L’Opam e la giornata mondiale dei diritti umani

Sono trascorsi 70 anni da quando l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approvò la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, un documento di importanza straordinaria in cui la dignità dell’individuo viene riconosciuta quale fondamento del diritto internazionale.

“Una scelta irrevocabile di civiltà per il genere umano, punto di riferimento per l’intera comunità internazionale”, come ha affermato il nostro Presidente della Repubblica Mattarella. Il documento rappresenta un riferimento essenziale per l’educazione interculturale: è costituita da un preambolo e da trenta articoli che fissano valori cardine come l’uguaglianza, la libertà e la dignità di tutti gli uomini, il diritto al lavoro, all’istruzione e l’irrilevanza di distinzioni di razza, colore, religione, sesso, lingua e opinione politica. Dei trenta articoli, l’Opam ha particolarmente a cuore l’articolo 1 che sancisce che tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti e l’articolo 26 che stabilisce che ogni individuo ha diritto all’istruzione e deve essere indirizzata al pieno sviluppo della personalità umana ed al rafforzamento del rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali. Essa deve promuovere la comprensione, la tolleranza, l’amicizia fra tutte le Nazioni, i gruppi razziali e religiosi, e deve favorire l’opera delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace.

diritti umani

Da quando è nata l’Opam, ha sempre identificato nell’educazione e nell’istruzione gli strumenti privilegiati per sconfiggere la povertà, promuovere la dignità di ogni uomo, favorire l’autosviluppo dei paesi più bisognosi del mondo. Inoltre l’Opam si è sempre impegnata a promuovere una cultura di pace attraverso l’educazione interculturale e favorendo relazioni di fraternità e reciprocità fra Nord e Sud del Mondo. Anche per questo nel 1982 l’Unesco ha conferito all’Opam una menzione d’onore per  l’impegno profuso nel corso degli anni al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica dei paesi industrializzati sulla natura e sulle dimensioni dell’analfabetismo nel mondo e per l’appoggio morale e materiale che presta generosamente nel settore dell’alfabetizzazione in Africa, in Asia e nell’America Latina. Un importante riconoscimento che ha fortificato l’impegno nel donare un’istruzione a tanti bambini bisognosi e l’amore verso questa missione per assicurare uno sviluppo duraturo e sostenibile a tanti Paesi del Sud del Mondo.

Massimiliano Casto

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome