Vangelo (18 Settembre) Neanche in Israele ho trovato una fede così grande

peterLc 7,1-10
Neanche in Israele ho trovato una fede così grande

In quel tempo, Gesù, quando ebbe terminato di rivolgere tutte le sue parole al popolo che stava in ascolto, entrò in Cafàrnao. Il servo di un centurione era ammalato e stava per morire. Il centurione l’aveva molto caro. Perciò, avendo udito parlare di Gesù, gli mandò alcuni anziani dei Giudei a pregarlo di venire e di salvare il suo servo. Costoro, giunti da Gesù, lo supplicavano con insistenza: «Egli merita che tu gli conceda quello che chiede – dicevano –, perché ama il nostro popolo ed è stato lui a costruirci la sinagoga». Gesù si incamminò con loro. Non era ormai molto distante dalla casa, quando il centurione mandò alcuni amici a dirgli: «Signore, non disturbarti! Io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto; per questo io stesso non mi sono ritenuto degno di venire da te; ma di’ una parola e il mio servo sarà guarito. Anch’io infatti sono nella condizione di subalterno e ho dei soldati sotto di me e dico a uno: “Va’!”, ed egli va; e a un altro: “Vieni!”, ed egli viene; e al mio servo: “Fa’ questo!”, ed egli lo fa». All’udire questo, Gesù lo ammirò e, volgendosi alla folla che lo seguiva, disse: «Io vi dico che neanche in Israele ho trovato una fede così grande!». E gli inviati, quando tornarono a casa, trovarono il servo guarito.

Egli merita che tu gli conceda quello che chiede

Il merito è un obbligo di giustizia contratto presso il Signore. Quando un uomo osserva con fedeltà la Parola del suo Dio acquisisce presso il Signore il diritto di ricevere tutti quei beni che la Parola osservata contiene in sé. La misericordia di Dio dona la Parola che contiene per noi il bene. È però l’osservanza della Parola che diviene obbligo di giustizia in Dio. Se la misericordia non si trasforma in Dio in obbligo di giustizia, rimane misericordia promessa, ma che in nessun modo potrà mai essere data. L’uomo, con la sua obbedienza alla Parola, non l’ha trasformata in un debito di giustizia. Questa verità è stata rivelata dal Signore già ad Abramo, proprio agli inizi della storia della salvezza.

Dopo tali fatti, fu rivolta ad Abram, in visione, questa parola del Signore: «Non temere, Abram. Io sono il tuo scudo; la tua ricompensa sarà molto grande». Rispose Abram: «Signore Dio, che cosa mi darai? Io me ne vado senza figli e l’erede della mia casa è Elièzer di Damasco». Soggiunse Abram: «Ecco, a me non hai dato discendenza e un mio domestico sarà mio erede». Ed ecco, gli fu rivolta questa parola dal Signore: «Non sarà costui il tuo erede, ma uno nato da te sarà il tuo erede». Poi lo condusse fuori e gli disse: «Guarda in cielo e conta le stelle, se riesci a contarle»; e soggiunse: «Tale sarà la tua discendenza». Egli credette al Signore, che glielo accreditò come giustizia (Gen 15,1-6). Questa verità oggi è come scomparsa dalla nostra fede. Si vuole fondare tutto sulla misericordia del Signore. Nessuno sa, vuole sapere, che la misericordia del Signore necessariamente dovrà essere trasformata da noi in diritto, in giustizia, in obbligo. Cristo Gesù è la misericordia del Padre. È la misericordia promessa e posta tutta a nostra disposizione. Quando essa diviene nostra? Quando noi la trasformiamo in debito di giustizia, in diritto, in obbligo. Questo avviene solo con la nostra fede nella sua Parola. Noi crediamo, viviamo la sua Parola, il Padre deve, è obbligato per giustizia a dare tutti i beni promessi a coloro che credono e vivono nella sua Parola.

1024px-jesus_y_el_centurion_el_verones

Il Centurione ha contratto presso il Signore un debito di giustizia. Lui ama il suo popolo. Ha costruito per esso la sinagoga. È questo un grandissimo gesto di amore e di rispetto sia verso Dio che verso i figli di Israele. Può Gesù non corrispondere con l’amore ad un amore così grande? Lui è figlio del popolo del Signore. Il centurione anche per Lui ha costruito la sinagoga, permettendogli di poter onorare il Signore come conviene. Potrà Gesù essere sordo al grido di pietà che sgorga da un cuore affranto che non cerca cose per lui, ma per un suo servo? Anche questa preghiera è frutto del suo grande amore per gli altri? Potrà essere Gesù superato nell’amore da un pagano?

Mai Dio si lascia vincere in amore e sempre assolve ogni debito di giustizia. Gesù lo ha detto: “Beati i misericordiosi, perché otterranno misericordia”. A quest’uomo, che ha vissuto e vive la misericordia è dovuta ogni misericordia celeste. Ma il centurione non è solo uomo di grande carità, lo è anche di profondissima fede. Lui vede Gesù come la persona alla quale tutto il creato obbedisce. Gesù non deve muoversi. Basta che Lui dica una parola e il suo servo sarà guarito? Grande è la sua fede!

great-faith-and-the-golden-word-that-healed-the-centurions-servant

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci di grande carità e fede.

Commento a cura del Movimento Apostolico

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome