Leader islamici lanciano una «Dichiarazione sul cambiamento climatico»

clima

nero.climaUn gruppo di oltre 60 studiosi, leader politici e religiosi del mondo islamico ha lanciato la «Dichiarazione sul cambiamento climatico» con cui, in vista della conferenza Onu sul clima in programma a dicembre a Parigi, si chiede ai governi mondiali di negoziare e firmare un accordo ambizioso che consenta di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi centigradi sopra i livelli preindustriali, o che almeno rispetti la soglia dei 2 gradi considerata dai climatologi il punto di non ritorno. La Dichiarazione, sottoscritta all’International Islamic Climate Change Symposium in corso a Istanbul, segue l’enciclica «Laudato Si’» di papa Francesco e la proclamazione della Giornata mondiale di Preghiera per la cura del Creato, che sarà celebrata il prossimo primo settembre su proposta della Chiesa ortodossa.

I leader di una ventina di paesi islamici chiedono la rapida eliminazione dei combustibili fossili e la transizione alle rinnovabili per raggiungere il 100% di energie pulite, in modo da contrastare il cambiamento climatico, ridurre la povertà e intraprendere uno sviluppo sostenibile.

Tra i partecipanti al Simposio, la segretaria della convenzione quadro dell’Onu sui cambiamenti climatici Christiana Figueres, che ha rilevato come «gli insegnamenti dell’islam, che sottolineano i doveri degli esseri umani come custodi della Terra e il ruolo di insegnante come guida ai comportamenti corretti, forniscano un orientamento per compiere le giuste azioni sul cambiamento climatico»

Redazione Papaboys (Fonte vaticaninsider.lastampa.it)

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome