La speranza resta, ma è appesa ad un sottile filo. Non si trova la piccolina autistica scomparsa 6 giorni fa

Brescia, nemmeno i cani molecolari trovano tracce della 12enne autistica scomparsa sei giorni fa

Continuano senza soste le ricerche di Iuschra, la 12enne autistica scomparsa a Serle in provincia di Brescia giovedì all’ora di pranzo mentre era in gita con altri ragazzi disabili. Nella vasta area dove da sei giorni sono in corso le ricerche sono arrivati anche i cani molecolari di un’unità di salvataggio olandese, giunti nei giorni scorsi a Pacengo, nel veronese, per le ricerche un giovane diciassettenne olandese poi trovato morto ieri pomeriggio. Il prefettto Annunziato Vardè ha intanto annunciato il proseguimento delle ricerche.

I RINGRAZIAMENTI
«Fobap Onlus e Anffas Brescia Onlus esprimono il più sentito ringraziamento alle donne e agli uomini delle istituzioni statali, regionali e del territorio, ai volontari, agli abitanti di Serle che si stanno impegnando generosamente e senza sosta nella ricerca di Iuschra Gazi»: lo scrivono, in una nota, gli operatori della Fondazione che erano con la ragazzina. «Riteniamo che in questo momento il silenzio sia una forma di rispetto verso la famiglia  con cui condividiamo il dolore e la speranza. Ringraziamo anche gli operatori dei media che, salvo poche eccezioni – viene scritto – stanno trattando la vicenda con correttezza e sensibilità»

LA SPELEOLOGA
«È una zona impervia, io la conosco bene, è facile perdersi e, al buio, finire in uno dei buchi, ma ci sono anche tanti ripari più sicuri e non tutte le grotte rappresentano un pericolo come quella dove rimasi intrappolata io». Anna Bonini è la speleologa bresciana che nel 2011 rimase bloccata per oltre 48 ore in una delle grotte di Cariadeghe di Serle, lo stesso altopiano dove è sparita Iuschra, e descrive così all’Ansa la zona dove si sta cercando la dodicenne autistica, scomparsa giovedì mattina. Bonini si era ferita e non poteva più uscire, per lei ci fu una grande mobilitazione e tirarla fuori richiese molto impegno, con varie squadre di soccorso che lavorarono a turno senza sosta.

«La mia storia chiaramente è molto diversa da quella della ragazzina, se è finita davvero in una grotta immagino la sua paura – dice la donna – Anche solo facendo una passeggiata, ci si può perdere, ma ci sono tanti punti dove ci si può riparare». «Non conosco bene i dettagli – continua – posso solo augurare che la trovino in fretta e suggerisco a tutti di avere una grande fiducia».

Nel novembre del 2011, Anna, allora 36enne, stava facendo una spedizione con un gruppo di amici e rimase bloccata a 250 metri di profondità, perché ferita, nell’Omber del bus del zel, in dialetto bresciano grotta vicino al buco del gelo, un antro che si sviluppa per 20 km con un dislivello di 400 metri. Era scivolata fratturandosi una caviglia, impossibile per lei muoversi, pericoloso per gli amici cercare di portarla fuori a braccia. «Quello è sicuramente uno dei percorsi più affascinanti e impegnativi – ricorda – ma vi sono tanti crepacci meno profondi e quindi meno pericolosi».

Uno degli amici uscì a dare l’allarme. Si mosse la macchina dei soccorsi. La notizia diventò di livello nazionale e in tanti scoprirono un angolo d’Italia poco conosciuto, un altopiano carsico dove l’acqua nella roccia ha creato morfologie del tutto particolari, con cavità percorribili dagli speleologi spesso costituite da veri e propri pozzi verticali. Per raggiungere Anna e poi portarla fuori in barella, lavorarono diverse squadre del soccorso alpino e speleologico, dandosi il cambio, negli stretti passaggi. Con una media di 10 ore per fare 100 metri. «Sono stati i miei eroi, con loro non ho mai avuto paura», disse Anna appena portata in superficie, alle 7 del mattino del 15 novembre. «Spero davvero – conclude ora – che anche la disavventura per quella bimba abbia lo stesso lieto fine».

Il messaggero on line

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome