Pubblicità
HomeMedjugorjeMedjugorje. Emanuela aveva un tumore celebrale, è guarita

Medjugorje. Emanuela aveva un tumore celebrale, è guarita

Vi raccontiamo un’altra bellissima storia di guarigione inspiegabile anche per i medici: la storia di Emanuela N. G.

Fedeli in preghiera a Medjugorie.

La signora in questione peraltro medico, era affetta da un tumore celebrale, al lobo temporale destro, chiamato astrocitoma.

Emanuela, che dopo un lungo calvario era stata già operata, aveva interrotto ogni cura dopo la cobaltoterapia, una massiva cura di cortisone ed una terapia anticonvulsionante.

La donna infatti era martoriata da forti crisi epilettiche, ne aveva fino a 15 al giorno!

Quando tutto andò male, cominciò ad affidarsi alle cure di Dio e della Vergine Maria.

Decise di fare un viaggio a Medjugorje quando il tumore si era ripresentato e non era più operabile.

Di seguito la testimonianza: “Nella casa di Vicka, durante un’apparizione, una scarica elettrica mi percorre la colonna vertebrale. Il mio cervello di medico mi dice che tutto ciò non è logico; ma una forza sconosciuta mi spinge a salire sul monte Križevac, la cui cima raggiungo in mezz’ora. Da allora, la testa non mi duole più. Ora sto bene, non ho più crisi epilettiche e soprattutto ho una fede autentica in Dio e nella sua Santissima Madre”.

LEGGI ANCHE:

Medjugorie. Un segno visibile apparirà presto per tutta l’umanità, e per molti sarà già troppo tardi

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
9,928FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

papafra.udienza.ok_.16.06.2021

Papa Francesco: la salvezza di Gesù è totale, non siamo mai...

Nell’ultima catechesi dedicata alla preghiera, Papa Francesco all'udienza generale nel Cortile di San Damaso esorta ad avere il coraggio e la speranza di sentire...