Home Speciali San Ioannes Paulus PP. II Le creazioni Cardinalizie di Giovanni Paolo II

Le creazioni Cardinalizie di Giovanni Paolo II

Papa Giovanni Paolo II ha creato 231 cardinali (provenienti da 69 nazioni) in 9 concistori. Nessun altro pontefice nella storia della Chiesa cattolica ha creato un numero così elevato di porporati. Il 30 giugno 1979, durante il suo primo concistoro, papa Giovanni Paolo II creò quattordici cardinali elettori più uno nominato in pectore. Con la creazione dei nuovi quattordici cardinali elettori il numero dei cardinali elettori è arrivato a centoventi, limite massimo fissato da papa Paolo VI nel 1973. I quindici nuovi porporati furono: Agostino Casaroli (arcivescovo titolare di Cartagine Cardinale Segretario di Stato), Giuseppe Caprio (arcivescovo titolare di Apollonia Presidente dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica), Marco Cè (patriarca di Venezia), Egano Righi-Lambertini (arcivescovo titolare di Doclea, Nunzio apostolico in Francia, inviato speciale con funzione di osservatore permanente presso il Consiglio d’Europa), Joseph-Marie Trinh Van-Can (arcivescovo di Hà Nôi Viêt Nam.), Ernesto Civardi (arcivescovo titolare di Sardica Segretario della Congregazione per i Vescovi, segretario del Sacro Collegio dei Cardinali), Ernesto Corripio Ahumada (arcivescovo di Città del Messico Messico), Joseph Asajiro Satowaki (arcivescovo di Nagasaki Giappone), Roger Etchegaray (arcivescovo di Marsiglia Francia), Anastasio Alberto Ballestrero, O.C.D. (arcivescovo di Torino Italia), Tomás Ó Fiaich (arcivescovo di Armagh Irlanda), Gerald Emmett Carter (arcivescovo di Toronto Canada), Franciszek Macharski (arcivescovo di Cracovia Polonia), Władysław Rubin (vescovo titolare di Serta vescovo ausiliario di Gniezno Polonia, segretario generale del Sinodo dei Vescovi), Ignatius Kung Pin-mei (vescovo di Shanghai, amministratore apostolico in Cina, Pin-mei venne creato cardinale in pectore; il suo nome fu pubblicato in occasione del concistoro del 1991).

Nel primo Concistoro, rivolgendosi ai neo porporati, disse: “Il tempo che è seguito al Concilio Vaticano II, si distingue – come tutti sanno – per il fatto che la Chiesa intera deve impegnarsi a realizzare le decisioni del medesimo Sinodo universale. Queste non mirano ad altro che al rinnovamento della Chiesa: occorre cioè – per usare le parole del mio Predecessore – che essa “riporti se stessa a quella conformità col suo divino modello, che costituisce il suo fondamentale dovere” (AAS 55 [1963] 850).  Tale rinnovamento, in base allo stesso Concilio, investe molti aspetti: il più importante riguarda lo sforzo costante che la Chiesa deve fare per approfondire continuamente la coscienza della propria missione salvifica; che è anche un perpetuo servire alla causa fondamentale dell’uomo, delle nazioni, di tutta la famiglia umana. Questa conoscenza deve comportare quella certezza circa il compito salvifico, che deriva da fede sicura e da umiltà sincera, e ci rende capaci di eseguire con animo grande l’opera di rinnovamento. Quest’opera va costantemente misurata per così esprimersi col “metro universale” del popolo ai Dio, il quale, mentre partecipa alla missione salvifica di Cristo stesso, insieme la completa in vario modo, secondo il “dono” che ognuno riceve, allo scopo di condurre a salvezza sé e gli altri”.

Il 02 febbraio 1983 papa Giovanni Paolo II creò diciotto nuovi cardinali, di cui sedici elettori: Antoine-Pierre Khoraiche (patriarca del Patriarcato di Antiochia dei Maroniti), Bernard Yago (arcivescovo di Abidjan Costa d’Avorio), Aurelio Sabattani (Arcivescovo titolare di Giustiniana Prima Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica), Franjo Kuharić (arcivescovo di Zababria Yugoslavia), Giuseppe Casoria (Vescovo titolare di Vescovio Prefetto della Congregazione dei Sacramenti e del Culto Divino), José Alí Lebrún Moratinos (arcivescovo di Caracas Venezuela), Joseph Louis Bernardin (arcivescovo di Chicago Stati Uniti), Michael Michai Kitbunchu (arcivescovo di Bangkok Tailandia), Alexandre do Nascimento (arcivescovo di Lubango Angola), Alfonso López Trujillo (arcivescovo di Medellín Colombia), Godfried Danneels (arcivescovo di Malines-Brussels Belgio), Thomas Stafford Williams (arcivescovo di Wellington Nuova Zelanda), Carlo Maria Martini, S.J. (arcivescovo di Milano Italia), Jean-Marie Lustiger (arcivescovo di Parigi Francia), Józef Glemp (arcivescovo di Gniezno e Varsavia Polonia), Julijans Vaivods (Macriana Maggiore amministratore apostolico dell’arcidiocesi di Riga e della diocesi di Liepāja Unione Sovietica), Joachim Meisner (vescovo di Berlino Germania), Henri de Lubac, S.J.

Durante l’allocuzione rivolta ai Cardinali, Giovanni Paolo II, fece notare come il Collegio Cardinalizio diventava sempre di più espressione della Chiesa Universale: “I Cardinali non solo si uniscono a questa Sede Romana con titolo peculiare e sono consiglieri particolari e cooperatori del successore di Pietro nel compito apostolico, ma sono anche per così dire l’immagine dell’unità della Chiesa medesima, in quanto con “affetto collegiale” (Lumen Gentium, 23) sono stati costituiti sotto il suo capo visibile. Inoltre emerge nel Sacro Collegio la nota dell’universalità, propria della Chiesa cattolica, che, secondo la volontà del suo fondatore deve abbracciare tutto il mondo (cf. Mc 16, 15): infatti i Membri del medesimo Collegio sono stati chiamati da tutti i continenti per il loro vastissimo compito e la loro dignità. Questo carattere di universalità è evidente anche nell’odierno Concistoro, giacché i Membri che si aggiungono al medesimo Senato della Chiesa, sono chiamati dall’Africa, dall’America, dall’Asia, dall’Europa, dall’Oceania. Tra questi ci sono i Presuli non solo di sedi insigni per antica tradizione cattolica, ma anche di nuove Chiese, come quella di Abidjan, di Bangkok, di Lubango. Con il più grande affetto guardiamo a questi nuovi rami “dell’albero frondoso, rigoglioso di fiori e di frutti” come Giovanni XXIII ha chiamato la stessa Chiesa (Giovanni XXIII, Allocutio, 15 dicembre 1958: AAS, 1958, 982)”.

Il 25 maggio 1985 creò ventotto nuovi cardinali, di cui ventisette elettori: Luigi Dadaglio (arcivescovo titolare di Lero Propenitenziario Santa Chiesa Cattolica), Duraisamy Simon Lourdusamy (arcivescovo emerito di Bangalore India Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali), Francis Arinze (arcivescovo emerito di Onitsha Nigeria Presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Inter-Religioso), Juan Francisco Fresno Larraín (arcivescovo di Santiago de Cile Cile), Antonio Innocenti (arcivescovo titolare di Eclano, nunzio apostolico in Spagna), Miguel Obando Bravo, S.D.B. (arcivescovo di Managua Nicaragua), Paul Augustin Mayer, O.S.B. (arcivescovo titolare di Satriano Segretario della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti), Ángel Suquía Goicoechea (arcivescovo di Madrid Spagna), Jean Jérôme Hamer, O.P. (arcivescovo titolare di Lorium pro-prefetto della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica), Ricardo Jamin Vidal (arcivescovo di Cebu Filippine), Henryk Roman Gulbinowicz (arcivescovo di Wrocław Polonia), Paulos Tzadua (arcivescovo di Addis Abeba degli Alessandrini-Etiopi Etiopia), Jozef Tomko (arcivescovo titolare di Doclea, segretario generale del Sinodo dei Vescovi), Myroslav Ivan Lubachivsky (arcivescovo maggiore di Lviv Ucraina U.S.S.R), Andrzej Maria Deskur (arcivescovo titolare di Tene, presidente emerito della Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali), Paul Poupard (arcivescovo titolare di Usula pro-presidente del segretariato del Pontificio Consiglio non credenti e presidente del comitato esecutivo del Pontificio Consiglio della Cultura), Louis-Albert Vachon (arcivescovo di Québec Canada), Albert Decourtray (arcivescovo di Lione Francia), Rosalio José Castillo Lara, S.D.B. (arcivescovo titolare di Precausa pro-presidente della Pontificia Commissione per l’interpretazione autentica del Codice di Diritto Canonico), Friedrich Wetter (arcivescovo di Monaco e Frisinga Germania), Silvano Piovanelli (arcivescovo di Firenze Italia), Adrianus Johannes Simonis (arcivescovo di Utrecht Olanda), Edouard Gagnon, P.S.S. (arcivescovo titolare di Giustiniana Prima pro-presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia), Alfons Maria Stickler, S.D.B. (arcivescovo titolare di Bolsena pro-libraio e pro-archivista della Santa Sede), Bernard Francis Law (arcivescovo di Boston USA), John Joseph O’Connor (arcivescovo di New York USA), Giacomo Biffi (arcivescovo di Bologna Italia), Pietro Pavan.

Nell’allocuzione per l’imposizione della Berretta e l’Assegnazione dei Titoli o delle Diaconie, Giovanni Paolo II, fece accenno alla particolare attenzione che la Chiesa cominciava a rivolgere alla gioventù: “Questo sacro Concistoro si svolge nel momento in cui si impone alla Chiesa un maggiore sforzo per portare la verità di Cristo e la sua opera salvifica in un mondo che spesso ignora o trascura o anche contrasta beni così grandi e necessari. Come sapete, nella prima domenica di Avvento dell’anno scorso ho promulgato l’esortazione apostolica sulla riconciliazione e la penitenza nella missione della Chiesa oggi: cioè ho sintetizzato, per così dire, in un testo unico le conclusioni e le domande del sesto Sinodo dei vescovi. Nel considerare le divisioni e le ingiustizie che lacerano gli uomini e le nazioni del nostro tempo, si rendeva necessario cercarne attentamente le cause con quello spirito che permettesse di trovarne i rimedi adeguati. La radice di tutti questi mali è la ferita insita nelle profondità dell’animo umano: il peccato che gli uomini commettono facendo cattivo uso della libertà che Dio ha loro donato. È dunque necessario che essi si riconcilino con Dio, con se stessi e con i fratelli, e mediante la penitenza ristabiliscano l’ordine turbato dal peccato. Inoltre, com’è noto, è in corso l’Anno internazionale della gioventù, indetto dalle Nazioni Unite. La Chiesa non poteva fare a meno di cogliere questa occasione per mostrarsi madre e maestra verso i giovani nei quali è riposta in gran parte la sua speranza. Per questa ragione, pochi mesi fa ho indirizzato loro una lettera apostolica. È senza dubbio un soggetto che ci trova tutti solleciti, affinché quel “tesoro di ricchezze, che è la gioventù” (Giovanni Paolo II, Epistula Apostolica ad iuvenes, Internationali vertente Anno Iuventuti dicato, 31 marzo 1985: Insegnamenti di Giovanni Paolo II, VIII/1 [1985] 757) non si corrompa, ma venga custodito, alimentato, accresciuto. È stato necessario illustrare specificatamente il tema della vocazione sacerdotale e religiosa, rendendosi evidente oggi, soprattutto in alcuni Paesi e in alcune congregazioni religiose, la penuria di operai nella messe del Signore e di persone che professino i consigli evangelici”.

Il 28 giugno 1988 creò ventiquattro nuovi cardinali, tutti elettori: Eduardo Martínez Somalo (arcivescovo titolare di Tagora sostituto del Segretariato di Stato), Achille Silvestrini (arcivescovo titolare di Novaliciana segretario del Consiglio per gli affari pubblici della Chiesa), Angelo Felici (arcivescovo titolare di Cesariana nunzio in Francia), Paul Grégoire (arcivescovo di Montréal Canada), Antony Padiyara (arcivescovo di Ernakulam dei Siro-Maroniti India), José Freire Falção (arcivescovo di Brasília Briasile), Michele Giordano (arcivescovo di Napoli Italia), Alexandre José María dos Santos, O.F.M. (arcivescovo di Maputo Mozambico), Giovanni Canestri (arcivescovo di Genova Italia), Antonio María Javierre Ortas, S.D.B. (arcivescovo titolare di Meta Segretario della Congregazione per l’educazione cattolica), Simon Ignatius Pimenta (arcivescovo di Bombay India), Mario Revollo Bravo (arcivescovo di Bogotá Colombia), Edward Bede Clancy (arcivescovo di Sydney Australia), Lucas Moreira Neves, O.P. (arcivescovo di San Salvador de Bahia Brasile), James Aloysius Hickey (arcivescovo di Washington Stati Uniti d’America), Edmund Casimir Szoka (arcivescovo di Detroit Stati Uniti d’America), László Paskai, O.F.M. (arcivescovo di Esztergom Ungheria), Christian Wiyghan Tumi (arcivescovo di Garoua Camerun), Hans Hermann Groër, O.S.B. (arcivescovo di Vienna Austria), Jacques Martin (arcivescovo titolare di Neapoli di Palestina prefetto emerito della casa madre pontificia), Franz Hengsbach (vescovo di Essen Germania), Vincentas Sladkevičius (vescovo titolare di Abora amministratore apostolica apostolico ad nutum diocesi di Kaišiadorys Lituania allora U.S.S.R), Jean Margéot (vescovo di Port-Louis Mauritius), John Baptist Wu Cheng-chung (vescovo di Hong Kong), Hans Urs von Balthasar, (il quale avrebbe dovuto essere creato cardinale in questo concistoro, morì due giorni prima della nomina, il 26 giugno 1988).

Giovanni Paolo II, durante l’allocuzione, esprimeva gioia per la creazione dei nuovi Cardinali. Annunciava la riorganizzazione della Curia Romana, e la pubblicazione del nuovo Codice di Diritto Canonico. Nello stesso tempo era preoccupato per le posizioni assunte da Mons. Lefreve, che poco dopo provocò lo scisma con la Chiesa, fondando la Fraternità di San Pio X: “In questo evento solenne della Chiesa, lieti della vostra presenza, venerati fratelli radunati qui in Concistoro, ci piace apporre il nostro nome in modo solenne alla costituzione apostolica dal titolo Pastor Bonus, con la quale abbiamo voluto che la Curia romana – cioè lo strumento indispensabile del nostro ministero apostolico – risponda sempre più, sia consona alla visione stessa ecclesiologica del Concilio Vaticano II e raggiunga allo stesso tempo più sicuramente i suoi fini pastorali. A questa riforma il senso collegiale ed il saggio consiglio dei padri Cardinali hanno dato un apporto notevole; essi non soltanto collegialmente in tre Concistori generali ma anche individualmente hanno dato il loro contributo importante a questo scopo; né è mancato l’aiuto dei Vescovi, i quali sono stati consultati attraverso i presidenti delle loro conferenze in questa materia, avvalendosi nel frattempo dell’aiuto di altri esperti. Così infatti portiamo a compimento quella innovazione delle leggi della Chiesa, la quale è stata introdotta dalla pubblicazione del nuovo Codice di Diritto Canonico e che ha come scopo di essere anche realizzata nella riforma del Codice di Diritto Canonico Orientale. Insieme con voi pertanto ringraziamo Dio e la beatissima Vergine Maria, come anche i santi apostoli Pietro e Paolo, per questi eventi di oggi che arrecano tanta gioia nella vita di tutta la Chiesa. Ci affligge tuttavia moltissimo la notizia, già da voi tutti risaputa, che uno dei nostri fratelli nell’episcopato, dopo parecchi anni ormai, durante i quali aveva negato alla Santa Sede la dovuta obbedienza e, colpito dalla pena della sospensione, sembrava sul punto di chiedere un accordo, procederà presto ad ordinazioni di Vescovi senza il mandato apostolico, e romperà così l’unità della Chiesa inducendo non pochi suoi seguaci ad una pericolosa situazione di scisma. Poiché ora sembra che né la volontà né il proposito di questo nostro fratello possano più essere revocati, altro non possiamo fare che invocare la bontà del nostro Salvatore, perché illumini coloro che, mentre affermano di dover difendere la vera dottrina della fede contro le sue deformazioni, abbandonano la comunione con il successore di Pietro e sono pronti a separarsi dall’unità del gregge di Cristo, affidato all’apostolo Pietro. Noi li preghiamo e li esortiamo con tutto il cuore a rimanere nella casa del Padre e a comprendere che ogni verità di fede e ogni retto modo di vivere trova il suo posto nella Chiesa, e che nulla si sostenga in essa, che sia contrario alla fede”.

Il 28 giugno 1991 pubblicò il cardinale in pectore Ignatius Kung Pin-mei, creato nel concistoro del 1979 e ormai novantenne. Inoltre creò ventidue nuovi cardinali, di cui venti elettori: Angelo Sodano (arcivescovo titolare di Nova di Cesare pro-segretario di stato), Alexandru Todea (arcivescovo bizantino di Făgăraş e Alba Julia Romania), Pio Laghi (arcivescovo titolare di Mauriana pro-prefetto della Congregazione per l’educazione cattolica), Edward Idris Cassidy (arcivescovo titolare di Amanzia Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani), Robert Coffy (arcivescovo di Marsiglia Francia), Frédéric Etsou-Nzabi-Bamungwabi, C.I.C.M. (arcivescovo di Kinshasa Zaire), Nicolás de Jesús López Rodríguez (arcivescovo di Santo Domingo Repubblica Domenicana), José Tomás Sánchez (arcivescovo emerito di Nueva Segovia Filippine segretario della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli), Virgilio Noè (arcivescovo titolare di Voncaria coadiutore del cardinale arciprete della Basilica di San Pietro delegato per la fabbrica della basilica san Pietro), Antonio Quarracino (arcivescovo di Buenos Aires Argentina), Fiorenzo Angelini (arcivescovo titolare di Messene presidente del Pontificio consiglio della pastorale per gli operatori sanitari), Roger Michael Mahony (arcivescovo di Los Angeles Stati Uniti), Juan Jesús Posadas Ocampo (arcivescovo di Guadalajara Messico), Anthony Joseph Bevilacqua (arcivescovo di Filadelfia Stati Uniti), Giovanni Saldarini (arcivescovo di Torno Italia), Cahal Brendan Daly (arcivescovo di Armagh Irlanda), Camillo Ruini (arcivescovo titolare di Nepte pro-vicario generale di Sua Santità per la città di Roma e il suo distretto), Jan Chryzostom Korec, S.J. (vescovo di Nitra Cecoslovacchia), Henri Schwery (vescovo di Sion Svizzera), Georg Maximilian Sterzinsky (vescovo di Berlino Germania), Guido del Mestri (arcivescovo titolare di Tuscamia nunzio apostolico), Paolo Dezza, S.J.

