Home Testimonium Il Santo di oggi 29 Febbraio 2020 Beata Antonia di Firenze

Il Santo di oggi 29 Febbraio 2020 Beata Antonia di Firenze

Oggi la Chiesa ricorda la Beata Antonia di Firenze

Beata Antonia di Firenze
Beata Antonia di Firenze

Oggi la Chiesa ricorda Antonia da Firenze (Firenze, 1400 circa – L’Aquila, 29 febbraio 1472) è stata una religiosa e badessa italiana.

La vita

Nasce nel 1400 a Firenze. Si sposa giovanissima con un suo coetaneo, dal quale ebbe un figlio; ma rimase ben presto vedova; tuttavia, non volendo contrarre un secondo matrimonio nonostante le raccomandazioni dei genitori, nel 1429 decise di consacrare la sua vita a Dio e di entrare tra le terziarie francescane del Monastero di Sant’Onofrio a Firenze.

LEGGI: Oggi la Chiesa ricorda un grande martire; ecco chi era

Dal 1430 al 1433 fu poi badessa del Monastero di Sant’Anna a Foligno e, infine, trasferita all’Aquila con alcune compagne per volere della famiglia Branconio, resse per quattordici anni il Monastero di Sant’Elisabetta da poco fondato dalle terziarie francescane.

Il Monastero dell’Eucaristia

In questi anni però, non riuscendo ad appagare il suo desiderio di una sempre più profonda contemplazione, nonostante la sua intensa vita spirituale, maturò l’idea di abbandonare il Terz’Ordine per abbracciare la Regola di Santa Chiara d’Assisi; quindi, incoraggiata da San Giovanni da Capestrano, nel 1447 fondò sempre all’Aquila, insieme a tredici compagne, il Monastero dell’Eucaristia (chiamato anche del Corpo di Cristo o della Santissima Eucaristia) del quale diventò badessa.

Nel frattempo la sua fama di santità suscitò numerose vocazioni tra le fanciulle aquilane, che entrarono come clarisse nel nuovo convento; poi, dopo aver tenuto per sette anni l’ufficio di badessa, poté dedicarsi esclusivamente alla contemplazione e al silenzio.

Negli ultimi anni della sua vita fu afflitta da un’orribile piaga che seppe tenere nascosta alle consorelle.

L'urna della Beata Antonia rientra nel suo Monastero e nella sua terra
Beata Antonia di Firenze

La morte e il culto

Muore il 29 febbraio 1472 a L’Aquila; si verificaro alcuni miracoli che si verificarono prima ancora che venisse sepolta.

Viene beatificata da Papa Pio IX nel 1848.

Il suo corpo incorrotto, venerato fino al 2006 nella Chiesa del Monastero dell’eucaristia all’Aquila, è stato trasferito nel monastero delle clarisse di Santa Chiara a Paganica.

La memoria liturgica è il 29 febbraio o il 28 febbraio negli anni non bisestili.

Redazione Papaboys

Fonte it.wikipedia.org

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,880FansLike
17,138FollowersFollow
9,613FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe