Lourdes. Altri 12 casi, tra miracoli e guarigioni inspiegabili!

Lourdes. Altri 12 tra miracoli e guarigioni inspiegabili. Intervista al medico che li segue

Alessandro De Franciscis, medico con un passato da politico, è da dieci anni alla guida del Bureau des Constatations Medicales di Lourdes.

Alessandro De Franciscis
Alessandro De Franciscis, Capo del Bureau deBureau des Constatations médicales di Lourdes (Francia), 30 settembre 2018. ANSA/FRANCESCO GERACE

E’ l’ufficio, unico al mondo per un santuario cristiano, che riceve, accoglie, ascolta chi ha una storia di guarigione da raccontare, legata al suo pellegrinaggio al santuario mariano sui Pirenei francesi. Da lì parte l’iter che verifica in anni, “ma a Lourdes non abbiamo fretta”, dice, e con accurate verifiche scientifiche, se una guarigione possa essere chiamata “miracolo”.

“Noi ci limitiamo a constatare se siamo di fronte ad una guarigione improvvisa, inattesa, completa, durevole e inspiegata secondo le nostre conoscenze mediche. Ma la scelta di dire se sia un miracolo o no spetta ad un vescovo, è una scelta pastorale”, spiega il dottor De Franciscis in un’intervista all’ANSA.

DODICI I DOSSIER IN ESAME! 

Ora “i dossier che procedono sono una dozzina”, un paio di casi francesi, uno italiano, e tra le varie nazionalità anche gli Stati Uniti. Casi di guarigione che sono dunque sotto la lente del ‘giudice’. “Ma io credo che qui vengano a raccontare le loro storie solo il dieci per cento delle persone che ritengono di avere ricevuto il dono della guarigione. Per non parlare delle patologie più diffuse, i tumori, che hanno dei precisi protocolli medici e in questi casi è veramente difficile arrivare a parlare di guarigioni inspiegate” e quindi di miracoli.

Napoletano, un passato di politico, prima in Parlamento poi come Presidente della Provincia di Caserta, De Franciscis è il quindicesimo ‘medico permanente’ del Bureau Medical di Lourdes, il primo italiano. “Il primo non francese”, precisa con un sorriso. E racconta di quando il vescovo di Tarbes, mons. Jacques Perrier, ora emerito, alla fine del 2008 lo chiamò per invitarlo ad assumere questo incarico.

Alessandro De Franciscis
Alessandro De Franciscis, Capo del Bureau deBureau des Constatations médicales di Lourdes (Francia), 30 settembre 2018. ANSA/FRANCESCO GERACE

HO LASCIATO TUTTO E SONO QUI

“Ho lasciato tutto e sono qua ma – aggiunge con rammarico – mi è dispiaciuto che allora ho impiegato quattro mesi per decidere”. Ora nella cittadina francese lo chiamano il ‘dottore della Grotta’, con una vita completamente immersa in quel luogo dove, secondo la tradizione, 160 anni fa apparve la Madonna ad una ragazza del popolo, Bernadette Soubirous. Si divide tra l’ufficio e le celebrazioni che scandiscono la giornata, dalle messe ai rosari. “La Grotta è tutto, io sono sempre stato ‘lourdiano'”, dice raccontando del suo primo pellegrinaggio, nel 1973, come barelliere dell’Unitalsi. Una esperienza che a lui, allora studente del liceo, cambiò la vita. La scelta di fare il medico, il pediatra, e allo stesso tempo il volontario nei viaggi della speranza.
Ora la sua porta è sempre aperta: l’ufficio è nel bel mezzo di un corridoio. Chi passa per un saluto, chi per scambiare due chiacchiere; c’è il giovane medico specializzando che da Chieti arriva per fare qui una esperienza; poi una dottoressa che si lamenta che ad un malato non sia stata data la precedenza nell’ingresso alle ‘piscine’. Il telefono squilla, qualcun altro lascia un vassoio di dolcini. Di tutto, in una allegria che ha portato nella cittadina francese un pezzo di Italia e di Napoli.
All’ingresso ci sono sparsi sui tavoli i santini di Giuseppe Moscati e Gianna Beretta Molla, medici santi. Nello studio, sulle pareti, le foto con i Papi, un po’ nascosto però anche il gagliardetto della Juventus; in un angolo la macchinetta per fare il caffè italiano.
Ma soprattutto ci sono quel centinaio di persone che ogni anno vengono dal medico italiano per raccontare la loro storia di fede e di guarigione. “Io ricevo e ascolto tutti, dando loro tutto il tempo di cui hanno bisogno”. Ha tolto anche l’orologio dal polso per mettere a loro agio le persone che entrano qui per una esperienza che è fuori da ogni dimensione di tempo e spazio.
“Certo, arriva di tutto. I millantatori? Sono un buon numero”.
Ma da qui sono passati anche 70 miracoli riconosciuti solennemente dalla Chiesa, l’ultimo dal vescovo di Bayonne lo scorso 11 febbraio e riguarda la guarigione di suor Bernadette Moriau.

(Intervista e servizio realizzato e diffuso dall’Agenzia ANSA).

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome