Home Testimonium Il Santo di oggi 25 Novembre: Beata Elisabetta Achler, la grande mistica...

Il Santo di oggi 25 Novembre: Beata Elisabetta Achler, la grande mistica tedesca

Oggi la Chiesa ricorda la Beata Elisabetta Achler di Reute

Beata Elisabetta Achler, nota anche come Gute Beth, è stata una mistica francescana tedesca del XV secolo, beatificata da papa Clemente XIII nel 1766. Era figlia di una coppia di tessitori, Hans e Anna Achler.

LEGGI: Luisa Piccarreta: la mistica a cui appariva Gesù (VITA E PREGHIERA)

La vita

Elisabetta nasce a Bad Waldsee (Germania), il 25 Novembre 1386; era figlia di una coppia di tessitori, Hans e Anna Achler ed è cresciuta insieme ai suoi numerosi fratelli e sorelle. Poco sappiamo dei suoi primissimi anni. Fin dal quattordicesimo anno di età ebbe come padre spirituale l’agostiniano padre Konrad Kügelin (1367-1428).

Divenuta terziaria francescana, visse inizialmente in grande povertà in un’associazione di Begardi(1) nel Waldsee.

Nel 1403 si trasferì con altre giovani donne nel romitaggio di Reute; nel 1406 il romitaggio fu elevato a convento francescano e le suore seguirono la Regola del Terzo Ordine francescano. Elisabetta condusse una vita d’isolamento, povertà e preghiera: si occupava della cucina ed aveva cura dei poveri che si presentavano alla porta del convento.

La sua vita di religiosa era rivolta soprattutto alla contemplazione ed alla partecipazione alla Passione di Cristo.

Beata Elisabetta Achler di Reute, Mistica
Beata Elisabetta Achler di Reute, Mistica

Subito dopo la sua morte, avvenuta il 25 Novembre 1420, Konrad Kügelin scrisse la sua biografia in lingua latina. Poi venne diffusa in numerose versioni, anche in lingua tedesca. 

Elisabetta in questa biografia compare come una mistica. Infatti ebbe visioni, visse momenti di estasi, per tre anni visse senza toccare cibo e portò le stimmate. Ma fu soprattutto una donna del popolo, che condusse una vita da seguace di Cristo. Nel suo spirito crebbe anche Ursula Haider, che dal 1422 al 1430 fu nel convento di Reute e successivamente divenne nota come mistica badessa del convento di Villingen.

Il culto

Elisabetta Achler, la “Gute Beth” (Buona Betta), come venne chiamata per la sua vita di abnegazione, è l’unica fra le mistiche tedesche del XIV e XV secolo diventata una santa popolare ed è ancora oggi venerata.

Il culto di Elisabetta si diffuse subito dopo la sua morte e fu confermato da papa Clemente XIII nel 1766.

La sua memoria liturgica si celebra il 25 novembre. È venerata soprattutto in Svevia, in Baviera, nel Tirolo, in Svizzera, è invocata in occasione di temporali, di incendi e di guerra.

(Fonte it.wikipedia.org)

  1. Beghine e begardi sono i nomi che, a partire dal XIII secolo, furono utilizzati per indicare membri di associazioni religiose formatesi al di fuori della struttura gerarchica della Chiesa cattolica con lo scopo di una rinascita spirituale della persona tramite una vita monastica ma senza voti. 

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,048FansLike
20,431FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Crisi di governo: ecco cosa accadrà oggi

Conte resiste anche al Senato: 156 sì e 140 no, sono...

Dopo aver ottenuto ieri il disco verde alla Camera con con 321 sì, il Presidente del Consiglio incassa la fiducia anche al Senato con...