La preghiera di Francesco per i fratelli ortodossi ed il pensiero per i rifugiati

Al termine dell’Angelus di questa domenica in piazza San Pietro, come consuetudine, Papa Francesco ha rivolto ai fedeli presenti alcuni pensieri. Oggi, solennità della Pentecoste secondo il calendario giuliano seguito dalla Chiesa Ortodossa – ha ricordato Papa Francesco – con la celebrazione della Divina Liturgia ha avuto inizio a Creta il Concilio Panortodosso. Uniamoci alla preghiera dei nostri fratelli ortodossi, invocando lo Spirito Santo perché assista con i suoi doni i Patriarchi, gli Arcivescovi e i Vescovi riuniti in Concilio. Tutti insieme preghiamo la Madonna per tutti i nostri fratelli ortodossi. Il Pontefice con i presenti ha rivolto a Maria una preghiera per i fratelli ortodossi.

angelus

Le parole del Papa con i saluti al termine dell’Angelus di questa domenica

Cari fratelli e sorelle, ieri, a Foggia, si è celebrata la beatificazione di Maria Celeste Crostarosa, monaca, fondatrice dell’Ordine del Santissimo Redentore. La nuova Beata, con il suo esempio e la sua intercessione, ci aiuti a conformare tutta la nostra vita a Gesù nostro Salvatore.
Oggi, solennità della Pentecoste secondo il calendario giuliano seguito dalla Chiesa Ortodossa, con la celebrazione della Divina Liturgia ha avuto inizio a Creta il Concilio Panortodosso. Uniamoci alla preghiera dei nostri fratelli ortodossi, invocando lo Spirito Santo perché assista con i suoi doni i Patriarchi, gli Arcivescovi e i Vescovi riuniti in Concilio. Tutti insieme preghiamo la Madonna per tutti i nostri fratelli ortodossi (Ave Maria …)

Domani ricorre la Giornata Mondiale del Rifugiato promossa dall’ONU. Il tema di quest’anno è “Con i rifugiati. Noi stiamo dalla parte di chi è costretto a fuggire”. I rifugiati sono persone come  tutti, ma alle quali la guerra ha tolto casa, lavoro, parenti, amici. Le loro storie e i loro volti ci chiamano a rinnovare l’impegno per costruire la pace nella giustizia. Per questo vogliamo stare con loro: incontrarli, accoglierli, ascoltarli, per diventare insieme artigiani di pace secondo la volontà di Dio.
angelus.19.giugno1

Rivolgo il mio saluto a tutti voi, romani e pellegrini; in particolare agli studenti della London Oratory School, ai fedeli di Stoccolma e alle comunità africane francofone d’Italia. Saluto i fedeli di Benevento, Gravina di Puglia, Corbetta e Cardano al Campo, come pure i volontari del carcere di Busto Arsizio e, tramite loro, i detenuti. Saluto anche i gruppi ciclistici “ACRA” di Fermo, “Pedalando” di Roma e quello di Codevigo, che portano in giro per le strade messaggi di solidarietà.Sono bravi, bravi!
Auguro a tutti una buona domenica; e, per favore, non dimenticatevi di pregare per me. Buon pranzo e arrivederci!

.

Per leggere il servizio sull’Angelus di questa domenica puoi cliccare questo link
Il servizio è di Francesco Rossi per la Redazione Papaboys

.

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome