-6).

Se qualcuno insegna diversamente e non segue le sane parole del Signore nostro Gesù Cristo e la dottrina conforme alla vera religiosità, è accecato dall’orgoglio, non comprende nulla ed è un maniaco di questioni oziose e discussioni inutili. Da ciò nascono le invidie, i litigi, le maldicenze, i sospetti cattivi, i conflitti di uomini corrotti nella mente e privi della verità, che considerano la religione come fonte di guadagno. Certo, la religione è un grande guadagno, purché sappiamo accontentarci! Infatti non abbiamo portato nulla nel mondo e nulla possiamo portare via. Quando dunque abbiamo di che mangiare e di che coprirci, accontentiamoci. Quelli invece che vogliono arricchirsi, cadono nella tentazione, nell’inganno di molti desideri insensati e dannosi, che fanno affogare gli uomini nella rovina e nella perdizione. L’avidità del denaro infatti è la radice di tutti i mali; presi da questo desiderio, alcuni hanno deviato dalla fede e si sono procurati molti tormenti. (1Tm 6,3-10).

La sete di denaro che oggi affligge molti uomini ha portato ad una crisi dalle dimensioni mondiali. Questa crisi mai potrà essere risolta se non si estingue la causa. Non sono i tagli alla spesa pubblica, né la razionalizzazione della spesa e neanche le infinite tasse che la cureranno. Quando il cuore è malato di denaro facile nulla potrà essere risolto se non attraverso la cura del cuore. Ora, medico del cuore è uno solo: lo Spirito Santo, frutto di Cristo, dono della Chiesa una, santa, cattolica, apostolica. La Chiesa, più di ogni altra istituzione umana, è responsabile di questa crisi. Essa, che ha l’obbligo e il mandato di curare il cuore dell’uomo, in molti suoi figli risulta essere omissiva. Se il cuore non viene curato, la sete del denaro sempre avrà bisogno di nuovo sangue umano. Si beve sangue umano, ma non si calma la sete.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci di cuore puro, nuovo.  a cura del Movimento Apostolico

 

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome