Home News Terra Sancta et Oriens Is combatte per Kobane e il regime bombarda Daraa

Is combatte per Kobane e il regime bombarda Daraa

Is combatte per Kobane e il regime bombarda DaraaIn Siria l’aviazione del regime di Bashar al-Assad “ha lanciato più di 80 barili esplosivi sulla città di Daraa. Decine le vittime intanto è ancora battaglia a Kobane dove i jihadisti del sedicente Stato islamico sono tornatati ad attaccare la città a maggioranza curda che accusa di coinvolgimento la Turchia. Ankara respinge e parla di menzogne e propaganda. Il servizio di Marina Calculli per la Radio Vaticana

L’Isis sta cercando di riconquistare la città siriana di Kobane,  violenti scontri con le forze curde. Le forze curde avevano conquistato la città siriana al confine con la Turchia lo scorso gennaio dopo una lunga campagna sostenuta anche dai raid della coalizione internazionale anti-Isis. La sconfitta dei jihadisti a kobane aveva avuto una grande eco internazionale e assunto un alto valore simbolico.

Alcuni miliziani dello Stato islmico (Isis) si sono infiltrati stamani nella periferia meridionale di Kobane-Ayn Arab. Secondo fonti nella regione di Kobane, sono in corso scontri armati dopo che l’Isis ha fatto esplodere stamani un’autobomba a un posto di blocco curdo all’ingresso meridionale della città.

Is combatte per Kobane e il regime bombarda Daraa

Intensi scontri sono in corso tra jihadisti e forze governative siriane sono in corso anche a Hasake, capoluogo dell’omonima regione nord-orientale al confine con Iraq e Turchia. Lo riferisce l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, secondo cui circa 50 tra jihadisti e lealisti sono morti finora nei combattimenti.

Tre sono state le esplosioni, assieme ad una serie di esecuzioni sommarie nella citta’ curda di Kobane, che hanno segnato una vendetta significativa per lo Stato Islamico. I combattenti del Califfato sono infatti rientrati a Kobane, solo pochi mesi fa liberata dai combattenti curdi sostenuti da molti stati occientali. Il botta e risposta che ne è seguito tra Damasco e Ankara fa parte del gioco dei ruoli. La Turchia ha spesso chiuso un occhio nei confronti degli attacchi dello Stato Islamico contro i curdi.

Is combatte per Kobane e il regime bombarda Daraa

Asad, dal suo canto, ha costruito su ciò una parte di propaganda personale. Lo Stato Islamico comunuque è sempre piu’ presente anche in aree vicino a Damasco, dove ancora ieri sono stati decapitate 16 uomini appartenenti ai ribelli che combattono contro Asad e contro lo Stato Islamico. I ribelli anti-Asad, attivi nel sud, ieri hanno riattaccato Daraa, la città simbolica dove cominciò la rivoluzione contro la dittatura di Bashar al-Asad e fino a ieri ritornata nelle mani del regime. Ma la crisi più preoccupante in questo momento è quella dell’aiuto umanitario per i rifugiati siriani. Su 4 miliardi e mezzo richiesti, solo poco più di un miliardo è giunto alla fine del mese di Maggio.

A cura di Redazione Papaboys fonti ANSA e Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,924FansLike
17,707FollowersFollow
9,706FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

italia dati terapia intensiva 28 aprile 2020

Coronavirus, 300 contagi in Italia nelle ultime 24 ore. I morti...

In Italia i nuovi casi di coronavirus sono 300, di cui 148 in Lombardia, mentre si registrano altre 92 vittime (34 in Lombardia, dove sono state...