Pubblicità
HomeNewsPax et JustitiaLibia. Mons. Magro: chiusi in casa, preghiamo per la pace

Libia. Mons. Magro: chiusi in casa, preghiamo per la pace

Libia. Mons. Magro: chiusi in casa, preghiamo per la paceIl sedicente Stato islamico dichiara guerra a entrambi i governi presenti in Libia, definiti “infedeli”. Nel Paese nordafricano sono attualmente attivi due esecutivi: uno, filoislamico, a Tripoli e l’altro riconosciuto a livello internazionale a Tobruk. Quest’ultimo ha annunciato nelle ultime ore di voler lasciare i colloqui mediati dall’Onu. Il Paese è dunque dilaniato dal conflitto interno e ostaggio dei jihadisti, che a Bengasi avrebbero trasformato la chiesa in un deposito di armi. Paolo Ondarza ha raccolto per la Radio Vaticana la testimonianza del vicario apostolico di Bengasimons. Sylvester Magro, raggiunto telefonicamente a Malta:

R. – Noi, come i libici, vogliamo la pace, vogliamo una vita normale, così come l’abbiamo conosciuta negli anni passati. Adesso, tutto questo scombussolamento che è avvenuto pesa sulla popolazione ed anche su di noi.

D. – Fino a qualche mese fa, mai avreste immaginato questa situazione…

R. – No. Purtroppo non lo abbiamo immaginato. Tutto è precipitato in poche ore: era il 4 novembre quando ci hanno chiamato per portarci in un posto sicuro. Sono già quattro mesi che siamo fuori dalla nostra chiesa… E adesso abbiamo anche appreso da Internet la notizia che la chiesa è diventata un deposito di armi. Ho telefonato ai confratelli, ma anche loro non sanno niente perché non è possibile andare in quella zona “calda”: quindi non possiamo confermarlo personalmente.

D. – La Chiesa come vive questo momento?

R. – E’ un tempo di sofferenza e di paura. Con molta rassegnazione siamo costretti a rinchiuderci sempre di più nelle nostre abitazioni. Pregando e sperando aspettiamo tempi migliori, se Dio vuole. Quello che possiamo fare è pregare, perché si giunga a un’intesa attraverso il dialogo mediato dalle Nazioni Unite. Che cosa possiamo fare noi? Siamo rimasti con questa speranza di una intesa finale che restituisca la pace a questo popolo tanto provato e a noi come loro. Noi soffriamo perché il popolo desidera la pace, il popolo vuole ritornare a una vita normale. Questo è un grido fortissimo, perché non piace a nessuno stare in uno stato di guerra.

D. – Lei adesso verrà a Roma?

R. – Si devo venire per la visita “ad Limina”.

D. – E questo grido lei lo porterà al Papa?

R. – Senz’altro, senz’altro, sì. Basta con lo spargimento di sangue e che ognuno cerchi di fare il proprio sforzo per far regnare la pace tanto desiderata e sospirata nei cuori di tutti gli uomini.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,155FansLike
20,918FollowersFollow
9,935FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Udienza generale di Papa Francesco

Papa Francesco: ‘Senza la preghiera, la fede si spegne..’. I santi...

Udienza generale di Papa Francesco (14 Aprile 2021) Papa Francesco. "Senza la fede, tutto crolla; e senza la preghiera..." Papa Francesco nell’udienza generale ricorda il legame...