Rivolgendosi per l’occasione ai nuovi porporati, disse: “Fedele all’invito del Figlio di Dio, la Chiesa percorre da duemila anni le strade degli uomini, al servizio dell’uomo. Educatrice dell’individuo e dei popoli, essa si china sulla persona con incessante premura; ne scruta le ricchezze e ne percepisce le aspirazioni, anche le più profonde, con l’intuizione dell’amore. L’uomo è la via della Chiesa: essa vive nel cuore dell’uomo e l’uomo vive nel suo cuore. Per questo ogni umana speranza e sofferenza la concerne e la interpella. E all’umanità inquieta e preoccupata, affamata di verità e di pace, essa continua ad annunciare ed offrire l’unica salvezza: Gesù Cristo, il Figlio di Dio e della Vergine Maria. Così, mentre l’azione dello Spirito Santo rinnova costantemente il gregge del Signore e rende salda al suo interno la comunione e l’unità, l’impegno dell’evangelizzazione lo spinge verso traguardi apostolici sempre nuovi tra popoli e nazioni di ogni condizione e cultura. Ad ogni credente la Chiesa reca la Buona Novella dell’Amore che redime. Voi, carissimi neo-Cardinali, sarete di questa Chiesa attenti servitori ed apostoli, associati al mio singolare ministero petrino per un nuovo e più diretto titolo. Vostro impegno peculiare sarà amare Cristo, testimoniarlo e farlo amare; amare la Chiesa, difenderla e farla conoscere, affinché tutte le tribù, lingue, popoli e nazioni (cf. Ap 5, 9) riconoscano che in essa si attua la salvezza di Dio fino agli estremi confini della terra (cf. Is 49, 6)”.

Il 26 novembre 1994, creò trenta nuovi cardinali, di cui ventiquattro elettori: Nasrallah Boutros Sfeir (patriarca di Antiochia dei Maroniti Libano), Miroslav Vlk (arcivescovo di Praga Repubblica Ceca), Luigi Poggi (arcivescovo titolare di Forontoniana pro-librario e pro-archivista della Santa Chiesa Romana), Peter Seiichi Shirayanagi (arcivescovo di Tokyo Giappone), Vicenzo Fagiolo (arcivescovo emerito di Chieti-Vasto Italia presidente del Pontificio consiglio per i testi legislativi), Carlo Furno (arcivescovo titolare di Abari nunzio in Italia), Carlos Oviedo Cavada, O. de M. (arcivescovo di Santiago de Cile Cile), Thomas Joseph Winning (arcivescovo di Glasgow Scozia), Adolfo Antonio Suárez Rivera (arcivescovo di Monterrey Messico), Jaime Lucas Ortega y Alamino (arcivescovo di San Cristóbal de La Habana Cuba), Julius Riyadi Darmaatmadja, S.J. (arcivescovo di Semarang Indonesia), Jan Pieter Schotte, C.I.C.M. (arcivescovo titolare di Silli segretario generale del Sinodo dei Vescovi presidente dell’Ufficio del Lavoro della Santa Sede), Pierre Eyt (arcivescovo di Bordeaux Francia), Gilberto Agustoni (arcivescovo titolare di Caorle pro-prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica), Emmanuel Wamala (arcivescovo di Kampala Uganda), William Henry Keeler (arcivescovo di Baltimora Stati Uniti), Augusto Vargas Alzamora, S.J. (arcivescovo di Lima Perù), Jean-Claude Turcotte (arcivescovo di Montréal Canada), Ricardo María Carles Gordó (arcivescovo di Barcelona Spagna), Adam Joseph Maida (arcivescovo di Detroit Stati Uniti United States), Vinko Puljić (arcivescovo di Vhrbosna-Sarajevo Bosnia ed Ercegovina), Armand Gaetán Razafindratandra (arcivescovo di Antananarivo Madagascar), Paul Joseph Phạm Ðình Tụng (arcivescovo di Hanoi Vietnam), Juan Sandoval Íñiguez (arcivescovo di Guadalajara Messico), Bernardino Echeverría Ruiz, O.F.M. (arcivescovo emerito di Guayaquil apostolic administrator of Ibarra Ecuador), Kazimierz Świątek (arcivescovo di Minsk-Mohilev apostolic administrator of Pinsk Belarus), Ersilio Tonini (arcivescovo emerito di Ravenna-Cervia Italy), Mikel Koliqi, Yves Congar, O.P., Alois Grillmeier, S.J.

