La bellissima preghiera di Giovanni Paolo II alla Madonna del Carmine e lo scapolare che gli salvò la vita

«Pure io, fin dalla mia giovinezza porto al collo lo scapolare del Carmelo»

GIOVANNI PAOLO IL FU MOLTO DEVOTO DELLA MADONNA DEL CARMELO. PER CONOSCERE MEGLIO LA SUA SPIRITUALITÀ MARIANA VENGONO RIPROPOSTI ALCUNI TESTI, TRATTI DAL SUO MAGISTERO DI PASTORE UNIVERSALE DELLA CHIESA.

Parlando delle origini della mia vocazione sacerdotale, non posso dimenticare il filo mariano. C’era sulla collina del mio paese d’origine un monastero Carmelitano, la cui fondazione risaliva ai tempi di San Raffaele Kalinovvski. Gli abitanti di Wadowice lo frequentavano in gran numero, e ciò non mancava di riflettersi in una diffusa devozione per lo Scapolare della Madonna dei Carmine. Anch’io lo ricevetti, credo all’età di dieci anni, e lo porto tuttora. (DA DONO E MISTERO. Nel 50° del mio sacerdozio)

Oggi ricorre, nella liturgia, la Memoria della Beata Vergine del Monte Carmelo. Questa memoria è particolarmente cara a tutti i devoti della Madonna del Carmine. Pure io, fin dalla mia giovinezza, porto al mio collo lo Scapolare della Vergine e mi rifugio con fiducia sotto il mantello della Beata Vergine Maria, Madre di Gesù. Auguro che lo Scapolare sia per tutti, particolarmente per i suoi fedeli che lo portano, aiuto e difesa nei pericoli, sigillo della pace e segno della tutela di Maria. (UDIENZA GENERALE, Castelgandolfo, Mercoledì, 16 luglio 2003)

… Il ricco patrimonio mariano del Carmelo è divenuto, nel tempo, attraverso la diffusione della devozione del Santo Scapolare, un tesoro per tutta la Chiesa. Per la sua semplicità, per il suo valore antropologico e per il rapporto con il ruolo di Maria nei confronti della Chiesa e dell’umanità, questa devozione è stata profondamente e ampiamente recepita dal popolo di Dio, tanto da trovare espressione nella memoria del 16 luglio, presente nel Calendario liturgico della Chiesa universale.

Anch’io porto sul mio cuore, da tanto tempo, lo Scapolare del Carmine! Per l’amore che nutro verso la comune Madre celeste, la cui protezione sperimento continuamente, auguro che  quest’anno mariano aiuti tutti i religiosi del Carmelo e i pii fedeli che la venerano finalmente, a crescere nel suo amore e a irradiare nel mondo la presenza di questa Donna dei silenzio e della preghiera, invocata come Madre della misericordia, Madre della speranza e della grazia.

Con questi auspici imparto volentieri la Benedizione Apostolica a tutti i frati, le monache, le suore, i laici e le laiche della Famiglia Carmelitana, che tanto operano per diffondere tra il popolo di Dio la vera devozione a Maria, Stella dei mare e Fiore del Carmelo!
(MESSAGGIO ALL’ORDINE DEL CARMELO, dal Vaticano, 25 marzo 2001)

Preghiera del Santo Papa Giovanni Paolo II alla Madonna del Carmelo


Santa Madre della Speranza, Vergine del Carmine,
distendi come mantello di protezione, sulle città e sui paesi,
sugli uomini e le donne, sui giovani e i bambini,
sugli anziani e gli ammalati, sugli orfani e gli afflitti,
sui figli fedeli e le pecore smarrite.
Stella del mare e Faro di luce,
conforto sicuro per il popolo pellegrino,
guida i suoi passi nel suo peregrinare terreno,
affinché percorra sempre sentieri di pace e di concordia,
cammini di Vangelo, di progresso, di giustizia e di libertà.
Riconcilia i fratelli in un abbraccio fraterno;
che spariscano gli odi e i rancori,
che si superino le divisioni e le barriere,
che si appianino i conflitti
e si rimarginino le ferite.
Fa’ che Cristo sia la nostra Pace,
che il suo perdono rinnovi i cuori,
che la sua Parola sia speranza
e fermento nella società.
Amen 

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome