Jess «Il cancro ha mangiato l’occhio, poi 5 tumori al cervello ma sono sopravvissuta»

Jess Van Zeil, giovanissima e sorridente! Un cancro gli ha mangiato un occhio, poi cinque tumori al cervello ma è VIVA.

Jess Van Zeil

«Il cancro mi ha mangiato l’occhio, poi sono arrivati 5 tumori al cervello ma sono sopravvissuta». La storia di Jess Van Zeil è di quelle che mettono i brividi. Ma che allo stesso tempo aprono il cuore. Il coraggio e la forza di volontà di questa ragazza di 21 anni è un esempio di gioia di vita e di speranza. Di come il sorriso sia riuscito a sconfiggere la sfortuna più atroce. E lo ha raccontato lei stessa nel suo blog.

LEGGI ANCHE: Preghiera per la guarigione di un malato

Sono una sopravvissuta grazie a un atteggiamento positivo

«Ehilà, sono Jess Van Zeil e sono una sopravvissuta grazie a un atteggiamento positivo». Inizia così la lettera di presentazione della sua pagina. Parole semplici, quasi banali in confronto alla battaglia che ha dovuto affrontare e vincere. «A 21 anni mi è stata diagnosticata una forma estremamente rara di cancro, il melanoma oculare congiuntivale e ho dovuto lasciare un’avventura all’estero che aveva appena iniziato a tornare a Melbourne e combattere una delle battaglie più dure che avrei mai sopportato».

«Per 8 mesi tutto sembrava muoversi facilmente e sembrava che l’avessimo battuto con alcuni interventi localizzati – racconta Jess – Sfortunatamente, la situazione è peggiorata e nell’arco di 2 mesi sono arrivata a sentirmi dire che il cancro era tornato in modo così aggressivo che ho avuto due opzioni: o rimuovere l’occhio e chiudere l’oculare per bene o arrendermi e avere meno di 5 anni di vita».

L’asportazione dell’occhio

Una decisione tremenda da prendere tanto che «Ero così arrabbiata e confusa. “Sono così giovane, voglio solo essere normale, non voglio sembrare un mostro!” Ho urlato al mio medico mentre cercavo di aggrapparmi a qualsiasi altra opzione: chemio, radiazione. “No.” fu la sua unica risposta».

«Era la cosa peggiore che potesse capitarmi, mi sembrava di aver toccato il fondo – prosegue la ragazza – Poi ho pensato che fosse necessario qualcosa di positivo. Come se un interruttore mi balenasse nella mente, mi resi conto che questo non mi avrebbe battuto, mi era stata data una seconda possibilità. Ho tutta la mia vita davanti a me, metto i pugni e combatto. Mi sono svegliato la mattina dopo sentendomi fortemente positiva e ho deciso che non solo avrei indossato una benda sull’occhio ma avrei avuto la collezione più incredibile di bende sull’occhio che il mondo abbia mai visto».

Jess Van Zeil

La scoperta dei tumori

Ma il suo incubo era solo all’inizio. Il cancro all’occhio sembrava superato ed effettivamente lo era. Ma c’era un altro male oscuro che la stava attaccando. «Quasi un anno dopo, mi sentivo più sana che mai. Tuttavia, la mia vita ha preso un’altra svolta. Dal nulla, ho avuto un attacco. Non dimenticherò mai la sensazione mentre perdevo il controllo del mio corpo e onestamente ho pensato che sarei morta. Mi sono svegliato in preda al panico e confusa con mia madre al mio fianco. Ero di nuovo in ospedale, di fronte all’incertezza. Pensavo che i miei giorni in cui ero stata punzecchiata e spronata dai medici si erano conclusi quando persi la vista. I risultati hanno rivelato un grande tumore e molti altri piccoli nel mio cervello. Il mio cuore affondò quando mi resi conto che la mia battaglia con il melanoma era appena iniziata».

Ma Jess non ha smesso di lottare. Il suo cuore e il suo coraggio non ha mai mollato di un centimetro. «Stavo entrando nella chirurgia cerebrale sapendo che sarei potuta uscire senza poter camminare di nuovo. A 8 ore dall’intervento, con molta determinazione, sono riuscita a muovere una gamba di a pochi centimetri dal letto e ho emesso un grido eccitato. È stato in quel momento che ho realizzato che potevo davvero fare qualsiasi cosa avessi in testa! Da lì ho trascorso i 7 mesi successivi dentro e fuori dall’ospedale, in terapia e imparando a camminare e alla fine a correre di nuovo. È stato un viaggio emotivo pieno di frustrazione, ma ogni giorno mi sono concentrata sull’essere grata per le persone intorno a me, sulle opportunità che mi sono state date e sulla vita che ho vissuto».

La sua terza vita. Per il prossimo!

E così è iniziata la sua terza vita. E ha deciso di dedicarla al prossimo. «Mi trovo ancora di fronte a ostacoli, ma le mie analisi hanno costantemente dimostrato che il cancro è rimasto stabile e invariato da quando ho iniziato il trattamento ad ottobre. Ora sono pronta a spostare la mia attenzione per aiutare gli altri. Voglio aiutare tutti a rendersi conto che c’è sempre un qualcosa positivo da trovare in ogni situazione, non importa quanto possa sembrare brutto in quel momento. Non possiamo cambiare la mano che ci è stata data, ma possiamo sicuramente cambiare il modo in cui affrontiamo. Sto vivendo la mia vita al massimo – conclude Jess – essendo fortemente positiva e incredibilmente resiliente».

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome