Pubblicità
HomeNewsCorpus et SalusLa fede è un dono. Ecco cosa bisogna fare per accoglierlo: alcuni...

La fede è un dono. Ecco cosa bisogna fare per accoglierlo: alcuni consigli

La fede è un grande dono per la nostra vita

Non sempre è facile accoglierla: ecco alcuni consigli

Accogliere il dono della fede non è per niente una cosa scontata! Dio, per conto suo, ha fatto la sua parte, proponendo all’uomo la fede.

Adesso si tratta di sapere come si pone davanti a tale iniziativa.

Come si risponde? Come si accoglie il dono? Come mai si può smarrire il dono accolto?

La fede è un dono: ecco come accoglierla
La fede è un dono: ecco come accoglierla

Anzitutto, cosa è un dono?

La più bella espressione dell’amore è ‘l’amore- dono ’(agape). Si tratta di un amore che si dà, che si apre totalmente all’altro, senza ombra, senza riserva, senza ricerca di se stesso, solo per la gioia dell’altro e per diventare con esso una cosa sola! Vivere ‘l’amore- dono ’ è rischiare. E’ così però, perché è costitutivo di ogni amore generoso e aperto.

Esistono alcuni requisiti però, perché un dono diventi davvero un dono: anzitutto il datore (colui che ha l’iniziativa del dono), poi l’accogliente (colui che riceve il dono) e infine il dono stesso (ossia la relazione).

Sono tre distinti, ma dandosi diventano una sola cosa! Tre esprime la perfezione dell’amore e ci mette sulla soglia… della Trinità! Invece se il dono non viene accolto, il datore si sente ferito perché l’amore non è amato; il dono si sterilizza; e l’accogliente rimane nella propria solitudine!… è l’anti-amore!

Padre Stefano

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,158FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Natuzza Evolo anziana

Mamma Natuzza. Quando nacque dissero: ‘Morirà presto, questa bimba è del...

Era il torrido pomeriggio del 23 Agosto 1924: Filomena Maria Angela, una semplice e poverissima donna di Paravati, in Calabria, stava mettendo al mondo...