Il Papa riprendendo un’espressione del Nuovo testamento, disse ai nuovi Porporati: “Pascete il gregge di Dio, facendovi modelli (cf. 1 Pt 5, 2-3). Venerati Fratelli, con l’odierna celebrazione voi entrate a far parte a pieno titolo della Chiesa di Roma, di cui il Successore di Pietro è Vescovo. Fin dal primo millennio della sua storia, la Chiesa di Roma comprendeva le diocesi suburbicarie affidate a vescovi, le parrocchie delle quali erano responsabili i presbiteri, e le diaconie delle quali, conformemente ad un’antica tradizione apostolica, si occupavano i diaconi con compiti sia liturgici che sociali. Il Collegio cardinalizio riflette tuttora, pur nelle mutate condizioni storiche, tale ordinamento attraverso la triplice divisione in Cardinali vescovi, Cardinali presbiteri e Cardinali diaconi. È assai significativo, ad esempio, che responsabili dei Dicasteri della Curia Romana siano Cardinali diaconi, a sottolineare quasi visibilmente il carattere “diaconale” della Curia a servizio della Chiesa universale”.

Il 21 febbraio 1998 papa Giovanni Paolo II creò ventidue nuovi cardinali, e pubblicò il nome di diciannove cardinali elettori: Jorge Arturo Medina Estévez (arcivescovo-vescovo emerito di Valparaíso Chile Prefetto della Congregazione della Divina Liturgia e la disciplina dei Sacramenti), Alberto Bovone (arcivescovo titolare di Cesarea di Numidia pro-prefect of the Congregation for the Causes of the Saints), Darío Castrillón Hoyos (arcivescovo emerito di Bucaramanga Colombia Prefetto della Congregazione per il Clero), Lorenzo Antonetti (arcivescovo titolare di Roselle Presidente dell’Amministrazione del Patrimonio della santa Sede), James Francis Stafford (arcivescovo emerito di Denver United States of America Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici), Salvatore De Giorgi (arcivescovo di Palermo Italy), Serafim Fernandes de Araújo (arcivescovo di Belo Horizonte Brazil), Antonio María Rouco Varela (arcivescovo di Madrid Spain), Aloysius Matthew Ambrozic (arcivescovo di Toronto Canada), Jean Balland (arcivescovo di Lyon France), Dionigi Tettamanzi (arcivescovo di Genoa Italy), Polycarp Pengo (arcivescovo di Dar-es-Salaam Tanzania), Christoph Schönborn, O.P. (arcivescovo di Vienna Austria), Norberto Rivera Carrera (arcivescovo di México México), Francis Eugene George, O.M.I. (arcivescovo di Chicago United States of America), Paul Shan Kuo-Hsi, S.J. (vescovo di Kaohsiung Taiwan), Adam Kozłowiecki, S.J. (arcivescovo titolare di Potenza Picena), Giovanni Cheli (arcivescovo titolare di Santa Giusta Presidente del Pontificio Consiglio per la patorale dei Migranti e degli itineranti), Francesco Colasuonno (arcivescovo titolare di Tronto nuncio to Italy), Dino Monduzzi (vescovo titolare di Capri Prefetto della Casa pontificia), Marian Jaworski (arcivescovo di Lviv of the Latins Ukraine), Jānis Pujats (arcivescovo di Riga Latvia). Gli ultimi due vennero creati cardinali in pectore; i loro nomi furono pubblicati in occasione del concistoro del 2001. Tra i candidati c’era anche Josip Uhacm che morì il 18 gennaio 1998, poche ore prima dell’annuncio della sua creazione a cardinale.

Durante l’omelia, rivolgendosi ai Cardinali li esortò con le seguenti espressioni: “questo radicamento in Cristo riceve oggi in voi, venerati Fratelli, un’ulteriore specificazione, giacché con l’elevazione alla Porpora siete chiamati ed abilitati ad un servizio ecclesiale di ancor più grave responsabilità, in strettissima collaborazione con il Vescovo di Roma. Quanto oggi si compie in Piazza San Pietro è, dunque, la chiamata ad un servizio più impegnativo, perché, come abbiamo ascoltato dal Vangelo, “quicumque voluerit in vobis primus esse, erit omnium servus” (Mc 10,44). L’elezione spetta a Dio, a noi il servire. Non è forse da intendersi lo stesso primato di Pietro come servizio all’unità, alla santità, alla cattolicità ed all’apostolicità della Chiesa?”

Il concistoro del 21 febbraio 2001 fu quello in cui papa Giovanni Paolo II creò il maggior numero di cardinali, quarantadue, di cui trentotto elettori, un record nella storia della Chiesa Cattolica. Oltre a questi pubblicò i due cardinali creati in pectore nel concistoro del 1998: Marian Jaworski e Jānis Pujats. Da notare che l’annuncio dei nomi dei cardinali fu dato in due tempi: il 21 gennaio annunciò trentasette nuovi cardinali ad espresse la volontà di rivelare i nomi dei cardinali in pectore; il 28 gennaio oltre a rivelare i nomi dei due cardinali creati nel 1998, aggiunse cinque nuovi cardinali (Huzar, Degenhardt, Terrazas Sandoval, Fox Napier e Lehmann). I trentotto cardinali elettori creati in questo concistoro erano: Giovanni Battista Re (arcivescovo titolare di Vescovio prefect of the Congregation for Bishops president of the Pontifical Commission for Latin America), François Xavier Nguyên Van Thuân (arcivescovo titolare di Vadesi president of the Pontifical Council Iustitia et Pax), Agostino Cacciavillan (arcivescovo titolare di Amiterno president of the Administration of the Patrimony of the Holy See), Sergio Sebastiani (arcivescovo titolare di Cesarea di Mauritania president of the Prefecture for the Economic Affairs of the Holy See), Zenon Grocholewski (arcivescovo titolare di Agropoli prefect of the Congregation for Catholic Education), José Saraiva Martins, C.M.F. (arcivescovo titolare di Tuburnica prefect of the Congregation for the Causes of the Saints), Crescenzio Sepe (arcivescovo titolare di Grado secretary general of the Committee of the Great Jubilee of the Year 2000), Jorge María Mejía (arcivescovo titolare di Apollonia archivist and librarian of the Holy Roman Church), Ignace Moussa I Daoud (patriarca emerito di Antioch of the Syrians prefect of the Congregation for the Oriental Churches), Mario Francesco Pompedda (arcivescovo titolare di Bisarcio prefect of the Supreme Tribunal of the Apostolic Signature), Walter Kasper (vescovo emerito di Rottenburg-Stuttgart Germany secretary of the Pontifical Council for the Promotion of Christian Unity), Johannes Joachim Degenhardt (arcivescovo di Paderborn Germany), Antonio José González Zumárraga (arcivescovo di Quito Ecuador), Ivan Dias (arcivescovo di Bombay India), Geraldo Majella Agnelo (arcivescovo di São Salvador da Bahia Brazil), Pedro Rubiano Sáenz (arcivescovo di Bogotá Colombia), Theodore Edgar McCarrick (arcivescovo di Washington United States of America), Desmond Connell (arcivescovo di Dublin Ireland), Audrys Juozas Bačkis (arcivescovo di Vilnius Lithuania), Francisco Javier Errázuriz Ossa, P. di Schönstatt (arcivescovo di Santiago Chile),  Julio Terrazas Sandoval, C.SS.R. (arcivescovo di Santa Cruz de la Sierra Bolivia), Wilfrid Fox Napier, O.F.M. (arcivescovo di Durban South Africa), Óscar Andrés Rodríguez Maradiaga, S.D.B. (arcivescovo di Tegucigalpa Honduras), Bernard Agré (arcivescovo di Abidjan Ivory Coast), Louis-Marie Billé (arcivescovo di Lyon France), Antonio Ignacio Velasco García, S.D.B. (arcivescovo di Caracas Venezuela), Juan Luis Cipriani Thorne (arcivescovo di Lima Perú), Francisco Álvarez Martínez (arcivescovo di Toledo Spain), Cláudio Hummes, O.F.M. (arcivescovo di São Paulo Brasil), Varkey Vithayathil, C.SS.R. (arcivescovo maggiore diErnakulam-Angamaly of the Syro-Malabars India), Jorge Mario Bergoglio, S.J. (arcivescovo di Buenos Aires Argentina), José da Cruz Policarpo (patriarca di Lisbon Portugal), Severino Poletto (arcivescovo di Turin Italy), Cormac Murphy-O’Connor (arcivescovo di Westminster England), Edward Michael Egan (arcivescovo di New York United States of America), Lubomyr Husar, M.S.U. (arcivescovo maggiore diLviv of the Ukrainians Ukraine), Karl Lehmann (vescovo di Mainz Germany), Stéphanos II Ghattas (patriarca di Alexandria of the Copts Egypt), Jean Marcel Honoré (arcivescovo emerito di Tours France), Roberto Tucci, S.J. (director of the Administrative Committee of Vatican Radio), Leo Scheffczyk (theologian of the archdiocese of Münich und Freising Germany), Avery Dulles, S.J. (theologian professor of Fordham University New York United States of America). Da notare: in questo Concistoro fù elevato alla dignità Cardinalizia, l’Arcivescovo di Buenos Aires Jorge Mario Bergoglio, che il 13 Marzo 2013 sarà eletto Pontefice con il nome di Francesco.

Giovanni Paolo II crea Cardinale l'Arcivescovo di Buenos Aires, Bergoglio.
Giovanni Paolo II crea Cardinale l’Arcivescovo di Buenos Aires, Bergoglio.

Il 21 ottobre 2003, creò trentuno nuovi cardinali (uno in pectore), di cui ventisei elettori: Jean-Louis Tauran (arcivescovo titolare di Telepte secretary for the Relations with the States at the Secretariat of State), Renato Raffaele Martino (arcivescovo titolare di Segerme president of the Pontifical Council Iustitia et Pax), Francesco Marchisano (arcivescovo titolare di Populonia archpriest of the Patriarchal Vatican Basilica vicar general for the State of Vatican City and president of the Fabric of St Peter’s Basilica), Julián Herranz Casado (arcivescovo titolare di Vertara President of the Pontifical Council for the Interpretation of the Legislative Texts and president of the Disciplinary Commission of the Roman Curia), avier Lozano Barragán (arcivescovo-vescovo emerito di Zacatecas México president of Pontifical Council for Pastoral of Health Care Workers), Stephen Fumio Hamao (arcivescovo-vescovo emerito di Yokohama Japan president of the Pontifical Council for the Pastoral Care of Migrants and Itinerants), Attilio Nicora (arcivescovo-vescovo emerito di Verona presidente dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica), Angelo Scola (patriarca di Venezia), Anthony Olubunmi Okogie (arcivescovo di Lagos Nigeria), Bernard Panafieu (arcivescovo di Marsiglia Francia), Gabriel Zubeir Wako (arcivescovo di Khartoum Sudan), Carlos Amigo Vallejo, O.F.M. (arcivescovo di Seviglia Spagna), Justin Francis Rigali (arcivescovo di Philadelphia Stati Uniti d’America), Keith Michael Patrick O’Brien (arcivescovo di St Andrews ed Edinburgo Scozia), Eusébio Oscar Scheid, S.C.I. (arcivescovo di San Sebastiano di Rio de Janeiro Brasile), Ennio Antonelli (arcivescovo di Firenze), Tarcisio Bertone, S.D.B. (arcivescovo di Genoa Italy), Peter Kodwo Appiah Turkson (arcivescovo di Cape Coast Ghana), Telesphore Placidus Toppo (arcivescovo di Ranchi India), George Pell (arcivescovo di Sydney Australia), Josip Bozanić (arcivescovo di Zagabria Croazia), Jean-Baptiste Phạm Minh Mân (arcivescovo di Thàn-Phô Hô Chi Minh Hôchiminh Ville) Viêt Nam), Rodolfo Quezada Toruño (arcivescovo di Guatemala Guatemala), Philippe Barbarin (arcivescovo di Lyon France), Péter Erdö (arcivescovo di Esztergom-Budapest primate of Hungary), Marc Ouellet, P.S.S. (arcivescovo di Québec Canada), Georges Marie Martin Cottier, O.P. (Switzerland theologian of the Papal Household secretary general of the International Theological Commission), Gustaaf Joos (canon of the cathedral chapter of Gent Belgium), Tomáš Špidlík, S.J. (Repubblica Ceca), Stanisłas Nagy, S.C.I. (Polonia).

In questo ultimo Concistoro, Giovanni Paolo II, rivolgendosi ai nuovi Cardinali, disse: “il rosso porpora dell’abito cardinalizio evoca il colore del sangue e richiama l’eroismo dei martiri. E’ il simbolo di un amore per Gesù e per la sua Chiesa che non conosce limiti: amore sino al sacrificio della vita, “usque ad sanguinis effusionem”. Grande è, pertanto, il dono che vi è fatto, e altrettanto grande la responsabilità che esso comporta. L’apostolo Pietro, nella sua prima Lettera, ricorda quali sono i compiti fondamentali di ogni Pastore: “Pascete il gregge di Dio che vi è affidato – egli dice – …. facendovi modelli del gregge” (1 Pt 5,1-2) . Occorre predicare con la parola e con l’esempio, come pone bene in luce anche l’Esortazione apostolica post-sinodale Pastores gregis, che ho firmato giovedì scorso alla presenza di tanti fra voi. Se questo vale per ogni Pastore, vale ancor più per voi, cari e venerati membri del Collegio cardinalizio Nella pagina evangelica proclamata poco fa, Gesù indica, con il suo esempio, come portare a compimento questa missione. “Chi vuol essere grande tra voi – Egli confida ai suoi discepoli – si farà vostro servitore, e chi vuol essere il primo tra voi sarà il servo di tutti” (Mc 10,44). Solo dopo la sua morte, però, gli Apostoli compresero il significato pieno di queste parole e con l’aiuto dello Spirito seppero accettarne fino in fondo l’esigente “logica”. Questo stesso programma il Redentore continua ad additare a coloro che associa, con il sacramento dell’Ordine, in maniera più stretta, alla sua stessa missione. Egli chiede loro di convertirsi a questa sua “logica”, che è in netto contrasto con quella del mondo: morire a se stessi per farsi servi umili e disinteressati dei fratelli, rifuggendo da ogni tentazione di carriera e di tornaconto personale”.  a cura di Ornella Felici

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,924FansLike
17,749FollowersFollow
9,724FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

spostamenti.regioni.3giugno

Da oggi, 3 giugno, via libera agli spostamenti tra Regioni. Ma...

Via agli spostamenti tra le Regioni, a confermarlo è il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia: "Si torna con la mobilità tra le...