Home News Sancta Sedes Maria e la pace nelle celebrazioni di Papa Francesco per il nuovo...

Maria e la pace nelle celebrazioni di Papa Francesco per il nuovo anno

Maria e la pace nelle celebrazioni di Papa Francesco per il nuovo annoOggi pomeriggio, alle ore 17, Papa Francesco celebrerà in San Pietro i Primi Vespri della Solennità di Maria Santissima Madre di Dio a cui seguirà l’inno del Te Deum in segno di ringraziamento al Signore per l’anno 2014. Quindi, si recherà a Piazza San Pietro per visitare il presepe. Domani mattina alle ore 10, il Papa presiederà la Messa nella Basilica Vaticana, nella 48.ma Giornata Mondiale della Pace. Alle ore 12, poi, dal Palazzo Apostolico, il primo Angelus del 2015. Nel servizio di Alessandro Gisotti, riproponiamo alcuni passaggi del Messaggio di Francesco per la Giornata della pace, sul tema “Non più schiavi, ma fratelli”:

Schiavitù. Questa parola che, nei Paesi sviluppati, si apprende a scuola leggendo i libri di storia è purtroppo ancora una realtà terribile di ogni giorno per milioni di persone. A loro, agli “schiavi di oggi”, violati nella loro dignità di esseri umani, è da sempre riservato un posto speciale nel cuore di Jorge Mario Bergoglio. Lo sanno bene i “cartoneros” e le vittime di ogni turpe traffico che a Buenos Aires trovavano nell’arcivescovo un baluardo, un megafono per amplificare la propria flebile voce. E che in lui riconoscevano, innanzitutto, un padre a cui rivolgersi. Non sorprende dunque che Francesco abbia voluto denunciare “abominevole fenomeno” della schiavitù nel messaggio per la Giornata Mondiale della pace che ricorre domani.

“Non più schiavi, ma fratelli”. Fin dal titolo del documento, pubblicato il 10 dicembre scorso, il Papa indica non solo il male, ma anche il rimedio a questa piaga. Sottolinea che bisogna “globalizzare la fraternità” per combattere le “reti criminali” che non hanno scrupoli e costringono bambini a diventare soldati, donne a prostituirsi, padri e madri di famiglia a lavorare in condizioni disumane. Francesco ricerca le cause profonde di quello che definisce “reato di lesa umanità” e indica come primo colpevole “il peccato che corrompe il cuore dell’uomo”. E’ il peccato, denuncia, che “rifiuta l’umanità dell’altro” e lo tratta come un oggetto, un mezzo per i propri affari.

All’egoismo che fa schiavo il prossimo si deve dunque reagire come singoli e come comunità, senza chiudere un occhio per indifferenza o convenienza. Servono, scrive il Papa, “meccanismi di controllo” che non lascino spazio a “corruzione e impunità”. Urgono, incalza, “leggi giuste” su migrazione, lavoro e adozione. Ma, esorta Francesco rivolgendosi specialmente ai cristiani, va anche ridata speranza alle vittime della schiavitù, far sentire loro che davvero sono nostri fratelli, poiché nessuno è escluso “dall’appartenenza al Popolo di Dio”.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,875FansLike
17,040FollowersFollow
9,598FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Giorgio Gardini

Coronavirus. Ciao Giorgio! Morto vigile del fuoco di 58 anni a...

Riposa in pace Giorgio! Una preghiera per te Giorgio Gardini, vigile del fuoco in servizio a Parma è morto a 58 anni dopo essersi ammalato...