Vangelo (13 Ottobre) Se io scaccio i demoni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio.

scaccia3Lc 11,15-26
Se io scaccio i demoni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio.

In quel tempo, [dopo che Gesù ebbe scacciato un demonio,] alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demoni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo. Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. Ora, se anche Satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio. Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino. Chi non è con me, è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde. Quando lo spirito impuro esce dall’uomo, si aggira per luoghi deserti cercando sollievo e, non trovandone, dice: “Ritornerò nella mia casa, da cui sono uscito”. Venuto, la trova spazzata e adorna. Allora va, prende altri sette spiriti peggiori di lui, vi entrano e vi prendono dimora. E l’ultima condizione di quell’uomo diventa peggiore della prima».

Sempre le tenebre odiano la luce. Dove vi è luce non c’è posto per le tenebre. Perché esse continuino a regnare nel mondo è necessario che dichiarino guerra alla luce e la facciano sparire. Come? Togliendo di mezzo i portatori di essa. È questa una lotta che è iniziata nel Cielo e che finirà solo il giorno in cui luce e tenebra, figli della luce e figli delle tenebre saranno per sempre divisi. Ma questo avverrà il giorno della creazione dei cieli nuovi e della terra nuova. Fino a quell’ora, la convivenza è necessaria, come è necessaria la lotta, il combattimento della luce contro le tenebre e delle tenebre contro la luce. La vera luce sarà sempre contrastata dalle tenebre. Queste mai si arrenderanno. Giungeranno fino all’uccisione sia fisica che spirituale dei figli della luce.

Scoppiò quindi una guerra nel cielo: Michele e i suoi angeli combattevano contro il drago. Il drago combatteva insieme ai suoi angeli, ma non prevalse e non vi fu più posto per loro in cielo. E il grande drago, il serpente antico, colui che è chiamato diavolo e il Satana e che seduce tutta la terra abitata, fu precipitato sulla terra e con lui anche i suoi angeli. Allora udii una voce potente nel cielo che diceva: «Ora si è compiuta la salvezza, la forza e il regno del nostro Dio e la potenza del suo Cristo, perché è stato precipitato l’accusatore dei nostri fratelli, colui che li accusava davanti al nostro Dio giorno e notte. Ma essi lo hanno vinto grazie al sangue dell’Agnello e alla parola della loro testimonianza, e non hanno amato la loro vita fino a morire. Esultate, dunque, o cieli e voi che abitate in essi. Ma guai a voi, terra e mare, perché il diavolo è disceso sopra di voi pieno di grande furore, sapendo che gli resta poco tempo».

jesus5-1

Quando il drago si vide precipitato sulla terra, si mise a perseguitare la donna che aveva partorito il figlio maschio. Ma furono date alla donna le due ali della grande aquila, perché volasse nel deserto verso il proprio rifugio, dove viene nutrita per un tempo, due tempi e la metà di un tempo, lontano dal serpente. Allora il serpente vomitò dalla sua bocca come un fiume d’acqua dietro alla donna, per farla travolgere dalle sue acque. Ma la terra venne in soccorso alla donna: aprì la sua bocca e inghiottì il fiume che il drago aveva vomitato dalla propria bocca. Allora il drago si infuriò contro la donna e se ne andò a fare guerra contro il resto della sua discendenza, contro quelli che custodiscono i comandamenti di Dio e sono in possesso della testimonianza di Gesù. E si appostò sulla spiaggia del mare (Ap 12,7-18).

Le folle vengono prese da stupore, vedendo la grande forza di liberazione e di salvezza di Gesù Signore. I figli delle tenebre, i figli di Satana, cosa dicono invece? Accusano Gesù di connivenza “mafiosa” con il diavolo, con Beelzebùl, che è il principe dei diavoli. È questa una accusa infamante. È una calunnia e una falsa testimonianza con il solo scopo di screditare Gesù presso la folla in modo che la sua luce non penetrasse nei loro cuori. Le tenebre sempre si servono delle armi delle tenebre per distruggere la luce. La luce invece sempre si deve servire delle armi della luce per sconfiggere le tenebre. Il male si serve del male. Il bene deve servirsi sempre del bene.

gesu-scaccia-i-demoni

Gesù è il potente, il forte, il più potente, il più forte. Lui scaccia Satana con il dito di Dio.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci veri figli della luce.

Commento a cura del Movimento Apostolico

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome