Invocazione potente alla Vergine di La Salette da recitare oggi per chiedere una grazia

INVOCAZIONI A N. S. DE LA SALETTE

Nostra Signora de La Salette, Madre di Dio, prega per noi.

Nostra Signora de La Salette, Regina e Madre degli uomini, prega per noi.

Nostra Signora de La Salette, Messaggera della misericordia divina, prega per noi.

Nostra Signora de La Salette, Mediatrice onnipotente, prega per noi.

Tu che trattieni il braccio del Signore sdegnato contro di noi, prega per noi.

Tu che tante lacrime hai versato sopra i nostri peccati e le nostre sciagure, prega per noi.

Nostra Signora de La Salette

Tu che tanta sollecitudine hai per noi, nonostante le nostre ingratitudini, prega per noi.

Tu che con materna insistenza ci solleciti a ricorre-re a Te, prega per noi.

Tu che tanto ci rimproveri la dissacrazione della Domenica e la bestemmia, prega per noi.

Tu che tanto amaramente ti sei lamentata per la profanazione delle cose sante, prega per noi.

Tu che ci hai raccomandato la preghiera, special-mente quella del mattino e della sera, prega per noi.

Tu che così fortemente hai condannato le nostre sensualità e gli ignobili piaceri del mondo, prega per noi.

Tu che tanto teneramente ci hai ricordato la Passione di Gesù, prega per noi.

Tu che con la tua Apparizione ci hai donato una nuova sorgente di salvezza per i poveri peccatori, prega per noi.

Tu che inviti premurosamente i giusti ad aumenta-re di fervore, prega per noi.

Tu che con le tue profetiche minacce hai di saluta-re sgomento scosso il mondo, prega per noi.

Tu che prometti tanti beni a chi si converte, prega per noi.

Tu che ai tuoi piedi hai fatto zampillare un’acqua miracolosa, prega per noi.

Tu che come Gesù guarisci ogni infermità, prega per noi.

Tu che vuoi essere conosciuta, amata e invocata su tutta la terra, prega per noi.

Tu che hai fatto nascere e prosperare tante opere riparatrici, prega per noi.

Nostra Signora de La Salette, esempio vivo di carità, prega per noi.

Vittima di penitenza e di espiazione, prega per noi.

Specchio di modestia e di semplicità, prega per noi.

Vessillo d’obbedienza e di sottomissione, prega per noi.

Focolare di zelo e di apostolato, prega per noi.

Provvidenza dei poveri e dei piccoli, prega per noi.

Luce dei ciechi e degli ignoranti, prega per noi.

SONY DSC

Consolazione degli infermi e degli afflitti, prega per noi.

Speranza dei disperati, prega per noi.

Sostegno della Chiesa militante, prega per noi.

Avvocata della Chiesa sofferente, prega per noi.

Gloria della Chiesa trionfante, prega per noi.

Per le amare tue lacrime, rendici docili alla legge del tuo divin Figlio, O MARIA, ASCOLTACI!!

Per le abbondanti tue lacrime, intercedi per noi la grazia di piangere i nostri peccati, O MARIA ASCOLTACI!!

Per i tuoi materni affanni, ottienici la rassegnazione in tutti i nostri mali, O MARIA ASCOLTACI!!

Per tutte le tue Apparizioni, risveglia la fede nel tuo popolo, O MARIA ASCOLTACI!!

Per i tuoi sguardi rivolti a Roma, rendici sempre più uniti alla (SANTA SEDE) O MARIA ASCOLTACI!!

Per la tua ineffabile tenerezza, fa’ che ti amiamo sempre più, O MARIA ASCOLTACI!!

Per la tua incomparabile bellezza, accresci in noi il desiderio del Cielo, O MARIA ASCOLTACI!!

Per la tua nuova assunzione, portaci insieme con te, O MARIA ASCOLTACI!!

Nostra Signora de La Salette, Riconciliatrice dei peccati, prega sempre per noi, che a Te ricorriamo.

