Home News Terra Sancta et Oriens Libano: Is rivendica strage. Più di 40 morti e 200 feriti

Libano: Is rivendica strage. Più di 40 morti e 200 feriti

Giornata di lutto nazionale in Libano dopo il duplice attentato che ieri ha scosso la periferia meridionale della capitale Beirut uccidendo oltre 40 persone e ferendone più di duecento. Obiettivo una roccaforte degli Hezbollah sciiti: a rivendicare l’azione il gruppo rivale sunnita dei jihadisti appartenenti al cosiddetto Stato islamico. Unanime la condanna internazionale per una atto terroristico definito” orribile”. Il servizio di Marina Calculli:

Libano

Scuole chiuse oggi in tutto il Libano e lutto nazionale: è questo che hanno deciso le autorità, ribadendo che la strage compiuta ieri contro la gente di Dahiyeh, la base popolare di Hezbollah, è una tragedia della nazione intera. Una nazione, in realtà, sempre più divisa dall’odio settario, a mano a mano che la guerra in Siria si esaspera. E infatti sulla matrice dell’attentato non ci sono dubbi: si trattava di un atto di guerra contro i “rafidiyyn”, termine spregiativo con cui il sedicente Stato Islamico ha etichettato gli sciiti, obiettivo della strage, nella sua rivendicazione su twitter. E così hanno rincalzato le brigate Abdullah Azzam, anche loro su twitter, lo strumento par eccellenza di questa guerra postmoderna: “Dahiyeh sarà coperta di sangue fino a quando invierà i suoi assassini in Siria”. E’ la Siria che divide, la Siria dove Hezbollah è ufficialmente un attore della guerra dal 2013 a fianco del regime di Asad e impegnato in quella che il partito descrive come “al-difa’ al-muqaddas”, la difesa sacra, e – si intende – contro gli islamisti sunniti radicali che combattono sul fronte opposto. Ma a Beirut regna adesso lo sgomento, ben oltre le divisioni settarie: a Dahiyeh ci si chiede se l’intelligence di Hezbollah sarà capace di frenare i jihadisti, come fece nell’estate del 2013, allora dopo 6 attentati che sconvolsero Dahiyeh. E timidamente qualcuno si chiede anche: “che senso ha questa guerra?” 

Redazione Papaboys (Fonte it.radiovaticana.va)

 

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,905FansLike
18,961FollowersFollow
9,770FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

News recenti

Medjugorje, preghiera di Adorazione Eucaristica

Medjugorje, preghiera di Adorazione Eucaristica, domenica 20 settembre 2020, dalle ore...

Torna questa sera, domenica 20 settembre, dalle ore 21.00 il momento dedicato alla preghiera personale e comunitaria: in collegamento da Medjugorje, la preghiera di...