Liberati in Camerum i 79 studenti rapiti: in ostaggio ancora la preside e un docente

Liberati in Camerum i 79 studenti rapiti: in ostaggio ancora la preside e un docente

Erano stati sequestrati all’alba di lunedì dalla scuola presbiteriana vicino a Bamenda, capitale della dilaniata regione anglofona

ragazzi rapiti dai presunti Amba boys, sono stati liberati dopo tre giorni di prigionia. Lo ha riferito il ministro dell’Informazione alla France PressIssa Bakary Tchiroma, senza fornire alcun dettaglio sull’operazione. Non si sa ancora nulla dell’identità dei rapitori. Non c’è nulla di certo. Il portavoce dei separatisti ha negato il coinvolgimento del gruppo, mentre un ministro della Chiesa presbiteriana è certo che sono stati loro.
.


.

I rapitori subito dopo il sequestro avevano fatto girare in Rete un video, confermato dai genitori dei ragazzi, che ritraeva gli studenti a terra costretti a pronunciare i loro nomi e quelli dei genitori. Gli Amba boys sono i miliziani sostenitori della rivendicazione secessionista delle regioni anglofone del nord-ovest e sud-ovest, ai confini con la Nigeria. Regioni massacrate da un conflitto civile che va avanti da oltre tre anni e che ha mietuto finora almeno 400 vittime civili, stado ai numeri di Amnesty Inernational, e 240mila sfollati.

I familiari degli studenti rapiti

La minoranza anglofona del Paese dell’Africa occidentale – scrive su Repubblica on line Raffaella Scuderi – lamenta la discriminazione totale dalla gestione del Paese, a guida francofona e capeggiata dall’86enne presidente Paul Biya, e omicidi indiscriminati e brutali giustificati dalle minacce e dagli attentati del gruppo terrorista islamico Boko Haram: chiunque venga sospettato di far parte dei jihadisti, viene ucciso o arrestato.

PUOI LEGGERE ANCHE 

PREGHIAMO! Un gruppo armato rapisce 79 scolari nel Camerun

La violenta risposta governativa verso i presunti spalleggiatori del gruppo jihadista e verso i secessionisti, è stata denunciata a più riprese dalla Chiesa, dalle Ong e da Amnesty International. Intanto i separatisti, nell’ottobre del 2017, hanno formato uno Stato autoproclamatosi indipendente: l’Ambazonia, dotato di un presidente, Siseku Ayuk Tabe (in esilio in Nigeria prima e una volta estradato, ora a processo in Camerun), un inno nazionale e la bandiera

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome