Il Santo di oggi 27 Novembre 2019 San Virgilio, Vescovo

San Virgilio fu inizialmente un monaco irlandese e abate; lasciata l’Irlanda si recò in Francia e successivamente si recò a Salisburgo dove divenne vescovo.

San Virgilio

 

Etimologia: Virgilio = verdeggiante, dal latino

Emblema: Bastone pastorale

LEGGI ANCHE: Oggi è la Beata Vergine della Medaglia Miracolosa!

Onorato da vivo e da morto, ma poi dimenticato, questo santo è stato riscoperto nella sua diocesi quasi cinque secoli dopo la sua morte. Poi, per altri cinque secoli, rieccolo ancora “precario”, prima di essere infine registrato nel Martirologio romano.

La vita

Virgilio (Vergilius) è la trasposizione latina di Fergal, il suo nome d’origine nella lingua celtica dell’Irlanda, l’isola, che non è stata mai soggetta all’Impero romano e che è diventata cristiana con la predicazione di san Patrizio (morto nel 461).

Era nato da una famiglia di nobili irlandesi intorno al 700 d.C.. Poco sappiamo della sua infanza e gioventù. Fu monaco e poi abate di Aghaboe e stimato geometra. Verso il 743 lasciò l’Irlanda per la Francia; si ferma a studiare nel monastero di Quierzy-sur-Oise, presso Laon. E in quest’occasione viene presentato al nuovo padrone della Francia: Pipino, detto “il Breve” perché è piccoletto, il quale ha messo fine al potere dei sovrani merovingi.

Pipino aveva esteso la sua sovranità anche alla Baviera e a parte dell’Austria, e vuole fare di Virgilio il vescovo di Salisburgo. Lui accetta subito. Anzi, comincia a fare il vescovo ancora prima di essere consacrato. Ma lì sul posto viene subito combattuto come abusivo da chi non gradisce il suo dinamismo e il suo rigore. (Sembra che debba poi correre a Roma per la consacrazione).

San Virgilio

Il suo grande lavoro

Lavora a Salisburgo e nelle campagne come in Irlanda, su due priorità: istruzione religiosa e soccorso ai poveri. E usa le sue solite forze di prima linea: i monaci. Specialmente quelli di Innichen (San Candido, Alto Adige) e del Kremsmünster, in diocesi di Linz.

L’efficacia del suo lavoro è documentata dal fatto più convincente: lui, il forestiero accolto con diffidenza, ora è richiesto da tante parti; città e paesi vogliono i suoi missionari. A Salisburgo fa costruire la cattedrale, centro solenne e stabile di una comunità che va facendosi adulta. E quando muore, viene sepolto lì, con grandi onoranze. Onorato e poi dimenticato.

La canonizzazione

Quattrocento anni circa dopo la morte, un incendio distrugge la cattedrale: e, negli scavi per la ricostruzione, ecco emergere la sua bara.

È come se Virgilio fosse appena morto: si diffondono voci di miracoli, si raduna gente in preghiera.

La figura del vescovo d’Irlanda riemerge dal silenzio: se ne richiede la canonizzazione. Nel 1230 il processo canonico incomincia, si raccolgono le testimonianze da mandare a Roma e nel 1233, Gregorio IX proclama santo il vescovo Virgilio.

Solo nel 1740 il suo nome sarà accolto nel Martirologio romano.

Redazione Papaboys

 

Fonte santiebeati.it – Autore: Domenico Agasso

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome