Home News Terra Sancta et Oriens Maratona di Betlemme per ricordare il dramma della Palestina

Maratona di Betlemme per ricordare il dramma della Palestina

Maratona di Betlemme per ricordare il dramma della PalestinaUna corsa per ricordare le difficoltà presenti nel territorio palestinese. E’ questo l’obiettivo della maratona, giunta alla terza edizione, che si svolgerà domani mattina a Betlemme ed è organizzata dal Comitato Olimpico Palestinese e dall’associazione “Right to movement” (“Diritto di movimento”). Sull’evento Anna Zizzi ha sentito, per la Radio vaticana, un volontario del Vis (Volontariato internazionale per lo sviluppo) in Palestina, che partecipa alla corsa, Stefano Sozza:

R. – La maratona di Betlemme sicuramente è un’esperienza molto particolare, in quanto rappresenta la voglia di resistenza di questo popolo, per quanto riguarda l’occupazione militare israeliana.

D. – A Betlemme non è possibile percorrere 42 km senza sconfinare in territorio israeliano. Come si è potuto superare questo limite?
R. – Questo limite è stato superato prevedendo un giro di 21 km che verrà ripetuto due volte. In seguito alla guerra del ’67 i confini sono stati ridisegnati e soprattutto è molto presente il problema del muro, che appunto affligge la popolazione di Betlemme nella vita quotidiana.

D. – Quali sono gli obiettivi che contate di raggiungere con la maratona?
R. – L’obiettivo principale è quello di dare un segno di partecipazione, in quanto la questione palestinese non è purtroppo ben conosciuta all’estero. Quindi, l’obiettivo è quello di attirare l’attenzione su quello che accade qui. Correranno persone di diverso credo, di diversa etnia, di diverse credenze, ma l’obiettivo principale è quello di dare una partecipazione per un Palestina libera.

D. – Varie realtà sono toccate dal percorso, dal muro che divide il territorio palestinese da quello israeliano ai vari campi profughi…
R. – Rappresentano in primis l’effettiva occupazione che Israele con la propria pressione infligge alla popolazione. Tramite foto e video si potrà vedere quello che realmente è il muro. Effettivamente, per una persona che proviene dall’Occidente non è nemmeno concepibile una tale mostruosità, o come si può chiamare, dal punto di vista dell’impatto che ti dà emotivamente, ma soprattutto per il modo in cui poi toglie la libertà di movimento di queste persone. Il campo profughi di Haida è campo profughi dal ’48 e ha numerosi problemi: la disoccupazione, il sovrappopolamento… L’occasione che offre, quindi, questa maratona è anche quella di vedere con i propri occhi quella che effettivamente è la realtà di tutti i giorni.

D. – La maglietta con la scritta “Non esiste distanza così grande da cancellare il ricordo di un sorriso”, che lei indossa durante la corsa, cosa rappresenta?
R. – L’obiettivo è quello di rappresentare tutti i bambini palestinesi che sono morti per una guerra che, comunque, a loro non appartiene o gli appartiene solo per quanto riguarda il loro futuro. La vita di bambini innocenti non dovrebbe mai essere sprecata per questioni politiche o militari.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,914FansLike
17,749FollowersFollow
9,756FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Preghiera di Padre Emiliano Tardif

Preghiera a Cristo Gesù per chiedere la Guarigione Fisica

La preghiera a Cristo Gesù per chiedere la guarigione... Una potente orazione scritta dal famoso Padre Emiliano Tardif, presbitero canadase... ECCO IL TESTO: ...