HomeNewsFamilia et MensLa vita familiare e il mistero di Dio

La vita familiare e il mistero di Dio

Commento all’Instrumentum Laboris: Don Andrea Bozzolo sul Capitolo I della Parte II

famiglia

Don Andrea Bozzolo, docente ordinario di Teologia Sistematica presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale di Milano, commenta il Capitolo I della Parte II, dal titolo “Famiglia e pedagogia divina”.

La famiglia, afferma, non può essere compresa pienamente nella sua ricchezza e complessità se considerata come una realtà a sé stante e guardata in modo autoreferenziale. Il mistero profondo che racchiude può dischiudersi “soltanto tenendo lo sguardo fisso su Gesù” e vivendo i legami al suo interno alla luce del Mistero di Dio.
“Il patto coniugale tra l’uomo e la donna – dice – costituisce una metafora vivente dell’alleanza tra Dio e il suo popolo”. Il Dio biblico si compiace di descrivere e raccontare l’amore ardente che nutre per il suo popolo facendo più volte ricorso all’immagine dell’amore dello sposo per la sua sposa, e l’amore di Cristo per la sua Chiesa è quella forma suprema di agape da cui gli sposi possono costantemente attingere per donarsi reciprocamente e formare in piena verità una sola carne.
Per vivere e gustare la vocazione familiare, dunque, bisogna incastonarla nel mistero trinitario di Dio e leggerla alla luce del suo amore per l’uomo.
Don Bozzolo conclude il suo commento sottolineando come “nella rivelazione di Gesù, lo spazio dei legami del Padre e del Figlio e dello Spirito sono offerti all’uomo e alla donna come luogo entro cui stabilire la loro casa, fondata sulla roccia della Parola e cementata dalla potenza della grazia, così da fare della vita familiare una vera via alla santità.”

Redazione Papaboys (Fonte www.familiam.org)

Sostieni Papaboys 3.0

Informazioni personali

Dettagli di fatturazione

Termini

Totale Donazione: €100.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Iscriviti alla newsletter gratuita