Home News Sancta Sedes L'Uganda aspetta Papa Francesco 'profeta del vivere semplice'

L’Uganda aspetta Papa Francesco ‘profeta del vivere semplice’

Oggi Papa Francesco si congederà dal Kenya per recarsi in Uganda, Stato che ottenne l’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1962 passando poi negli anni attraverso dure guerre con le nazioni vicine, ma anche attraverso la sanguinosa repressione settaria del presidente, Idi Amin Dada, la cui politica fu di aperta persecuzione razziale anche nei confronti dei cristiani d’Uganda.

RV11285_Articolo

Oggi, l’Uganda è un Paese che rappresenta un importante esempio di convivenza religiosa, con il 42% degli abitanti di fede cattolica. Sull’attesa della popolazione per l’arrivo di Francesco il servizio di uno degli inviati della Radio Vaticana Filomeno Lopes:

“Papa Francesco, il profeta del vivere semplice e della vita semplice”. E’ uno dei tanti titoli che troviamo scritti sul giornale “New Vision”, uno dei due maggiori quotidiani dell’Uganda. Il Paese, in piena campagna elettorale per le presidenziali, con i suoi alti e bassi e nei limiti delle sue possibilità, si sta preparando per ricevere Papa Francesco, terzo Pontefice che visita la terra dei martiri africani, dopo Papa Paolo VI nel 1969 e Giovanni Paolo II nel 1993.

Non manca ovviamente l’allerta per quanto riguarda la sicurezza del Papa e dei fedeli pellegrini, non solo dell’Uganda ma anche di coloro che verranno dai diversi Stati che compongono il mosaico della comunità dei Paesi della regione dell’Africa dell’Est. “Siamo mentalmente e fisicamente preparati”, ci ha detto John Baptist Kauta, segretario generale della Conferenza episcopale ugandese, uno dei coordinatori di questo evento. “Siamo pronti per ricevere la sua benedizione e ascoltare le sue parole di conforto”, ci ha detto invece suor Teresa, responsabile del Centro Nalukolongo, che assiste gli emarginati che Francesco incontrerà qui durante il suo viaggio apostolico.

“Le aspettative sono che il Papa, così come ha già fatto in Kenya, possa portare al popolo ugandese in particolare, e al popolo africano in modo più generale, lo stesso messaggio sulla necessità della costruzione di un clima di pace, di armonia, di riconciliazione e di concordia tra popoli e nazioni di questo continente, culla dell’umanità e polmone spirituale dell’umanità”, ci ha detto l’arcivescovo John Baptist Odama, presidente della Conferenza episcopale ugandese, citando il documento “Africae Munus” di Papa Benedetto XVI. Per il resto è sempre il “corri, corri” della vita quotidiana qui a Kampala, quel “corri, corri” che è caratteristico di tutte le grandi città africane.




di Redazione Papaboys, fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,972FansLike
20,863FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

maria che scioglie i nodi

Preghiera per risolvere i ‘casi impossibili’ a Maria che scioglie i...

Preghiera per risolvere i 'casi impossibili' a Maria che scioglie i nodi. Notte tra il 27 ed il 28 febbraio 2021 I “nodi” delle nostre...