Home BLOG Francis Marrash La Siria che resiste agli attacchi dei fondamentalisti

La Siria che resiste agli attacchi dei fondamentalisti

Nonostante la Siria è soffocata dalla furia del fondamentalismo che cerca in tutti i modi di impadronirsi con la forza de patrimonio culturale siriano, Abdul Karim Mamun, Direttore Generale delle Antichità e dei Musei, ha reso noto che il centro si occuperà di esaminare la condizione degli edifici, le antichità e il patrimonio non materiale per collaborare nella lotta contro il commercio illegale e il recupero del patrimonio culturale siriano (patrimonio dell’umanità) dopo la fine della crisi. Il centro aiuterà anche quanti sono all’interno del Paese a scambiarsi informazioni via internet sui siti archeologici danneggiati e gli oggetti antichi siriani rubati. Segni di rinascita popolare arrivano da Homs: le vie dei quartieri di Bustan Al-Diwan e Kasr El-Sheikh vengono ripulite dalle macerie e dai detriti segno del passaggio delle bande armate nella città.  Le vie dei quartieri di Bustan Al-Diwan e Kasr El-Sheikh vengono ripulite dalle macerie e dai detriti segno del passaggio delle bande armate nella città. Il desiderio di andare avanti, è molto forte. La guerra non può piegare la volontà dei siriani! Sono pronti a ricostruire, a ripartire con più forza e caparbietà. Hanno capito che solo con il bene si può annientare e distruggere il male.

Escavatrici a lavoro per le strade di Homs.
Escavatrici a lavoro per le strade di Homs.

I segni di ripresa sono attaccati dalle iniziative dei fondamentalisti islamici. Il quotidiano britannico Daily Telegraph ha reso noto che i fondamentalisti islamici stanno indossando abiti con slogan con chiamate alle armi venduti in tutta Sydney. Negozi e bancarelle dei mercati locali della zona sud-occidentale della città vendono magliette e maglioni con scritte e armi e gli slogan più fanatici ed estremisti a sostegno dello spargimento di sangue. Simili merci vengono vendute liberamente e anche promosse attraverso internet dalla società DA1. Tra gli slogan più in voga: “Non c’è altro Dio al di fuori di Allah”. È bene ricordare che oltre 150 australiani sono stati identificati tra le persone coinvolte in atti terroristici in Siria e in Iraq e di certo questa nuova tendenza non aiuterà la situazione a migliorare. L’UNESCO ha iniziato a creare un centro di valutazione del patrimonio culturale siriano nel suo ufficio a Beirut. a cura di Francis Marrash

Mercato con le magliette dei fondamentalisti.
Mercato con le magliette dei fondamentalisti.

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,925FansLike
17,749FollowersFollow
9,726FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo 4 Giugno 2020

Vangelo 4 Giugno 2020. Non c’è altro comandamento più grande di...

Vangelo del giorno - Giovedì, 4 Giugno 2020 Lettura e commento al Vangelo di Giovedì 4 Maggio 2020 - Mc 12,28-34: Non c’è altro comandamento...