Marocchino picchia la moglie per mesi: si era convertita al cristianesimo

Avrebbe picchiato la moglie fino ad aprile scorso (quando lei si è trasferita a casa di un conoscente), poiché la donna si era convertita al cristianesimo e si comportava, a suo dire, con atteggiamenti troppo liberi ed indipendenti.

I carabinieri di Carpi hanno chiuso le indagini nei confronti di un marocchino di 43 anni residente a Soliera, in provincia di Modena. Nei confronti del quale si ipotizza il reato di maltrattamenti in famiglia.

L’uomo, con condotte violente e vessatorie ripetute nel tempo, avrebbe provocato sofferenze fisiche e psichiche alla donna. Nel gennaio scorso, a seguito della richiesta di acquistare un paio di scarpe nuove al figlio, nel corso di un litigio, il 43enne l’avrebbe colpita con un pugno alla schiena.

LEGGI ANCHE: Preghiera alla Madonna per la Pace in famiglia

Successivamente si sarebbe scagliato anche contro il figlio minorenne, intervenuto in difesa della madre, colpendolo con uno schiaffo al volto.

Quella violenza sulle donne che continua ancora

Poiché la donna – riferisce il quotidiano on line Leggo –  a seguito di questo ultimo episodio, si era appunto trasferita in casa di un conoscente. Il 43enne avrebbe portato avanti sue azioni minacciose anche verso l’uomo, minacciandolo di morte. Madre e figlio ora alloggiano in una struttura protetta.

 

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome