Home Testimonium Il Santo di oggi 31 Dicembre: Santa Caterina Labouré, apostola della Medaglia...

Il Santo di oggi 31 Dicembre: Santa Caterina Labouré, apostola della Medaglia Miracolosa. Vita e Preghiera

Oggi la Chiesa ricorda Santa Caterina Labouré, vergine

Santa Caterina Labouré, vergine delle Figlie della Carità, che in seguito alle apparizioni della Vergine Maria a Rue de Bac fu l’apostola della Medaglia Miracolosa.

LEGGI ANCHE: Scopri tutta la storia e le grazie della Medaglia Miracolosa

La vita

Zoe Labouré (Caterina fu il nome attribuitole dopo i voti) nasce in Francia a Fain-les-Moutiers, un villaggio della Borgogna, il 2 maggio 1806; era figlia di Pietro e Maddalena Gontard, considerati tra i più onesti e pii del luogo.

La fanciulla, ben presto rimasta orfana della madre, affidò se stessa e i suoi fratelli alla Vergine Maria. Il padre, preso da molti affari, affidò Caterina alle cure di una zia a Saint Rémy.

Due anni dopo la riprese con sé e le affidò le cure della casa. Caterina cercava il più possibile di conciliare le cure domestiche con la preghiera.

Giunta all’adolescenza, San Vincenzo de’ Paoli le sarebbe apparso in sogno per invitarla a entrare nella comunità delle sue suore, cosicché ella chiese di entrare in una casa delle Figlie della Carità. Caterina, però, trovò opposizione nel padre, che aveva già dato una figlia a tale Istituto e non voleva privarsi anche del suo aiuto.

La vita della Santa, ed una preghiera per oggi. Dal canale YouTube della Redazione Papaboys

Per iscriverti gratuitamente al canale You Tube della redazionehttps://bit.ly/2XxvSRx ricordati di mettere il tuo ‘like’ al video, condividerlo con gli amici ed attivare le notifiche per essere aggiornato in tempo reale sulle prossime pubblicazioni.
Non dimenticare di iscriverti al canale (è gratuito) ed attivare le notifiche.

Prime esperienze mistiche di Caterina Labouré

Il 21 aprile 1830 Caterina comunque riuscì ad entrare come postulante tra le Figlie della Carità a Châtillon-sur-Seine. In seguito fu mandata a Parigi per il noviziato, nella Casa Madre situata in rue du Bac. Durante il noviziato avrebbe avuto numerose apparizioni, come quelle di Gesù Eucaristico e di Cristo Re (giugno 1830), ma quelle che hanno avuto nel corso del tempo la maggiore risonanza sono state quelle dell’Immacolata della “Medaglia miracolosa”.

Medaglia Miracolosa

Nella notte tra il 18 e il 19 Luglio 1830, mentre la Francia era sconvolta dal presentimento di una nuova rivoluzione (infatti, il 27 luglio cadde Carlo X), Caterina, condotta da un angelo nella grande cappella della Casa Madre, ebbe un colloquio durato più di due ore con la Madonna, che le preannunziò nuovi incontri.

Questi, infatti, avvennero a brevi intervalli l’uno dall’altro, nel settembre, il 27 novembre e nel dicembre di quello stesso anno.

Santa Caterina Labouré: vita e preghiera
Santa Caterina Labouré: vita e preghiera

Apparizione del 27 Novembre

La più nota e la più singolare delle apparizioni fu quella avvenuta il 27 novembre, nella quale si possono distinguere due fasi.

Nella prima fase la Madonna appare a Caterina, ritta su un globo avvolto dalle spire del serpente, nell’atto di offrire a Dio un altro piccolo globo dorato, simbolo del mondo e di ogni anima, ch’Ella tiene all’altezza del cuore: dalle mani della Madonna piovono sul globo inferiore due fasci di luce.

Nella seconda fase, mentre il piccolo globo d’oro scompare, le mani della Vergine si abbassano, ancora irraggianti fasci luminosi, simbolo delle grazie ottenute da Dio per la sua intercessione e, come a formare un’aureola intorno alla testa della Madonna, appaiono a caratteri d’oro le parole della giaculatoria: “O Maria, concepita senza peccato, pregate per noi che ricorriamo a Voi“.

Poi, come in un quadro, visto nel retro: la figura della Madonna scompare e al centro si staglia, luminosissima, la lettera M, al di sopra della quale appare la croce e al di sotto i Santissimi Cuori di Gesù e Maria, mentre dodici stelle fulgidissime fanno da corona.

La coniazione della Medaglia Miracolosa

Contemporaneamente una voce interiore disse a Caterina di far coniare una medaglia che riproducesse la visione.

Soltanto il 30 giugno 1832 furono coniati i primi millecinquecento esemplari. La medaglia fu presto detta “miracolosa” e fra i miracoli più belli da essa operati vi fu la conversione dell’ebreo Alfonso Ratisbonne (20 gennaio 1842).

Per desiderio espresso dalla Madonna nelle apparizioni di Parigi, nacque l’Associazione delle Figlie di Maria Immacolata (1836-47).

Nessuno, tranne i superiori, seppe mai dei favori celesti concessi a Caterina. Ella visse nella più grande umiltà e nel più assoluto silenzio e servì per quarantasei anni i poveri dell’ospizio di Enghien a Parigi.

La morte e il culto

Caterina muore il 31 dicembre 1876; quando la sua salma fu esumata, le mani che avevano toccato la Madonna e gli occhi che l’avevano veduta, apparvero straordinariamente conservati. 

È stata beatificata da Pio XI il 28 maggio 1933. Successivamente venne canonizzata da Pio XII il 27 luglio 1947.

Le sue reliquie riposano nella cappella in cui ebbe le apparizioni. La festa liturgica, per le Famiglie Vincenziane, è stabilita al 28 novembre.

VUOI ACQUISTARE UNA SEMPLICE MEDAGLIETTA DELLA MADONNA MIRACOLOSA?
.

Preghiera a Santa Caterina Labouré

O amabile Santa Caterina, tu che, prediletta fin dall’infanzia dalla Vergine Immacolata, meritasti di essere da Lei prescelta per portare al mondo il tesoro prezioso della sua Medaglia, ora che in cielo ti sazi nel contemplare eternamente quel volto di cui fin dalla terra ti fu concesso di pregustare il sorriso, ottienici che la Vergine Santissima volga anche su di noi gli occhi suoi misericordiosi e spanda i raggi delle Sue grazie sulla Chiesa, sul Sommo Pontefice, sul Clero, su tutti i devoti di quella Medaglia che possiamo con ragione chiamare anche tua.

O fortunata Privilegiata di Maria, tu ci hai assicurato, in nome di Dio e di Maria, che grandi grazie sarebbero state concesse a chi le avesse chieste con fiducia: ecco che noi ora fidenti in questa promessa domandiamo la guarigione degli infermi, la consolazione degli afflitti, la conversione dei peccatori e specialmente la grazia che ci sta tanto a cuore: dopo d’aver amato e servito Dio in terra, possiamo con te essere partecipi della sua gloria lassù in Cielo. Amen.

Recitare al termine Padre Nostro, Ave Maria, Gloria al Padre

Oppure guarda il video

Per iscriverti gratuitamente al canale You Tube della redazione: https://bit.ly/2XxvSRx ricordati di mettere il tuo ‘like’ al video, condividerlo con gli amici ed attivare le notifiche per essere aggiornato in tempo reale sulle prossime pubblicazioni.
Non dimenticare di iscriverti al canale (è gratuito) ed attivare le notifiche.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,035FansLike
20,431FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

La rubrica dedicata a Medjugorje, 17 Gennaio 2021

Invoca la Madonna di Medjugorje, Madre di bontà: messaggi e preghiera...

La rubrica per tutti i devoti della Madonna di Medjugorje Leggiamo i messaggi di Maria da Medjugorje e chiediamole una grazia oggi, 17 Gennaio I messaggi...