Medjugorje. La Madonna mi ha detto in sogno di portarla da Lei, e mia figlia è guarita

Testimonianze da Medjugorje: non smetteremo mai di pubblicare queste ‘perle preziose’ che giungono dalla cittadina di Maria, poiché fanno bene al cuore ed allo spirito.

La Madonna mi disse in sogno di portare mia figlia a Medjugorje, e lì è guarita

medjugorje.messaggio
La Madonnina di Medjugorje

Sono Alberto Petruzzella voglio testimoniare la storia di mia figlia Taissa. Il 10 dicembre 2015 mia figlia a 23 anni si è svegliata con un leggero formicolio ai polpastrelli della mano sinistra.

Col passare delle ore ha cominciato a non sentire la mano e il braccio sinistro, fino a quando intorno alle 14:00 ha avvertito un forte dolore a livello delle spalle. Portata in pronto soccorso, nel giro di poche ore si era completamente paralizzata dal collo in giù. Dopo accertamenti la diagnosi è stata “mielite cervicale” curata con cortisone e cicli di plasmaferesi.

E’ stata ricoverata per 8 mesi e grazie alle preghiere di tanta gente, che ci circonda, piano piano ha lasciato la sedia a rotelle e ha cominciato a deambulare col girello e poi con le stampelle.

krizevac
Il monte Krizevac

Il 7 luglio 2016 è stata dimessa, è tornata a casa tra mille difficoltà ha continuato con le cure farmacologiche e con la riabilitazione. Nel frattempo noi in famiglia e i gruppi di preghiera continuavamo a pregare per lei. Nel mese di settembre ho fatto un sogno: la Madonna mi ha detto di prendere mia figlia e portarla sul Krizevac a Medjugorje dove suo Figlio l’avrebbe guarita.

La salita al Krizevac tra paura e speranza


Taissa non era nelle condizioni di affrontare il viaggio, però la chiamata nel mio cuore era così forte che il 30 settembre 2016, io e lei partiamo con un gruppo per Medjugorje. Il 2 ottobre assistiamo all’ apparizione di Mirjana e il 3 ottobre l’abbiamo portata con l’aiuto dei volontari, sul Krizevac.

Pioveva fortissimo e il fango rendeva ancora più difficile la salita. Arrivati alla Croce Bianca ci mettiamo in ginocchio e mia figlia non chiese alla Madonna di guarire completamente, ma solo di camminare meglio. Scendendo dal monte non accade nulla, non ci fu alcun segno.

Il 4 ottobre partiamo per tornare a casa a Padova, dove io avevo lasciato l’auto. Ci recammo, su suggerimento del capogruppo, Michele Soranno, alla chiesa di Santa Giustina per acquistare l’olio Benedetto prodotto dai monaci.

Il primo segno di guarigione

Entrando in chiesa mia figlia, improvvisamente avverte una forza che la porto a lasciare le stampelle e a camminare, come se stesse marciando. Il ginocchio sinistro si mosse (movimento che lei assolutamente non aveva prima, poichè la sua era come una gamba di legno) scoppiò in lacrime dicendo : -“papà papà ..sono io cammino da sola.”


Tornando a casa i fisioterapisti hanno accertato che quanto accaduto fino ad allora non si era mai verificato e che grazie a questo avrebbe potuto cambiare la fisioterapia, quindi il modo di lavorare.


Ho il video fatto in secondo momento di quando iniziò a camminare marciando. Perché al momento del miracolo scoppiai a piangere e non pensavo a fare il video.

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome