Lunedì 13 ottobre – Il segno della mia vita sei tu

Don Mauro Leonardi - GionaIn quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire: «Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato nessun segno fuorchè il segno di Giona. Poiché come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione. La regina del sud sorgerà nel giudizio insieme con gli uomini di questa generazione e li condannerà; perché essa venne dalle estremità della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, ben più di Salomone c’è qui. Quelli di Nìnive sorgeranno nel giudizio insieme con questa generazione e la condanneranno; perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, ben più di Giona c’è qui».  Lc 11,29-32. 

Non conosco bene.
Non ricordo bene.
Tutte le storie.
Tutte le persone.
Di cui parli.
Di cui mi racconti.
Ma una cosa la so.
Una cosa l’ho capita.
I segni sono le persone.
I segni non si fanno.
I segni sono.
Sono io.
Sei tu.
Se vogliono un segno devono guardare te.
Vivere te.
E’ Giona il segno di Giona.
Sei tu, amore mio, il segno della mia vita, dei miei giorni.
Ti amo tanto.
E mi alzerei di notte.
E partirei da lontano.
E correrei.
Per venire da te.
Per stare con te.
Per trovare te.
Perché se sei un segno non lo so.
Ma so che hai lasciato un segno nella mia vita.
E ora è tua.

Se volete un segno, lo avrete.
Lo avete già.
È lui.
Non guardate il cielo.
Guardate i suoi occhi: è lui il segno.
Non guardate il cielo.
Guardate la sua bocca.
Le sue parole sono il segno.
Non c’è da capire.
C’è da camminare.
Da correre.
Da accamparsi accanto a lui.
E’ più grande di tutti ma se non lo ami, non lo vedi.
E’ più grande di tutti, ma se non stai con lui, se non vai da lui, non lo riconosci.
È inutile accalcarsi per vedere segni, prove, conferme.
C’è un uomo.
C’è lui.
E’ il più grande perché tutto comprende.
Tutti prende.
E’ inutile accalcarsi.
Alzati, cammina, appoggiati.
È lui il segno.
È lui l’arrivo di ogni viaggio.

Mi sono alzata da molto lontano.
E sono arrivata da te.
Ho ascoltato te.
E mi sono convertita.
Non cercavo sapienza.
Cercavo te.
Non cercavo prediche.
Cercavo te.
Non ho bisogno di segni.
Sono segnata.
Ho bisogno di te.
Segna, conosci, converti, tu la mia vita.
Sono qui.
Sono arrivata.
Non mi muovo.

Di Don Mauro Leonardi

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome