Home News Corpus et Salus La storia di Teresina: il medico non voleva che partisse ma a...

La storia di Teresina: il medico non voleva che partisse ma a Lourdes la Madonna l’ha guarita

Il miracolo avvenuto a Lourdes a Teresina Loche

Sono passati più di 50 anni ma quello di Teresina resta ancora miracolo senza certificazione. «Ma per noi dell’Unitalsi-Sarda Sud il miracolo c’è stato, al di là del bollino di qualità», dice don Carlo Rotondo, assistente spirituale dell’Associazione. «Una guarigione prima che fisica, interiore. Teresina Loche rappresenta il più bel e autentico spot del servizio legato a Lourdes, il «il miracolo a portata di tutti: un sorriso per guarire la vita».

(Fonte unionesarda.it – Paolo Matta)

Teresina Loche, dichiarata inguaribile dai medici, l’8 settembre 1963, viene portata in chiesa a Uta, al santuario di Santa Maria.

“In barella, al centro della navata, dopo la comunione sentii una voce chiamarmi per nome. Rivolsi lo sguardo verso il simulacro della Madonna e, quale fu la mia meraviglia: i dolori erano scomparsi, fistole e caverne erano completamente chiuse, asciutte e cicatrizzate, la pelle rosea, detersa.”

“Ma in sogno la Madonna – scrive Teresina nel suo diario – le annuncia una seconda, ancor più pesante prova. Il terribile Proteus morgani ritornerà più forte e devastante di prima.” A dicembre viene trasferita e operata d’urgenza.

I chirurghi “incisero e aprirono la coscia, asportando un enorme quantità di pus. Ero tornata allo stato di prima, proprio come mi aveva detto la Madonna”.

Teresina non vuole saperne di Lourdes: “Se la Madonna vuole guarirmi, può farlo anche qui”. Qualcuno però le paga il viaggio per il pellegrinaggio ma, racconta, “proprio allora mi aggravai in modo spaventoso”. Nessuno vuole assumersi la responsabilità di questo viaggio-suicidio. Non sono soltanto i medici, anche i dirigenti dell’Unitalsi: “Teresina non parte!”. Lo ricorda bene Angela Rosa Pais, all’epoca giovane dama d’assistenza. Tutto il personale voleva conoscerla e salutarla e alla fine Teresina partì. Ma le sue condizioni, appena arrivati a Lourdes, peggiorarono ancora. L’ordine era che non lasciasse la sua stanza. L’ultima notte a Lourdes fu di dolori indicibili, con la febbre tanto alta che ormai tutti dubitavano del suo ritorno in Italia da viva.

Miracolo di Teresina Loche
Miracolo di Teresina Loche

“La mattina fui medicata, le ferite sembravano più fetide, le garze inzuppate di una enorme quantità di pus. Il medico introdusse dentro le ferite metri e metri di garze, pregandomi di non uscire”. Fu il capo barelliere, viste le insistenze, a portarla alla Grotta e alle piscine. Il bagno, quindi una sensazione di gran freddo, “da morire, seguito da un benessere come se non fossi mai stata ammalata”. Al risveglio Teresina si trova in posizione supina, ma nessuna l’aveva girata. Fuori garze, bende: tutto pulito, bianco, come se non fossero mai state a contatto con piaghe purulente. Le ferite deterse, asciutte, non più fetide, la carne rosea. Al suo ritorno, a Cagliari, l’incontro con il primario Nandino Deriu: “Professore, lei non voleva che andassi a Lourdes: la Madonna mi ha guarita“. Le lacrime agli occhi, commosso, mi abbracciò: «Brava! Dopo mi racconti tutto».

 

 

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,933FansLike
19,967FollowersFollow
9,827FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Ecco le condizioni del Cardinale Bassetti

Il Cardinale Bassetti dimesso dal Gemelli, torna a casa. “E’ stato...

In un messaggio il presidente della Conferenza episcopale italiana, cardinale Gualtiero Bassetti ringrazia i medici, gli infermieri e gli operatori della comunicazione sociale che...