PREGHIAMO: Signore Gesù Cristo, che nella tua infinita misericordia, ci, hai mandato sulla montagna de La Salette, la tua gloriosissima Madre per richiamarci ai nostri do-veri di cristiani, fa’ che commossi alle sue lacrime e do-cili ai suoi ammonimenti, possiamo placare il giusto tuo sdegno con una sincera penitenza e meritare con le nostre buone opere, la grazia di goderti eternamente in Cielo. O Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. AMEN.

Le misteriose apparizioni di La Salette

CANTO alla MADONNA de LA SALETTE (melodia “Il tredici maggio”)

  1. DAL CIEL INFINITO, fermasti il tuo vol, sul monte fiorito fra un nimbo di sol. Rit. Ave, Ave…
  2. Riconciliatrice, portavi sul cuor l’insegna vittrice di Cristo Signor.
  3. Un serto t’ornava di vivo splendor, Ma il pianto velava del ciglio il fulgor.
  4. I piedi posasti sul secco ruscel E ai bimbi svelasti la strada del Ciel.
  5. Al mondo sì tristo bruttato dal mal Minacci di Cristo lo sdegno fatal.
  6. Il giorno che Dio a sé riserbò

L’uom pose in oblio e ai campi tornò.

  1. Sui labbri fiorisce bestemmia crudel, ma il grano marcisce sul fragile stel.
  2. Pregate il Signore con fede e ardor, e vinca l’amore il suo giusto furor.
  3. Al mondo lontano dal retto sentier recate il sovrano, materno voler.

 

LA FONTE DELLE LAGRIME DI MARIA E LA NOSTRA RIPARAZIONE

Ribellione contro Dio e la sua Chiesa, peccati di empietà e d’insensibilità

Riparazione: sottomissione a Dio, abnegazione alla causa della Chiesa, fedeltà alla grazia.

Profanazione della Domenica

Riparazione: santificazione di questo santo giorno per mezzo delle opere di pietà e di carità.

Bestemmie e imprecazioni

Riparazione: adorare e benedire spesso il nome del Signore soprattutto quando viene bestemmiato.

Diserzione delle chiese, profanazione dei santi mi-steri

Riparazione: spesso e con fede assistere alla Messa e visita-re N.S.G.C. nel santo Tabernacolo.

Violazione del digiuno e dell’astinenza

Riparazione: fedele osservanza delle leggi della Chiesa; spirito di mortificazione.

Dimenticanza della preghiera

Riparazione: amore della preghiera. Preghiera in comune. Indifferenza e ingratitudine verso la stessa santa Vergine: “Dopo tutto il tempo che io soffro per voi e voi non ci fate caso!”

Riparazione: pietà filiale verso Maria. Zelo per il culto della sua apparizione.

“Ebbene, miei figli, voi lo farete conoscere a tutto il mio popolo!”

 

PREGHIERA

Ricordati, o nostra Signora de La Salette, Maria Madre di dolori, delle lacrime che hai versato per me sul Calvario e durante la tua misericordiosa apparizione; ricordati anche delle pene che ti prendi sempre per me per sottrarmi alla giustizia di Dio; e vedi se dopo aver fatto tanto per questo tuo figlio possa abbandonarlo.

Rianimato da tale consolante pensiero, io mi getto ai tuoi piedi, nonostante le mie infedeltà e ingratitudini. Non respingere la mia preghiera, o Vergine Riconciliatrice, ma convertimi, fammi la grazia di amare Gesù sopra ogni cosa e di consolare Te pure con una santa vita affinché io possa un giorno contemplarti in cielo. Amen.

Ven. Annibale M. di Francia

 

(Tratto da: “LA SALETTE 1846 – IL MESSAGGIO DELLE LACRIME” Maria Chiara Carulli – Cenacoli di vita mariana per il Regno di Cristo – Fabrosa Soprana)

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome