Pubblicità
HomeNewsSancta SedesLa carezza di Papa Francesco ai detenuti: 'si sbaglia ma non si...

La carezza di Papa Francesco ai detenuti: ‘si sbaglia ma non si deve restare sbagliati’

Papa Francesco la carezza ai detenuti

Papa Francesco ha incontrato a Casa Santa Marta un gruppo di detenuti ed ex detenuti che stanno scontando o hanno scontato la loro pena all’interno di strutture della Comunità di don Benzi.

(di Benedetta Capelli)

Papa Francesco sceglie di sentire la loro voce e li ringrazia delle testimonianze offerte, spesso dure e faticose. Ricorda, in un video indirizzato ai detenuti che non sono presenti, che è importante camminare da soli o pure chiedendo la mano di qualcuno, bussando alla porta anche se si vive lo smarrimento e non si sa dove andare. “E’ il Signore che ti dà l’opportunità – afferma – e ti fa fare un passo”.

Papa Francesco incontra i detenuti
Papa Francesco incontra i detenuti

La strada da fare

“L’importante, nella vita, è camminare – sottolinea il Papa – essere in strada”. C’è chi non vede la direzione e nemmeno la via, c’è “gente parcheggiata” da aiutare, con il “cuore parcheggiato” nel quale non entra l’inquietudine che ti fa muovere. “Ci muoviamo ma come in un labirinto, non troviamo la porta di uscita, la strada e andiamo lì, girando e girando dentro le cose senza uscirne”.

Tutti sbagliamo nella vita, prosegue Francesco, “ma l’importante è non rimanere sbagliati”. Cita un canto degli Alpini che invita a non restare per terra, una volta che si è caduti. Rialzarsi anche grazie a chi aiuta a risollevarsi, senza mai guardare dall’alto in basso chi è caduto, perché “è indegno”. “Tante volte noi nella vita troviamo una mano che ci aiuta a sollevarci: anche noi dobbiamo farlo con gli altri: con l’esperienza che noi abbiamo, farlo con gli altri”.

LEGGI ANCHE: Papa Francesco: ‘Il diavolo entra così nelle case..’. Bisogna fare attenzione!

Esperienza contagiosa

Prima di salutare invita a mettere a frutto quanto vissuto per generare il bene vero:

Io mi auguro che la vostra esperienza sia feconda, che sia come il seme, che si semina e poi cresce, cresce… Che sia come una malattia buona: si contagia. Un’esperienza contagiosa. E che sia liberatrice, che apra delle porte a tanta gente che ha bisogno di vivere l’esperienza che voi avete vissuto.

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,157FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Novena Immacolata, giorno 2, 30 novembre 2021

Novena all’Immacolata Concezione. E’ il 2° giorno: Preghiera per chiedere grazie,...

Recitiamo insieme il 2° giorno della Novena all’Immacolata Concezione, martedì 30 novembre 2021  Non vi è alcun dubbio: la festa dell'Immacolata Concezione è una delle...