Pubblicità
HomeNewsRes Publica et SocietasL'assassino di Roberto: 'Ho mal di denti'. Poi lo ha accoltellato. Ecco...

L’assassino di Roberto: ‘Ho mal di denti’. Poi lo ha accoltellato. Ecco come è morto il prete degli ultimi

++ Don Roberto Malgesini: ecco come è stato ucciso ++

Ecco gli ultimi istanti di vita del sacerdote che aiutava tutti….

Chi è l’assassino?

Secondo quanto riportato da ilgiorno.it, l’assassino di Don Roberto Malgesini, Ridha Mahmoudi, era ossessionato dall’espulsione ed era convinto di doversi difendere da un complotto organizzato per cacciarlo. Un odio verso chiunque si fosse occupato di lui negli ultimi anni.

Era convinto che martedì mattina la polizia lo avrebbe aspettato dal giudice, dove aveva udienza, per portarlo in aeroporto ed espellerlo dall’Italia.

Nel casellario giudiziale del Tribunale, era presente con due identità, che avevano dato vita ad altrettanti percorsi penali, ora riuniti nello stesso fascicolo: la prima semplicemente con il suo nome, la seconda con l’aggiunta di Ben Youssef, sufficiente a variare il codice fiscale, e di conseguenza gli atti a suo carico, già a partire dal 2005.

Era in Italia da 27 anni, aveva alle spalle un matrimonio e una vita stabile, ma aveva perso il lavoro a causa di una malattia agli occhi e la moglie dopo una denuncia per maltrattamenti. Finendo così sulla strada, ospite di chi si preoccupa di garantire la sopravvivenza agli emarginati. Eppure si era convinto che quelle persone non volessero il suo bene, e che fossero d’accordo con chi, da anni, cercava di espellerlo. Così il suo odio non ha escluso nemmeno don Roberto, convinto che dietro le sue parole e i suoi gesti di aiuto, ci fossero menzogne.

Ecco come è stato ucciso Don Roberto Malgesini
Ecco come è stato ucciso Don Roberto Malgesini

La morte di Don Roberto

Martedì mattina lo ha aspettato nel piccolo parcheggio davanti alla Parrocchia di San Rocco, dove ogni giorno alle 7 il sacerdote caricava l’auto per fare il suo giro di colazioni ai senzatetto: via Napoleona, Porta Torre e la Stazione San Giovanni. Si è avvicinato con una scusa, dicendo di avere mal di denti, ma già con la chiara intenzione di uccidere.

Don Roberto gli ha risposto di aspettarlo:Verso le 10, quando finisco il giro, ti accompagno in ospedale“.

Poi si è voltato, senza nemmeno lontanamente immaginare che quell’uomo, più volte aiutato, era lì per accoltellarlo.

Il primo fendente, forse il più grave, lo ha raggiunto alla base della nuca, il secondo al braccio.

Il sacerdote si è voltato, ha cercato di sottrarsi facendo un paio di passi, ma altre coltellate lo hanno raggiunto al torace, fino a farlo stramazzare a terra. Da quanti colpi sia stato raggiunto e cosa abbia provocato la sua morte, lo stabilirà in queste ore il medico legale. (Fonte ilgiorno.it)

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,154FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

San Giacomo della Marca

Oggi, 28 novembre 2021, è San Giacomo: il protettore dei bimbi....

San Giacomo della Marca: vita e preghiera San Giacomo della Marca è stato un sacerdote appartenente all'Ordine dei Frati Minori Osservanti; è considerato il patrono...