Home Medjugorje La giovane Elena, con una malattia cerebrale incurabile, è guarita dopo la...

La giovane Elena, con una malattia cerebrale incurabile, è guarita dopo la visita a Medjugorje

Il tipo di malattia del cervello di Elena Artiolis non svanisce mai o diminuisce di dimensioni.

Ma il suo ha fatto dopo che è andata a Medjugorje. Il suo specialista italiano non conosce altri casi al mondo in cui ciò sia accaduto. Per Elena stessa, il suo rinnovamento spirituale è il più grande miracolo e dono che ha ricevuto.



La rubrica dedicata a Medjugorje, 2 Agosto 2020
La rubrica dedicata a Medjugorje, 2 Agosto 2020


” Elena Artioli è nata il 19 gennaio 1982 a Ferrara, Italia. All’età di 16 anni le è stata diagnosticata la grave malattia dei vasi sanguigni AVM che non scompare né si restringe senza trattamento. Lo specialista di Elena non avrebbe eseguito un intervento chirurgico. Invece è andata a Medjugorje ed è diventata la prima paziente al mondo con AVM la cui AVM è diminuita senza trattamento.”


La malformazione artero-venosa cerebrale è tanto grave quanto sembra. È una malattia dei vasi sanguigni all’interno del cervello la cui dimensione non diminuisce, ma rimane solo la stessa o aumenta. L’unica eccezione al mondo è Elena Artioli di Bologna, Italia. È diventata questa eccezione dopo essere andata a Medjugorje.

La ragazza italiana aveva 16 anni nel 1998 quando ricorrenti problemi alla vista le fecero diagnosticare una malformazione artero-venosa cerebrale (AVM) nella regione frontale posteriore sinistra, di 3 centimetri di dimensione. L’AVM è una connessione anormale tra le arterie e le vene nel cervello. I problemi di AVM più frequenti sono mal di testa e convulsioni. Altri sintomi comuni sono un rumore pulsante nella testa, debolezza progressiva, intorpidimento e alterazioni della vista, nonché dolore debilitante e lancinante.

Da quel momento la mia vita è completamente cambiata. Vivevo nella paura, nell’angoscia, nell’inconsapevolezza, nella tristezza e nell’ansia quotidiana per ciò che poteva accadere in qualsiasi momento Elena Artioli racconta nella sua testimonianza a Guarda Con Me, il blog del fotografo di Medjugorje Daniel Miot.

Con casi gravi di AVM, i vasi sanguigni si rompono
Con casi gravi di AVM, i vasi sanguigni si rompono

L’esperto dà speranza, ma nessun intervento chirurgico
Con casi gravi di AVM, i vasi sanguigni si rompono e c’è sanguinamento all’interno del cervello. I sintomi dovuti al sanguinamento comprendono perdita di coscienza, mal di testa improvviso e grave, nausea, vomito, incontinenza e visione offuscata.
Sono anche possibili alterazioni causate da danni al tessuto cerebrale locale sul sito di sanguinamento, tra cui convulsioni, debolezza unilaterale, perdita della sensazione tattile su un lato del corpo e deficit nell’elaborazione del linguaggio.

Elena Artioli è andata in tutta Italia alla ricerca dell’esperto che potesse darle la fiducia e le risposte di cui aveva bisogno. Dopo diverse grandi delusioni, lo ha trovato nel Dr. Edoardo Boccardi, il neurologo capo del dipartimento di neuroradiologia dell’Ospedale Milans Niguarda, e una capacità internazionale nel campo.

Mi disse che in quel momento non avrebbe né operato né effettuato alcun tipo di terapia perché si trattava di un’area troppo ampia e troppo sottile per essere trattata con la radiochirurgia. Potevo continuare la mia vita con la massima calma possibile, tuttavia, dovevo evitare qualsiasi attività che potesse provocare un aumento della pressione cerebrale racconta Elena Artioli.

Grazie a Dio, i risultati delle mie risonanze magnetiche, costantemente eseguite ogni anno a Milano, non hanno mostrato differenze significative nel tempo. La penultima risonanza magnetica risale al 21 aprile 2007, per la precisione. Da allora ho sempre rimandato ulteriori test per paura di scoprire che qualcosa era cambiato negli anni.
Trasformazione e cura a Medjugorje

Erano passati più di quattro anni dall’ultimo controllo medico di Elena Artiolis, che ora ha 29 anni, quando ha permesso a un caro amico e collega di convincerla ad andare a Medjugorje. La sua amica aveva descritto il luogo come meta di serenità interiore e di grande pace. Era quello di cui avevo bisogno in quel momento. E così, con molta curiosità e un po ‘di scetticismo, sono partita il 2 agosto 2011 con mia madre per il Festival della Gioventù di Medjugorjes racconta Elena Artioli.

Elena
Elena

Ho vissuto 4 giorni di intense emozioni. Mi sono avvicinato molto alla fede e alla preghiera. Le salite dei due monti, soprattutto sul Cross Mountain dove sono scoppiato a piangere di sorpresa in seguito a una preghiera, sono luoghi di profonda pace, gioia e serenità interiore proprio quelle sensazioni a cui il mio amico si riferiva continuamente e alle quali faticavo a credere.

Sebbene Elena Artioli abbia pregato molto a Medjugorje, non ha chiesto nulla per se stessa.
La scalata del Cross Mountain è stata un’esperienza profonda per Elena Artioli, durante il suo primo viaggio a Medjugorje
Era come se dentro di te entrasse qualcosa che non stavi chiedendo. Ho pregato molto ma non potevo chiedere niente perché ho sempre pensato che c’erano persone che avevano la precedenza e la priorità rispetto a me, e rispetto ai miei problemi dice.
Sono tornato a casa, profondamente cambiato nel mio spirito, con gioia negli occhi e serenità nel cuore. Sono stato in grado di affrontare i problemi quotidiani con uno spirito ed un’energia diversi. La preghiera è diventata una necessità quotidiana, mi fa sentire meglio.
Il controllo rivela un miglioramento unico

Con il passare del tempo Elena Artioli ha acquisito la consapevolezza di aver ricevuto una grazia insolita. Ha trovato il coraggio e ha deciso, dopo cinque anni, di prenotare il suo consueto test a Milano, fissato per il 16 aprile 2012.

Prima e dopo: l’AVM di Elena Artioli è diminuito da 3 centimetri a 1

Dopo la risonanza magnetica, sono andato per l’esame con il mio medico. Confrontando l’ultimo studio con quello di 5 anni prima, c’è stata una forte riduzione delle dimensioni del nido vascolare e una riduzione complessiva del calibro del drenaggio venoso, con dolore parenchimale prossimale testimonia Elena Artioli. L’incontro con il medico, ancora incredulo, ha mostrato che la dimensione del nido vascolare era di circa 1 centimetro, e che è praticamente impossibile che un AVM si restringa spontaneamente, senza alcun tipo di trattamento. Il mio medico dice che sono il suo primo caso di questo in tutta la sua vasta esperienza professionale, anche all’estero. Un AVM di solito cresce o rimane della stessa dimensione.

E ancora, Elena Artioli considera il suo rinnovamento spirituale un dono ancora più grande della sua guarigione fisica:
La guarigione fisica è senza dubbio qualcosa di visibile, tangibile e veramente una grande cosa, ma riconosco di più la guarigione spirituale interiore, il cammino di conversione, la serenità e la forza che ora ho. Non ha prezzo ed è senza paragoni, dice.
Solo oggi posso affermare che con gioia e serenità, tutto ciò che potrebbe accadermi in futuro, lo assumerò con uno spirito diverso, con più tranquillità e coraggio e con meno paura, perché non mi sentirò solo, e che che mi è stato dato è qualcosa di veramente grande.

Sto vivendo la mia vita più profondamente. Ogni singolo giorno è un regalo.

Testimonianza pubblicata su Facebook in un gruppo su Medjugorje

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,905FansLike
18,956FollowersFollow
9,769FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

News recenti

angelus

Papa Francesco: ‘Dio vuole che nessuno sia escluso dal suo disegno...

Dio agisce così anche oggi: continua a chiamare chiunque, a qualsiasi ora, per invitare a lavorare nel suo Regno. Questo è lo stile di...