HomeNewsItaliae et EcclesiaL'8 Dicembre ci sarà l'accensione e la benedizione dell'albero e del Presepe...

L’8 Dicembre ci sarà l’accensione e la benedizione dell’albero e del Presepe ad Assisi dedicati ai terremotati

L’Arcivescovo mons. Renato Boccardo, unitamente a tutta la Chiesa di Spoleto-Norcia, con un messaggio ha ringraziato sentitamente i Frati Minori Conventuali della Basilica di S. Francesco in Assisi per la vicinanza in questo momento di provaSi terrà giovedì 8 dicembre l’accensione e la benedizione dell’albero di Natale e del Presepe nella piazza inferiore della Basilica di San Francesco d’Assisi dedicati ai terremotati del centro Italia.

0676efff29_la-nostra-proposta-per-il-pranzo-di-natale-2

Per l’occasione verrà installato un presepe con le pietre della Chiesa Cattedrale di Norcia e della Basilica di San Benedetto crollata durante il terremoto del 30 ottobre. L’albero di 14 metri, la cui istallazione e illuminazione è offerta dalla Regione Piemonte, proviene dalla Valnerina, area colpita dal sisma. Al suo posto verranno ripiantati, nelle zone terremotate, altri cinque alberi.

Alle17.00 si terrà la Santa Messa nella Basilica Inferiore di san Francesco presieduta dal Prefetto del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, Cardinale Peter Turkson. Al termine della celebrazione, alle 18.10, si terrà la cerimonia di accensione e benedizione aperta dal Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Mauro Gambetti, durante la quale verranno consegnati dei doni alle famiglie più bisognose. Tra i presenti all’evento natalizio oltre 50 cittadini di Norcia e i profughi ospitati dalla Caritas Diocesana di Assisi.
Parteciperanno all’evento anche il Sindaco di Betlemme, Vera Baboun, l’arciprete della parrocchia della Concattedrale di Santa Maria in Norcia, don Marco Rufini, e un rappresentante della Regione Piemonte.

“Abbiamo allestito sulla piazza inferiore di San Francesco – dichiara padre Mauro Gambetti – un Presepe con le rovine della Cattedrale di Norcia e della Basilica di San Benedetto. Lì, al centro, la culla: un elmetto dei Vigili del Fuoco. Il terremoto, come ogni crisi dell’anima, è l’occasione per vivere la sconcertante ed affascinante scoperta e possibilità d’incontro autentico con gli altri. Per questo Natale vorremmo far nascere dentro di noi una nuova vita, una vita per l’Altro”.

Foto di F.Troccoli
Foto di F.Troccoli




Per l’occasione ci sarà anche il coro di voci bianche, alunni delle classi IV e V dell’Istituto Comprensivo Assisi 1 diretto da Giulia Rinaldi e accompagnato al pianoforte da Emiliano Piermatti, che si esibirà con i tradizionali canti natalizi.

“La visita del Sindaco di Betlemme, alle celebrazioni e all’accensione dell’albero di Natale nella piazza Inferiore di San Francesco, è molto importante – dichiara il Sindaco Stefania Proietti – e conferma il ruolo centrale della città Serafica nel mondo. Il legame con Betlemme, città gemellata con Assisi dal 1988, sulle orme di San Francesco, è fondamentale per le relazioni che la nostra città mantiene nel mondo e per rafforzare la rete che ci vede centrali nel dialogo interreligioso e interculturale in piena attinenza con lo Spirito di Assisi”.
Questa la nota del direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, padre Enzo Fortunato.

L’Arcivescovo mons. Renato Boccardo, unitamente a tutta la Chiesa di Spoleto-Norcia, con un messaggio ha ringraziato sentitamente i Frati Minori Conventuali della Basilica di S. Francesco in Assisi, in modo particolare il Custode padre Mauro Gambetti, per la vicinanza in questo momento di prova.





Redazione Papaboys (Fonte www.sanfrancescopatronoditalia.it/Roberto Pacilio)

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Iscriviti alla newsletter gratuita