Home Testimonium Il Santo di oggi 28 Ottobre: San Simone, Apostolo. Vita e Preghiera

Il Santo di oggi 28 Ottobre: San Simone, Apostolo. Vita e Preghiera

Oggi la Chiesa ricorda la figura di San Simone, Apostolo

Simone è stato uno degli apostoli di Gesù, ma ben poco è stato tramandato della sua figura, a parte il nome. Viene venerato da tutte le Chiese cristiane che ammettono il culto dei santi.

LEGGI: Oggi la Chiesa ricorda San Giuda Taddeo (VITA E PREGHIERA)

La vita

L’apostolo Simone è forse il più misterioso rappresentante del gruppo dei Dodici apostoli, sempre citato nelle liste ma con scarsissime informazioni sulla sua vita, tuttavia gli appellativi con cui viene citato e la tradizione postuma ci consegnano una figura affascinante che incarna passione, coerenza e concretezza nel perseguire obiettivi e mete precise.

Il suo profilo evangelico come appare nella lista degli apostoli

Come già prima menzionato nonostante il nome di Simone appaia in tutte le fonti che in qualche modo ci parlano degli Apostoli di Gesù, egli è forse il meno conosciuto dei Dodici. Nella cui lista è nominato all’undicesimo posto.

Stranamente infatti, a differenza degli altri Apostoli, le notizie pervenutaci sulle sue origini, sulla sua presenza in seno al collegio apostolico, sulla sua attività evangelizzatrice e sulla sua morte, sono tutte incerte e da sempre oggetto di controversia tra i vari esperti nel corso dei secoli.

Eppure di lui parlano fonti primarie, quali i tre Vangeli sinottici e gli Atti degli Apostoli. Per distinguerlo da Simon Pietro, il primo degli Apostoli, Marco e Matteo gli attribuiscono l’appellativo di Cananeo, mentre Luca e gli Atti parlano di un Simone lo Zelota. Questa doppia denominazione è all’origine di una delle più dibattute controversie sulla vita di Simone.

Per molti secoli infatti il soprannome di Cananeo ha fatto pensare a una sua possibile nascita nella città di Cana, quella del miracolo detto “delle Nozze di Cana”.

Oggi tuttavia si tende a dare credito ad una diversa spiegazione che cerca l’origine di quel “Cananeo” nella parola ebraica qana che indicava il movimento ribellista degli Zeloti, che costituì per i romani del tempo un grave problema politico e militare.

Lo zelota violento convertito da Gesù

JB Phillips nella sua traduzione del Nuovo Testamento in ciascuna delle quattro liste chiama Simone, “Simone il Patriot“. Il termine lo designa come membro di un partito politico: un “zelota“; era un Ebreo patriottico disposto a ribellarsi contro il governo romano. L’obiettivo politico era quello di liberare la Giudea dalla schiavitù romana e guidare le legioni romane del paese. Era diventato un movimento sotterraneo che era spietato e violento.

Il suo programma terrorista di omicidio e sabotaggio non liberò il paese, ma portò ad atti di vendetta da parte dei funzionari romani.

Forse Simone inizialmente venne a Gesù perché ha visto in Cristo la forza del suo gruppo necessaria per guidare con successo i romani fuori. Per molti ebrei, il Messia non era più un Salvatore spirituale, ma un Conquistatore terrena.

Si arrese davanti a Gesù che predicava un messaggio di non-violenza (Matteo 5:39, 43-44; 26:52). Simone è stato trasformato da Gesù e il suo messaggio. Era un patriota che era disposto a lavorare e combattere, ma ora contro le forze di Satana e il regno per il quale ha lavorato apparteneva a Dio.

La sua attività di evangelizzazione avvolta dalla leggenda

Dell’attività evangelizzatrice di Simone si hanno poche tracce, la più consistente delle quali è contenuta nella Legenda Aurea. Si tratta di un testo agiografico scritto nel XIII secolo dal frate domenicano Jacopo da Varagine.

San Simone Apostolo, 28 Ottobre
San Simone Apostolo, 28 Ottobre (José de Ribera – it.wikipedia.org)

La predicazione di Simone sarebbe iniziata in Egitto, probabilmente in compagnia di Bartolomeo (lui sì, originario della città di Cana). Verso il 60 d.C. fece ritorno in Galilea, dove fu forse coinvolto, dati i suoi trascorsi tra gli Zeloti, nella repressione che seguì la seconda guerra giudaica. Secondo alcune fonti è proprio per sfuggire ai Romani che si sposta con i suoi seguaci in Persia, dove si riunisce ad un altro Apostolo, Giuda Taddeo (da non confondersi con l’Iscariota). Qui continua l’opera di evangelizzazione nelle regioni della Mesopotamia e in Persia, spingendosi anche verso l’Armenia.

La tradizione cattolica lo vuole martirizzato proprio insieme a Giuda Taddeo nella città persiana di Suanir, mentre altri affermano che gli sopravvisse di molti anni, finendo col subire il martirio all’età di oltre cento anni in Abcazia, sulle sponde nord-orientali del mar Nero, dove secondo alcune fonti ortodosse sarebbe anche sepolto.

Particolarmente cruente le modalità del martirio, sulle quali tutte le varie tradizioni presentano un sostanziale accordo: Simone fu fatto a pezzi con una sega, probabilmente dopo aver subito la crocifissione.

È per questa ragione che viene spesso raffigurato con una sega in mano, ed è considerato patrono e protettore di boscaioli e taglialegna.

Le reliquie e il suo legame con San Giuda Taddeo

Le spoglie mortali di San Simone riposano a Roma nella basilica di San Pietro in Vaticano; vennero deposte insieme a quelle del compagno apostolo San Giuda Taddeo. Da quel momento sono sempre ricordati insieme nella liturgia.

Il capo di San Simone si trova tuttavia nel Museo del Duomo di Pienza mentre altri resti si trovano nel complesso conventuale di Sant’Agostino a Lanciano.

l simbolo o attributo principale di san Simone è una sega poiché secondo la tradizione fu martirizzato con questo strumento.

È il patrono dei pescatori, boscaioli, addetti alla segatura di marmi.

Le diverse interpretazioni della sua figura

Ci sono diverse interpretazioni sulle origini e il martirio di San Simone. Un’interpretazione che già appare nell’antichità, nella Chiesa abissina, lo identifica invece con Simeone figlio di Cleofa, cugino di Gesù e fratello dell’apostolo Giacomo il Minore. A quest’ultimo succedette nel 62 nella guida della Chiesa di Gerusalemme. Lo fece fino alla morte che avvenne sotto l’imperatore Traiano. (Fonte: santiebeati.it – Autore: Don Luca Roveda)

Preghiera

O Dio, che per mezzo dei tuoi beati Apostoli Simone e Giuda ci hai concesso di giungere alla conoscenza del tuo nome, concedici di celebrare con frutto la loro gloria eterna e di trarne profitto.

Redazione Papaboys

 

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,945FansLike
19,967FollowersFollow
9,825FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

divino_amore

Ogni giorno Una Lode a Maria, 1 dicembre 2020. Madonna del...

PREGHIERA ALLA MADONNA DEL DIVINO AMORE O bella Vergine Immacolata Maria, Madre di Dio e Madre nostra, o Madonna del Divino Amore, a te rivolgiamo...