Home News Pax et Justitia Io, sacerdote caldeo costretto a fuggire da Qaraqosh

Io, sacerdote caldeo costretto a fuggire da Qaraqosh

church_isilLa drammatica testimonianza di padre Paolo Thabit Mekko: «Obbligati da bande di fanatici criminali a fuggire dalle proprie case e a sopravvivere per strada come mendicanti»

Padre Paolo Thabit Mekko, sacerdote caldeo iracheno di Qaraqosh, aveva passato gli ultimi mesi a riaprire pozzi e far funzionare generatori di corrente per i profughi fuggiti da Mosul, dopo che la seconda città irachena era caduta nelle mani dei jihadisti dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante. Adesso anche lui si trova a vivere la condizione del rifugiato, insieme alle migliaia di fuggiaschi della Piana di Ninive sparpagliati per le strade, le chiese e i terreni di Ankawa, il sobborgo a maggioranza cristiana di Erbil, la capitale del Kurdistan iracheno. Mentre racconta la notte della fuga, nella sua voce si avverte tutta la rabbia e l’amarezza di un popolo umiliato. «Alle due di mattina» spiega a Vatican Insider padre Paolo «abbiamo visto che le milizie curde dei Peshmerga abbandonavano la linea di scontro con quelli dell’Isil e si ritiravano. Non sappiamo perché è successo. Ma certo non potevamo rimanere senza la loro protezione. Le famiglie avevano già iniziato a scappare da parecchie ore. Siamo saliti sulle macchine, sui carri e sui pulmini, un fiume di gente terrorizzata, tutti di corsa sulle strade verso il Kurdistan».

Le milizie jihadiste sono entrate a Qaraqosh dopo le sei di mattino. Secondo vari testimoni, sono passati nelle strade delle città della Piana di Ninive con gli altoparlanti intimando a chi era rimasto di andarsene via. «Sulle strade verso Erbil» riferisce il sacerdote caldeo «si sono creati ingorghi di auto durati per ore. Adesso la gente è sparpagliata per strade e parchi, lasciata a se stessa, contenta solo di essere ancora viva. Ad assisterli ci sono i volontari della diocesi, ma fanno quello che possono. I rifugiati hanno lasciato dietro di se tutto quello che avevano. E sanno che quelli del Califfato entrano nelle case e nelle chiese e rubano tutto, come hanno già fatto a Mosul».

Ma tra i profughi cristiani il disastro di un popolo in fuga non viene addebitato solo al fanatismo feroce dei jihadisti: «La gente» spiega padre Paolo «da la colpa al governo, che dopo la caduta di Mosul per due mesi non ha fatto niente, lasciando che tutto degenerasse». E si svela anche l’inconsistenza delle promesse di quei politici cristiani che fino a ieri inseguivano il sogno di trasformare la Piana di Ninive in una regione autonoma da assegnare ai cristiani. «Adesso» conclude amaro il sacerdote «quello che rimane davanti agli occhi è l’assurdità di popoli eredi di quattromila anni di civiltà, costretti da bande di fanatici criminali a fuggire dalle proprie case e a sopravvivere per strada come mendicanti».

Di Gianni Valente per Vaticanisider, supplemento web del Quotidiano La Stampa
fonte: http://vaticaninsider.lastampa.it/nel-mondo/dettaglio-articolo/articolo/iraq-irak-irak-35679/

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,853FansLike
19,463FollowersFollow
9,785FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

triduo chiara luce badano

Triduo per chiedere una grazia con l’intercessione della beata Chiara Luce...

Triduo per chiedere una grazia con l'intercessione della beata Chiara Luce Badano. Inizia oggi, lunedì 26 ottobre 2020