La Chiesa della Natività di Betlemme, qui è nato veramente Gesù!

Un viaggio emozionante nel luogo santo della Chiesa della Natività a Betlemme. Qui è nato veramente nostro Signore Gesù Cristo!

Natività

I vangeli ci dicono che Gesù nacque in una grotta a Betlemme “perché non c’era posto per loro nell’albergo” (Luca 2, 7). Lì nostro Signore fu avvolto in fasce e deposto in una mangiatoia.

LEGGI ANCHE: Betlemme e dintorni, il difficile Natale nella terra di Gesù

Commissionato nel corso dell’anno 327 dal primo imperatore romano cristiano, Costantino e sua madre Elena, la chiesa è costruita sopra la grotta, conosciuta anche come “il pozzo” dove la Vergine Maria diede alla luce Gesù.

L’autenticità del sito si basa sugli scritti dell’apologeta cristiano Giustino Martire (100-165), in cui si afferma che la Sacra Famiglia si rifugiò in una grotta al di fuori di Betlemme.

Tale storicità ci viene confermata anche dal teologo e filosofo greco antico Origene in questo breve scritto:

“Se qualcuno richiedesse ancora nuovi argomenti per convincersi che Gesù è nato a Betlemme, secondo la profezia di Michea e secondo la storia scritta dai discepoli di Gesù nei vangeli, rifletta come, conformemente alla narrazione evangelica della nascita, viene mostrata la grotta di Betlemme dove è nato, e, nella grotta, una mangiatoia dove fu deposto. E tutto questo è noto, in quei luoghi, anche a coloro che sono estranei alla fede: che in quella grotta ha veduto la luce colui che è adorato e ammirato dai cristiani.” (Contro Celsum , libro I, capitolo LI)

Storia della Basilica

Questa basilica, la basilica completa più antica del mondo è sopravvissuta per secoli a guerre, ribellioni e riforme.

La chiesa originaria costruita nel 330 da Costantino e distrutta probabilmente durante la rivolta samaritana del 529. L’imperatore bizantino Giustiniano volle ricostruire l’edificio attuale, molto più grande, che è quello che vediamo oggi.

In questa occasione fu realizzato un mosaico sul timpano maggiore, decorato con l’immagine dei Magi in costumi persiani, iconografia frequentemente riprodotta soprattutto dopo la Pace costantiniana a simboleggiare la regalità del Cristo.

Questa particolare scena di sapore orientale tornò utile quando, con l’invasione capeggiata da Cosroe II nel 614, la basilica fu preservata dalla distruzione a causa della visione del mosaico, che intimorì le armate persiane.

Tuttavia, durante gli ultimi califfati, i cristiani subirono forti persecuzioni e molti luoghi in Terra Santa andarono distrutti. La Chiesa della Natività fu di nuovo risparmiata. Forse per il suo significato come luogo di nascita di Cristo. I musulmani considerano un importante profeta, e per il fatto che all’interno della chiesa vi fosse una moschea.

Church of the Nativity | Birthplace of Jesus.

Bethlehem by Drone | Church of the Nativity | Birthplace of Jesus.فيديو عن اعادة ترميم كنيسة المهد Thanks Afif Tweme.

Pubblicato da ‎بيت لحم – ساحة المهد‎ su Sabato 4 giugno 2016

 

“Hic de Virgine Maria Iesus Christus natus est”

Il momento più bello della visita della Chiesa della Natività è quello della visita alla Grotta dove nacque Gesù. I pellegrini fanno la fila per toccare una stella su cui vi sono incise le parole: “Hic de Virgine Maria Iesus Christus natus est”. Segna il luogo in cui Gesù è nato.

Questo luogo santo è amministrato da Cattolici, Greco-Ortodossi, dalla Chiesa Apostolica Armena e dalla Chiesa Ortodossa Siriana.

Fonte it.churchpop.com – foto copertina da impresaedilenews.it/mapei

 

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni, con il cuore, senza interessi economici o politici, semplicemente perché il cuore ci chiama a farlo. E ci mettiamo passione, costanza, ed anche quel pizzico di professionalità che deve contraddistinguere i cristiani. Ecco perché siamo “missionari di parabole antiche e sempre nuove: chiamati ad esserci, ed a stare anche vicini ad ognuno di voi”.

Un numero sempre maggiore di persone legge Papaboys.org senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Soprattutto quando si parla di cristianesimo.

Purtroppo il tipo di informazione che cerchiamo di offrire richiede molto tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire tutti i giorni i costi quotidiani di Papaboys.org ed abbiamo deciso di chiedere proprio a te che leggi di essere per noi, proprio Provvidenza.

Puoi aiutarci a continuare questa missione sempre meglio e con maggiore spessore ed incisività? L’unica cosa che non possiamo garantirti è aumentare il cuore che ci mettiamo per fare questo lavoro, perché fino ad oggi ce lo abbiamo messo davvero tutto! Ma con un po’ di sostegno in più, possiamo essere davvero più incisivi, per te, e per tutti coloro che ci seguono (quasi 2.000.000 di lettori ogni mese!)

Inviaci il tuo contributo, quello che vuoi, e che puoi. E che Dio ti benedica!

Grazie
Daniele Venturi
Direttore Papaboys.org

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €10.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome