Home News Res Publica et Societas L'incapacità totale di una classe politica allo sfascio. Pensano ai 'giochini di...

L’incapacità totale di una classe politica allo sfascio. Pensano ai ‘giochini di palazzo’ e si dimenticano dei ristori per le aziende!

Stiamo assistendo ad una incredibile sceneggiata ‘politica’ in queste settimane, dove un manipolo di politici allo sbando, sta cercando di salvare la propria poltrona, in cambio di una tranquillità e serenità futura promessa all’Italia.

E’ ormai evidente che ‘lorsignori’ non abbiamo neanche nell’anticamera del cervello l’idea di come funziona un paese, e per questo, prima si allontanano dal livello ‘decisionale’, meglio sarà per tutti noi. Non è questione di ‘andare a casa’, è proprio speranza che lascino la ‘cosa pubblica’ e tornino a fare quello che facevano prima di governare, cioè, ‘praticamente niente’.

Coronavirus: il bollettino di oggi
Coronavirus: il bollettino di oggi

La crisi di Governo rallenta in maniera terribile il nuovo decreto Ristori cinque, che serve soprattutto ad estendere gli aiuti economici alle partite Iva, a partire dai contributi a fondo perduto, con un occhio a quelle categorie che non erano rientrate nei quattro precedenti provvedimenti. Grazie al voto positivo ottenuto dal parlamento la scorsa settimana sullo scostamento di Bilancio e ai 32 miliardi di risorse messi sul piatto (ai quali si aggiungono altri 5,3 miliardi accantonati con il decreto Ristori quater) il governo possiede gli strumenti finanziari per agire e dare così una risposta al Paese a corto di liquidità.

E mentre continuano i ‘giochini politici’ molte aziende sono costrette a chiudere e saltare!

Ma, appunto, la situazione di incertezza sulla tenuta dell’esecutivo rende tutto estremamente incerto.  A cominciare da taluni aspetti costituzionali. Palazzo Chigi aveva immaginato di varare il decreto entro fine gennaio ma se le cose dovessero precipitare fino alla caduta di Conte cosa accadrebbe? Italia Viva ha più volte confermato che appoggerà comunque il decreto assicurando i voti necessari ma nella maggioranza (soprattutto nel Pd) e al ministero dell’Economia nutrono seri dubbi sul fatto che un esecutivo dimissionario, chiamato a svolgere l’ordinaria amministrazione, potrebbe licenziare un provvedimento che vale praticamente come una manovra di Bilancio.

Senza considerare che la maggioranza ha perso il controllo delle commissioni parlamentari di riferimento, dopo l’uscita degli esponenti espressione del partito di Renzi. Insomma, le spine sono molte. E manca una bussola politica di riferimento.

La foto di copertina è tratta dal sito Dagospia. Irriverente. Ma giusto.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,990FansLike
20,854FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Santa Rita

Oggi, 25 febbraio 2021, è il 4° dei 15 giovedì di...

Oggi, 25 febbraio 2021, è il 4° dei 15 giovedì di Santa Rita. Supplica per famiglie e sofferenti e casi impossibili I 15 Giovedì di...