Lettera agli studenti che affrontano i test per l’università

architettura testIn classe ti abbiamo visto distratto durante le spiegazioni e la tua mente era proiettata a questi giorni; ti abbiamo trovato pensieroso e il tuo cuore batteva già per il futuro; sei stato assente più di un giorno, proprio tu che in cinque anni c’eri stato sempre…

Carissimo Studente,

riprendo a scriverti in queste ore che ti vedono in fila per affrontare i temuti test per l’ammissione ad alcune facoltà universitarie. Forse sono le uniche ore in cui vorresti trovarti tra i banchi di scuola o preferiresti studiare a casa per un’interrogazione anziché mettere crocette in quantità!

Certo queste prove ti coinvolgono in un momento particolare della tua vita e di quella della scuola italiana, quando storicamente ci si preparava agli esami di maturità, e per l’università c’era tempo, pochi mesi, ma settimane preziose. Tu o qualcuno dei tuoi colleghi ha già fatto simili esperienze per le università private, facendo i conti in anticipo con certe scelte, dunque ora tocca a te! In classe ti abbiamo visto distratto durante le spiegazioni e la tua mente era proiettata a questi giorni; ti abbiamo trovato pensieroso e il tuo cuore batteva già per il futuro; sei stato assente più di un giorno, proprio tu che in cinque anni c’eri stato sempre; ti abbiamo visto arrivare in ritardo dicendo che avevi fatto tardi la sera prima per finire di studiare per i test, neanche per una festa di compleanno; più d’una volta hai nascosto, a volte mica tanto, sotto i libri si scuola quelli dei quiz e quante altre mi hai chiesto en passant che cosa volesse dire l’uno a l’altro termine che non aveva a che fare con l’argomento che studiavamo; hai rimandato le interrogazioni, ha persino fallito qualche compito in classe, non sei neppure partito per la visita di istruzione, e tutto per essere pronto in queste ore a dire – come leggo su un social network: “Ed oggi si sente più che mai la consapevolezza di essere sicuramente tutti più forti di stupide crocette”.

Giuste o ingiuste che siano questo tipo di prove, sai bene che non saranno le uniche nella vita e non lo saranno sia nella prospettiva negativa, cioè che “la vita è piena di prove”, sia in quella positiva, cioè “che c’è sempre un’altra possibilità”. Non si tratta di accontentarsi né di essere sprovveduti, bensì di vivere con sano realismo questo tempo come un’opportunità di crescita, e tieni conto che nessuno cresce senza portare con sé qualche ferita.

Conta, però, l’atteggiamento, la capacità di affrontare la prova consapevoli di ciò che si vale e che si è fatto; conta sapere che sbagliare la crocetta fondamentale non corrisponde al detto “metterci sopra una croce”; conta credere in se stessi ed essere consapevoli che tanti altri credono in te, e ci crederanno nel male e nel bene; conta imparare a trasformare le eventuali ferite in feritoie, capaci di far passare la luce e non il dolore. Penserai che è facile per un prof dire ciò, ma posso dirti che non lo è così tanto, perché qualche crocetta importante l’ho dovuta mettere anch’io in passato, perché ho visto tuoi compagni farcela e non farcela, piangere di gioia e di delusione; soprattutto so che è possibile, ogni volta, ricominciare, rimettersi in gioco, puntare in alto, certamente stanchi, ma sereni di avere affrontato consapevolmente quella prova con tutte le forze.

Ora tocca a te, coraggio! di Marco Pappalardo*

*Fonte:  (Quaderni Cannibali) di Donboscoland

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni, con il cuore, senza interessi economici o politici, semplicemente perché il cuore ci chiama a farlo. E ci mettiamo passione, costanza, ed anche quel pizzico di professionalità che deve contraddistinguere i cristiani. Ecco perché siamo “missionari di parabole antiche e sempre nuove: chiamati ad esserci, ed a stare anche vicini ad ognuno di voi”.

Un numero sempre maggiore di persone legge Papaboys.org senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Soprattutto quando si parla di cristianesimo.

Purtroppo il tipo di informazione che cerchiamo di offrire richiede molto tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire tutti i giorni i costi quotidiani di Papaboys.org ed abbiamo deciso di chiedere proprio a te che leggi di essere per noi, proprio Provvidenza.

Puoi aiutarci a continuare questa missione sempre meglio e con maggiore spessore ed incisività? L’unica cosa che non possiamo garantirti è aumentare il cuore che ci mettiamo per fare questo lavoro, perché fino ad oggi ce lo abbiamo messo davvero tutto! Ma con un po’ di sostegno in più, possiamo essere davvero più incisivi, per te, e per tutti coloro che ci seguono (quasi 2.000.000 di lettori ogni mese!)

Inviaci il tuo contributo, quello che vuoi, e che puoi. E che Dio ti benedica!

Grazie
Daniele Venturi
Direttore Papaboys.org

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €15.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome