La potente invocazione a San Nicola per trovare moglie o marito

Invocazione per trovare moglie o marito
Invocazione per trovare moglie o marito - Foto da Pixabay - dassel)

Inno a San Nicola per avere anche la grazia dell’amore

Antica e potente invocazione a San Nicola…

Il testo:

Invincibile taumaturgo e straordinario adoratore di Cristo, che stilli in tutto il mondo il prezioso miro della grazia e un mare inesauribile di miracoli, con amore ti lodo, San Nicola: e invoco te, che hai slancio ardito verso il Signore, affinché tu mi liberi da ogni pericolo: Gioisci, Nicola, sommo taumaturgo.

Il Creatore di ogni cosa ti ha manifestato immagine di angelo e natura di essere terreno; e poiché alla tua anima è stata profetizzata una fertile bontà, o beatissimo Nicola, insegna a tutti a cantare a te così: Gioisci, tu che sei stato purificato fin dal grembo materno; gioisci, tu che sei stato santificato per sempre. Gioisci, tu che con la tua nascita hai stupito i tuoi genitori; gioisci, tu che dopo la nascita hai manifestato la forza dell’anima. Gioisci, giardino della terra promessa; gioisci, fiore del giardino divino. Gioisci, tralcio della virtuosa vite di Cristo, gioisci, albero taumaturgo del paradiso di Gesù. Gioisci, giglio delle piante del paradiso; gioisci, miro del profumo di Cristo. Gioisci, poiché per mezzo tuo è scacciato il pianto; gioisci, poiché per mezzo tuo è portata la gioia. Gioisci, Nicola, sommo taumaturgo.

Vedendo lo scorrere del tuo miro, o sapiente in Dio, ci illuminiamo nelle anime e nei corpi, poiché tu sei un santo mirabile da cui scaturisce miro portatore di vita; riversando la grazia di Dio come acqua miracolosa, sazia quelli che cantano a Dio: Alleluia.

A Nicea, assieme ai santi padri, sei stato difensore della confessione di fede ortodossa, insegnando che la Santa Trinità non si comprende con l’intelletto; hai confessato che il Figlio è uguale al Padre, e con lui condivide la sostanza e il regno, e hai smascherato il folle Ario. Per questo, i fedeli hanno imparato a innalzare a te il canto: Gioisci, somma colonna di devozione; gioisci, città, rifugio dei fedeli. Gioisci, solida fortificazione dell’Ortodossia; gioisci, grembo onorato e lode della tuttasanta Trinità. Gioisci, tu che hai predicato uguale onore per il Padre e per il Figlio; gioisci, tu che hai scacciato Ario l’indemoniato dal Concilio dei santi. Gioisci, padre, gloriosa bellezza dei padri, gioisci, sapientissimo bene di tutti i sapienti in Dio. Gioisci, tu che pronunci parole infuocate; gioisci, tu che insegni il bene al tuo gregge. Gioisci, poiché per mezzo tuo è rafforzata la fede; gioisci, poiché per mezzo tuo è spodestata l’eresia. Gioisci, Nicola, sommo taumaturgo.

Con la forza che ti è stata donata dall’alto, hai asciugato ogni lacrima dal viso di chi soffre crudelmente, padre teoforo Nicola: tu che nutri gli affamati e sei una valida guida tra gli abissi del mare, sei la guarigione di quelli che soffrono e ti sei mostrato un aiuto in ogni circostanza per tutti quelli che cantano a Dio: Alleluia.

Per te, padre Nicola, un canto si eleva dal cielo, e non dalla terra: quale uomo infatti potrebbe annunciare la tua immensa santità? Noi però, vinti dal tuo amore, ti cantiamo così: Gioisci, modello degli agnelli e dei pastori; gioisci, santa purificazione delle abitudini. Gioisci, ricettacolo di somme virtù; gioisci, dimora pura e onorata di cose sante. Gioisci, lume amatissimo e luminosissimo; gioisci, luce brillantissima e immacolata. Gioisci, degno interlocutore degli angeli; gioisci, maestro buono degli uomini. Gioisci, regola devota di fede; gioisci, modello di umiltà spirituale. Gioisci, poiché per mezzo tuo siamo liberati dalle passioni corporali; gioisci, poiché per mezzo tuo siamo ricolmati di dolcezze spirituali. Gioisci, Nicola, sommo taumaturgo.

La tempesta del dubbio mi turba la mente, come posso essere degno di cantare i tuoi miracoli, o beato Nicola; infatti non potrei enumerarne nessuno, anche se conoscessi molte lingue e volessi parlarle; noi però con meraviglia osiamo cantare a Dio glorificato in te: Alleluia.

Si è udita, o Nicola saggio in Dio, da vicino e da lontano la grandezza dei tuoi miracoli, poiché nell’aria con ali leggere di grazia tu sei abituato a preavvisare chi si trova in pericolo, e da questo prontamente liberi tutti quelli che così ti cantano: Gioisci, liberazione dalla tristezza; gioisci, dono di grazia. Gioisci, tu che scacci i mali indesiderati; gioisci, tu che ci ricolmi dei beni desiderati. Gioisci, rapido conforto di chi è in pericolo; gioisci, terribile castigo di chi offende. Gioisci, abisso di miracoli, ricolmato da Dio; gioisci, tavola della legge di Cristo, scritta da Dio. Gioisci, forte sostegno di chi cade; gioisci, fondamento di chi sta nella rettitudine. Gioisci, poiché per mezzo tuo è smascherata ogni adulazione; gioisci, poiché per mezzo tuo è realizzata ogni verità. Gioisci, Nicola, sommo taumaturgo.

Ti sei manifestato come stella mandata da Dio, maestro per chi solca il mare crudele, e si troverebbero subito di fronte alla morte se tu non ti presentassi in loro aiuto quando ti invocano, san Nicola taumaturgo: infatti tu senza timore impedisci al demonio in volo di minacciare il vascello e lo scacci, e insegni ai fedeli da te salvati a innalzare a Dio il canto: Alleluia.

Vedendo le giovani costrette a un’impura unione a causa della povertà, per la tua grande misericordia nei confronti dei poveri, beatissimo padre Nicola, sei andato di nascosto la notte a portare al vecchio genitore tre sacchetti d’oro, liberandolo assieme alle figlie dalla caduta nel peccato. Perciò da tutti senti cantare: Gioisci, tesoro immenso di misericordia; gioisci, rifugio provvidenziale per le persone. Gioisci, nutrimento e ricompensa di quelli che si rivolgono a te; gioisci, pane inesauribile per gli affamati. Gioisci, ricchezza donata da Dio ai poveri che vivono sulla terra; gioisci, solerte appoggio dei miseri. Gioisci, tu che ascolti subito i poveri; gioisci, gradita protezione dei sofferenti. Gioisci, immacolato compagno delle tre vergini; gioisci, custode zelante della purezza. Gioisci, speranza dei disperati; gioisci, delizia del mondo intero. Gioisci, Nicola, sommo taumaturgo.

Tutto il mondo racconta di te, beatissimo Nicola, di quanto tu sia sollecito a soccorrere chi è in disgrazia, poiché molte volte nello stesso momento hai messo in guardia e hai aiutato chi viaggiava per terra e chi navigava per mare, soccorrendo e custodendo dalle insidie quelli che cantano a Dio: Alleluia.

Invocazione per trovare moglie o marito
Invocazione per trovare moglie o marito – Foto di Jill Wellington da Pixabay

Hai fatto splendere una luce vivificante, salvando da morte ingiusta i condottieri che ti hanno chiesto aiuto, o Nicola buon pastore; e presto sei apparso in sogno all’imperatore spaventandolo e ordinando di lasciarli incolumi e di liberarli. Per questo anche noi con loro ti cantiamo con gratitudine: Gioisci, tu che aiuti chi ti invoca con zelo; gioisci, tu che liberi dalla morte ingiusta. Gioisci, tu che custodisci dalle calunnie adulatrici; gioisci, tu che distruggi i consigli ingiusti. Gioisci, tu che strappi la menzogna come una ragnatela; gioisci, tu che innalzi gloriosamente la verità. Gioisci, tu che sciogli gli innocenti dalle catene; gioisci, tu che vivifichi i moribondi. Gioisci, tu che porti alla luce la giustizia; gioisci, tu che getti nelle tenebre la l’ingiustizia. Gioisci, poiché per mezzo tuo gli innocenti sono liberati dalla spada; gioisci, poiché per mezzo tuo ci saziamo di luce. Gioisci, Nicola, sommo taumaturgo.

Volendo, o Nicola, scacciare il fetore dell’eretica bestemmia, hai manifestato il miro misterioso dal buon profumo; hai salvato le genti di tutto il mondo, ricolmandolo del miro della grazia. Scaccia anche da noi il fetore delle bestemmie peccaminose, affinché con gratitudine cantiamo a Dio: Alleluia.

Vediamo te come nuovo Noè, nocchiero dell’arca della salvezza, che con perizia guidi attraverso le asperità delle tempeste verso la quiete divina, o santo padre Nicola, coloro che ti cantano così: Gioisci, quieto rifugio di chi è avvolto dalle tempeste; gioisci, riparo sicuro dei naufraghi. Gioisci, buon nocchiero di quelli che navigano tra gli abissi; gioisci, tu che dissipi le preoccupazioni del mare. Gioisci, sostegno di chi si trova in un vortice; gioisci, calore che riscalda chi si trova al freddo. Gioisci, luce che dissipa le tenebre dolorose; gioisci, faro che illumina tutti i confini della terra. Gioisci, tu che liberi gli uomini dall’abisso del peccato; gioisci, tu che ricacci satana nell’abisso dell’inferno. Gioisci, perché per mezzo tuo possiamo attingere all’infinita misericordia di Dio; gioisci, poiché per mezzo tuo siamo salvi dal diluvio dell’ira e riconciliati con Dio. Gioisci, Nicola, sommo taumaturgo.

Un miracolo straordinario accade a chi si avvicina a te nella tua santa chiesa, o beato Nicola: in essa infatti anche la più piccola preghiera a te rivolta ottiene la guarigione dalle pene più grandi, poiché riponiamo in te la speranza che abbiamo in Dio, cantando con fede: Alleluia.

Tu sei il vero aiuto di tutti, o Nicola teoforo, e raccogli attorno a te tutti quelli che a te si rivolgono, quale liberatore, ristoratore e medico solerte per tutti gli abitanti della terra, e operi in modo che tutti ti innalzino questo canto di lode: Gioisci, sorgente di tutte le guarigioni; gioisci, soccorso di chi soffre crudelmente. Gioisci, alba che risplende nella notte dei perduti nel peccato; gioisci, rugiada che stilla dal cielo nell’arsura di chi è nella fatica. Gioisci, tu che doni l’armonia a chi ne ha bisogno; gioisci, tu che prepari l’abbondanza a chi te la chiede. Gioisci, tu che perdoni molte volte in anticipo; gioisci, tu che con forza rinnovi le cose vecchie. Gioisci, tu che indichi la via a molti tra quelli che l’hanno persa; gioisci, servitore fedele dei misteri di Dio. Gioisci, poiché per mezzo tuo calpestiamo l’invidia; gioisci, poiché per mezzo tuo restauriamo una vita corretta. Gioisci, Nicola, sommo taumaturgo.

Allevia tutte le malattie, o Nicola, nostro sommo intercessore, trasformandole con una cura piena di grazia, rincuorando le nostre anime e rallegrando tutti quelli che con fede ricorrono al tuo aiuto cantando a Dio: Alleluia.

LEGGI ANCHE: La lettera di Dio agli sposi: parole che ridonano pace, amore e voglia di stare insieme…

Vediamo che tu distruggi i rami della falsa sapienza degli impuri, o padre Nicola, colmo di sapienza divina: hai confuso Ario che, bestemmiando, divideva la divinità, e Sabellio che confondeva la santa Trinità, e ci hai confermati nell’Ortodossia. Per questo ti innalziamo questo canto: Gioisci, scudo che difende la pietà; gioisci, spada che taglia la cattiveria. Gioisci, maestro dei comandamenti divini; gioisci, distruttore degli insegnamenti contrari a Dio. Gioisci, scala rinsaldata da Dio, per mezzo della quale saliamo al cielo; gioisci, protezione posta da Dio a difesa di molti. Gioisci, tu che con la tua parola rendi saggi gli stolti; gioisci, tu che stimoli i pigri verso le tue gesta. Gioisci, faro inestinguibile dei comandamenti di Dio; gioisci, raggio luminoso della giustificazione del Signore. Gioisci, poiché per mezzo dei tuoi insegnamenti vanno in rovina i principi eretici; gioisci, poiché per mezzo tuo i fedeli sono glorificati. Gioisci, Nicola, sommo taumaturgo.

Volendo salvare l’anima, hai sottomesso veramente la carne al tuo spirito, o padre nostro Nicola: hai ottenuto il silenzio dopo una lotta contro i pensieri, e il tuo agire ti ha portato verso il pensiero divino; con il pensiero divino hai acquisito una mente perfetta, per mezzo della quale hai l’ardire di conversare con Dio e con gli angeli che sempre cantano: Alleluia

O beatissimo, i tuoi miracoli sono un muro di sostegno per tutti quelli che ricorrono alla tua intercessione; libera anche noi, poveri di virtù, dalla povertà, dagli attacchi e dalle varie malattie, mentre ti cantiamo con amore: Gioisci, tu che togli dall’eterna miseria; gioisci, tu che doni ricchezza inestinguibile. Gioisci, cibo imperituro degli assetati di verità; gioisci, alimento inesauribile per chi ha fame di vita. Gioisci, tu che proteggi dalle inquietudini e dalle lotte; gioisci, tu che liberi dalle catene e dalla prigionia. Gioisci, gloriosissimo intercessore nelle disgrazie; gioisci, sommo difensore negli attacchi. Gioisci, tu che sottrai molti alla disfatta; gioisci, tu che custodisci incolume una moltitudine senza numero. Gioisci, poiché per mezzo tuo i peccatori scampano alla morte violenta; gioisci, poiché per mezzo tuo i penitenti ottengono la vita eterna. Gioisci, Nicola, sommo taumaturgo.

Ancor più degli altri, o beatissimo Nicola, hai cantato un inno alla santissima Trinità con la mente, la parole e l’azione: a molti anche in mezzo a prove hai insegnato i comandamenti della retta fede, spiegandoci con fede, speranza e amore come innalzare alla santa Trinità, unico Dio, l’inno: Alleluia.

(prosegue dopo il video)

La vera storia di Babbo Natale

Per iscriverti gratuitamente al canale YouTube della redazionehttps://bit.ly/2XxvSRx ricordati di mettere il tuo ‘like’ al video, condividerlo con gli amici ed attivare le notifiche per essere aggiornato in tempo reale sulle prossime pubblicazioni.
Non dimenticare di iscriverti al canale (è gratuito) ed attivare le notifiche

O padre Nicola eletto da Dio, noi ti vediamo come raggio luminoso dell’aurora inestinguibile tra le tenebre dell’esistenza: tu parli con le luci incorporee degli angeli e con la luce increata della Trinità e illumini le anime dei fedeli che così ti cantano: Gioisci, splendore della luce trisolare; gioisci, aurora del sole che mai tramonta. Gioisci, cero acceso dalla fiamma divina; gioisci, poiché hai spento la fiamma dell’impurità demoniaca. Gioisci, predicazione della luminosa retta fede; gioisci, luce emanata dal Vangelo, che tutto illumini chiaramente. Gioisci, fulmine che hai bruciato l’eresia; gioisci, tuono che hai spaventato il tentatore. Gioisci, vero maestro dell’intelletto; gioisci, tu che misteriosamente manifesti la mente. Gioisci, poiché per mezzo tuo si è inchinata la creazione; gioisci, poiché per mezzo tuo apprendiamo ad adorare il creatore nella Trinità. Gioisci, Nicola, sommo taumaturgo.

La grazia che ti è stata data da Dio, tu che sai queste cose, ci dà gioia nella tua memoria che ci sentiamo in dovere di festeggiare, o gloriosissimo padre Nicola, e con tutta l’anima ricorriamo alla tua intercessione miracolosa; le tue gloriosissime azioni, incommensurabili come la sabbia del mare e le stelle del cielo, pur avvolgendoci nello stupore ci fanno cantare a Dio: Alleluia.

Cantando i tuoi miracoli ti lodiamo, o Nicola degno di ogni lode; in te infatti è mirabilmente lodato Dio, glorificato nella Trinità. Ma se anche ti rivolgiamo salmi e canti che provengono dall’anima, o santo taumaturgo, ciò che facciamo è nulla di fronte al dono dei tuoi miracoli, che ci meraviglia sempre, e ci fa cantare a te così: Gioisci, servitore del Re dei re e del Signore dei signori; gioisci, tu che vivi con i suoi servitori celesti. Gioisci, aiuto dei fedeli; gioisci, elevazione del popolo cristiano. Gioisci, vittoria per quanti portano il tuo nome; gioisci, tu che sei stato espressamente incoronato santo. Gioisci, specchio di tutte le buone opere; gioisci, solida difesa di tutti quelli che ricorrono a te. Gioisci, nostra speranza in Dio e nella Madre di Dio; gioisci, salute dei nostri corpi e salvezza delle anime. Gioisci, poiché per mezzo tuo siamo liberati dalla morte eterna; gioisci, poiché per mezzo tuo siamo fatti degni della vita senza fine. Gioisci, Nicola, sommo taumaturgo.

O santissimo e straordinario padre Nicola, consolazione di tutti gli afflitti, accogli l’offerta che ora ti portiamo, e prega il Signore di liberarci dalla geenna con la tua intercessione a lui gradita, perché assieme a te inneggiamo: Аlleluia.

(Fonte preghierepotenti.it)

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome